Clicca qui per scaricare

Dalla difficoltà d’apprendimento individuale agli apprendimenti del gruppo-famiglia: le presenze e le assenze che aprono il dialogo
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Alessandra Arona, Alessandra Zappino 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 63-79 Dimensione file:  285 KB
DOI:  10.3280/GRU2018-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Lo scritto che propongono le due psicoterapeute verte sulle richieste fatte dalle famiglie che si presentano con una domanda di presa in carico per i figli con pre-sunte difficoltà di apprendimento. Domande che, nel modello gruppoanalitica-mente orientato delle autrici, sono lette con una lente più costruzionista. L’intervento, infatti, è pensato per favorire la reintegrazione degli aspetti cogniti-vo-sintomatologici all’interno di una cornice storicizzante e i genitori che si pre-sentano con una aspettativa di potenziamento cognitivo si troveranno invece a esplorare altri pianeti: quello delle relazioni e degli affetti familiari. Il lavoro parte dalla consultazione della coppia genitoriale, con convocazioni mirate dei figli che da attori principali possono diventare degli "acceleratori di processo", favorendo la creazione di uno spazio differenziato. A partire dall’illustrazione di un caso cli-nico, verrà messo in evidenza come sia fondamentale costruire delle "famiglie pro-fessionali" attraverso la co-terapia e l’utilizzo di vari strumenti (psicodramma, di-segno congiunto, genogramma, regolazione assenza/presenza dei figli).


Keywords: Coppia, Convocazione dei figli, Disturbi di apprendimento, Co-terapia, Disegno della famiglia, Family art therapy.

  1. Andolfi M., a cura di (2010). Il bambino nella terapia familiare. Milano: FrancoAngeli.
  2. Bion W.R. (1962). Learning from Experience (trad. it.: Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1972).
  3. Bleger J. (1966). Psicoigiene y psicologìa institucìonal. Buenos Aires: Paidos, 1990 (trad. it.: Psicoigiene e psicologia istituzionale. Bari: La Meridiana, 2011).
  4. Boszormenyi-Nagy I. (1973). Invisible Loyalties. Reciprocity in Intergenerational Family Therapy. New York: Harper & Row (trad. it.: Lealtà invisibili. La reciprocità nella terapia familiare intergenerazionale. Roma: Astrolabio, 1988).
  5. Boszormenyi-Nagy I. (1987). Foundations of Contextual Therapy: Collected Papers of Ivan Boszormenyi-Nagy. M.D. New York: Brunner/Mazel.
  6. Caillé P. (2004). Un et un font trois. Le couple d’aujourd’hui et sa thérapie. Paris: Fabert (trad. it: Uno e uno fanno tre. Quale psicoterapia per la coppia di oggi. Roma: Armando, 2007).
  7. Cigoli V. (2017). Clinica del divorzio e della famiglia ricostruita. Bologna: Il Mulino.
  8. Donati P. (1998). Manuale di sociologia della famiglia. Roma: Laterza.
  9. Falcucci M., Mascellani A., Santona A. e Sciamplicotti F., a cura di (2006). La terapia di coppia in una prospettiva trigenerazionale. I seminari di Maurizio Andolfi. Roma: Tip. Cittadino.
  10. Fornari F. (1981). Il codice vivente. Torino: Bollati Boringhieri.
  11. Giori F. (2007). L’intervento con i genitori in assenza del figlio. In: Lancini M., a cura di, Genitori e psicologo: madri e padri di adolescenti in consultazione. Milano, FrancoAngeli, 2007.
  12. Kwiatkowska H.Y. (2001). Family Art Therapy: Experiment with a New Technique. American Journal of art therapy, 40, 1: 27-39.
  13. Lancini M., a cura di (2007). Genitori e psicologo: madri e padri di adolescenti in consultazione. Milano: FrancoAngeli.
  14. Lemaire J.-M., Despret V. e Vittone E. (2003). Clinique de Concertation et Système: à la recherche d’un cadre ouvert et rigoureux. Génération, 28: 23-26.
  15. Lemoine P. e Lemoine G. (1972). Lo psicodramma. Moreno riletto alla luce di Freud e Lacan. Milano: Feltrinelli.
  16. Lévi-Strauss C. (1949). Les structures élémentaires de la parenté. Paris: Ehes (trad. it.: Le strutture elementari della parentela. Milano: Feltrinelli, 1969).
  17. Pantone P. (2000). Treating the Parental Relationship as the Identified Patient in Child Psychotherapy. J. of Infant, Child, and Adolescent Psychotherapy, 1: 19-38., 10.1080/15289168.2000.1048633DOI: 10.1080/15289168.2000.1048633
  18. Petiva P. e Spirito M. (2017). Famiglie in transito. Terapia familiare di adolescenti con disforia di genere. Plexus, 17: 119-124.
  19. Pontalti C. (1998). I Campi Multipersonali e la Costruzione del Progetto terapeutico: un paradigma della complessità. In: Ceruti M. e Lo Verso G., a cura di, Epistemologia e psicoterapia. Complessità e frontiere contemporanee. Milano: Raffaello Cortina.
  20. Pontalti C. (2011). Trasformazioni e invarianti del Famigliare in epoca postmoderna: quale pensiero per la clinica? Plexus, 7: 38-55.
  21. Salvini F., a cura di (2018). Gli alunni con Disturbi Specifici d’Apprendimento in Pubblicazioni MIUR-Statistiche e Studi. -- Testo disponibile al sito: http://www.miur.gov.it/documents/20182/991467/FOCUS_Alunni+con+DSA_a.s.+2016_2017_def.pdf/9af5872b-4404-4d56-8ac1-8ffdbee61ef4?version=1.0
  22. Scabini E. e Cigoli V. (2000). Il familiare. Milano: Raffaello Cortina.
  23. Senise T., Aliprandi M.T. e Pelanda E. (1994). Psicoterapia breve di individuazione. La metodologia di Tommaso Senise nella consultazione con l’adolescente. Milano: Feltrinelli.
  24. Slade A. (2010). La mentalizzazione nel lavoro con i genitori nella psicoterapia infantile. In: Elliot L. Jurist, Slade A. e Bergner S., a cura di, Da mente a mente. Milano: Raffaello Cortina.
  25. Wachs C. e Jacobs L. (2006). Parent-Focused Child Therapy: Attachment, Identification, and Reflective Functioning. New York: Rowman & Littlefield.

Alessandra Arona, Alessandra Zappino, in "GRUPPI" 2/2018, pp. 63-79, DOI:10.3280/GRU2018-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche