Clicca qui per scaricare

Cooptazione e controllo: la formazione dei consigli comunali nella Lombardia preunitaria
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Angelo Muoio 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 164 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 229-251 Dimensione file:  75 KB
DOI:  10.3280/SS2019-164002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nell’ambito della storiografia sul voto in età pre-moderna, l’articolo esamina la composizione dei consigli municipali della Lombardia preunitaria all’interno del progressivo passaggio da voto corporativistico a voto individuale. A partire dal settecento lo stato aveva cercato di scardinare il monopolio dei ceti dirigenti locali sulle assemblee, ma con risultati incerti. Sotto Napoleone, l’introduzione delle duple permise allo stato di controllare le nomine ma garantì il coinvolgimento delle élite locali. Il sistema elettorale introdotto nel 1815 sanzionò questo compromesso. Attraverso l’utilizzo del concetto di cooptazione l’autore definisce i livelli di accessibilità dei consigli comunali di sei capoluoghi di provincia, e l’incidenza dell’intervento governativo. Inserendo il caso di studio all’interno dell’evoluzione dei sistemi elettorali locali, l’autore sostiene che i ceti dirigenti lombardi riuscirono a mantenere il controllo delle assemblee, rallentando l’affermazione del voto individuale.


Keywords: Sistemi elettorali, cooptazione, Regno Lombardo-Veneto, Risorgimento, ceti dirigenti, municipi

Angelo Muoio, in "SOCIETÀ E STORIA " 164/2019, pp. 229-251, DOI:10.3280/SS2019-164002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche