Clicca qui per scaricare

Il pensiero fisiologico: un cambio di prospettiva
Titolo Rivista: IPNOSI 
Autori/Curatori: Valerio Pidone, Emanuele Mazzone 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 41-56 Dimensione file:  210 KB
DOI:  10.3280/IPN2019-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente lavoro propone l’ipotesi di un pensiero di natura motoria che, incar-nato nelle qualità sensoriali e percettive di matrice preverbale, appare essenzial-mente di tipo fisiologico. Le prime interazioni dell’individuo con l’ambiente for-mano quel vocabolario motorio che l’individuo, senza esserne consapevole, svi-luppa sin dalla nascita e utilizza, poi, nelle relazioni. Tali schemi pre semantici di azione possono rappresentare, in chiave fisiologica, una vera e propria forma di pensiero. Un pensiero che, per la prima volta, abbandona il suo non luogo deputa-to ovvero la mente, per spostarsi in tutto il corpo. In ottica clinica, l’ipotesi del pen-siero fisiologico può fornire una chiave di lettura per quei quadri psicopatologici connotati da difficoltà funzionali nell’interazione dell’individuo con l’ambiente. Dal punto di vista terapeutico, questa ipotesi trova giusta eco nel modello erickso-niano che annovera, tra i suoi punti di forza, l’utilizzo del corpo del soggetto come metafora concreta di cambiamento.


Keywords: Pensiero, azione, pre verbale, coscienza, metafora, ipnosi.

  1. Ruggiero G. (2011). Ipnosi, processi cognitivi ed evidenze neuroscientifiche. In Del Castello E., Ducci G., a cura di, Ipnosi e scienze cognitive. Milano: Franco Angeli.
  2. Siegel D. (2013). La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale (Seconda Edizione). Milano: Raffaello Cortina.
  3. Ammaniti M., Gallese V. (2014). La nascita della intersoggettività. Lo sviluppo del sé tra psicodinamica e neurobiologia. Milano: Raffaello Cortina.
  4. Baron-Cohen S. (1995). I precursori della teoria della mente: comprendere l’attenzione negli altri. In: Camaioni L., a cura di. La teoria della mente. Origini, sviluppo e patologia. Roma-Bari: Laterza.
  5. Baron-Cohen S. (2012). La scienza del male. L’empatia e le origini della crudeltà, Milano: Raffaello Cortina.
  6. Bernheim H. (1897). L’ipnotismo e la suggestione nei loro rapporti con la medicina legale. Paris: Doin.
  7. Bion W. (2009). Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando.
  8. Bottaccioli F. (2014). Epigenetica e psiconeuroendocrino immunologia. Le due facce della Rivoluzione in corso nelle scienze della vita. Milano: Edra.
  9. Camaioni L., Perucchini P., Muratori F., Parrini B., Cesari A. (2003), The communicative use of pointing in autism: Developmental profiles and factors related to change. European Psychiatry, 18(1): 6-12.
  10. Camaioni L. (1995). La teoria della mente. Origini, sviluppo e patologia. Roma-Bari: Laterza.
  11. Carlson N. (1991). Fisiologia del comportamento. Bologna: Zanichelli.
  12. Dehaene S. (2014). Coscienza e cervello. Come i neuroni codificano il pensiero. Milano: Raffaello Cortina.
  13. Damasio A. (1995). L’errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano. Milano: Adelphi.
  14. Damasio A. (2012). Il sé viene alla mente. La costruzione del cervello cosciente. Milano: Adelphi.
  15. Edelman G. (2007). Seconda natura. Scienza del cervello e conoscenza umana. Milano: Raffaello Cortina.
  16. Edelman G., Tononi G. (2000). Un universo di coscienza. Come la materia diventa immaginazione. Torino: Giulio Einaudi.
  17. Ellenberger H.F. (1976). La scoperta dell’inconscio. Storia della psichiatria dinamica, Volume primo. Torino: Bollati Boringhieri.
  18. Erickson M.H. (1978). Le nuove vie dell’ipnosi. Induzione della trance. Ricerca sperimentale. Tecniche di psicoterapia. Roma: Astrolabio.
  19. Ferraris Oliverio A., Liuzzo M.L., Panier Bagat M., Pilleri Senatore R. (1991). Teorie dello sviluppo cognitivo e affettivo. Roma: Bulzoni.
  20. Howlin P., Baron-Cohen S., Hadwin J. (1999). Teoria della mente. Trento: Erickson.
  21. Kandel E.R., Schwartz J.H., Jessel T.M., Siegelbaum S.A., Hudspet A.J. (2015). Principi di neuroscienze, quarta edizione italiana. Milano: casa editrice Ambrosiana.
  22. Lecce S., Cavallini E., Pagnin A. (2010). La teoria della mente nell’arco di vita. Bologna: il Mulino.
  23. Piaget J., Inhelder B. (1970). La psicologia del bambino. Torino: Piccola Biblioteca Einaudi.
  24. Piaget J. (1967). La psicologia del bambino. Torino: Piccola Biblioteca Einaudi.
  25. Pichon S., Kell C. (2013). Affective and Sensorimotor Components of Emotional Prosody Generation. Journal of Neuroscience, 33 (4): 1640-1650;, 10.1523/JNEUROSCI.3530-12.2013.DOI: 10.1523/JNEUROSCI.3530-12.2013.
  26. Rizzolatti G., Gnoli A. (2016). In te mi specchio. Per una scienza dell’empatia. Milano: BUR-Rizzoli.
  27. Rizzolatti G., Sinigaglia C. (2006). So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Milano: Raffaello Cortina.

Valerio Pidone, Emanuele Mazzone, in "IPNOSI" 1/2019, pp. 41-56, DOI:10.3280/IPN2019-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche