Clicca qui per scaricare

Riflettere sul confine: interno ed esterno. Considerazioni conclusive
Titolo Rivista: PSICOANALISI 
Autori/Curatori:  Jorge Canestri 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  6 P. 85-90 Dimensione file:  128 KB
DOI:  10.3280/PSI2019-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Queste osservazioni si centrano sull’"inclusione dell'altro" di cui parla Jürgen Habermas (1996) e seguono il filo dell’analisi che Emile Benveniste dedica al duplice significato della parola "ospite" in latino: colui che accoglie e colui che viene ospitato. Ma perché hostis e ho-spes? Hostis in latino corrisponde al termine gotico gasts, ma il significato gotico di gasts è ospite, mentre in latino vuol dire nemico. Il passaggio da hostis a hospes, derivante nel mondo romano da un processo socio-economico-politico, è di notevole importanza; definisce un tipo di relazione e articola le nozioni di ospitalità, alterità e identità in un unico concetto. Nel pensiero psicoanalitico, la nozione di identità assume il nome di sentimento del sé (selbstgefühl). Conosciamo bene le caratteristiche di fragilità, precarietà e relatività che conno-tano questo sentimento. La psicoanalisi, Freud per primo, ha proposto di analizzare le "fasi particolari dello sviluppo del sentimento del sé (selbstgefühl) e le loro vicissitudini", a partire da uno stadio mentale molto precoce. È la condizione di maggiore o minore integrazione del soggetto e di maggiore o minore ac-cettazione della alterità costitutiva dell’identità che consente di dare ospitalità e praticare l’aequamentum, la parità nell’accettare la differenza. Habermas afferma al riguardo che: «l’uguale rispetto per chiunque (jedermann) non ri-guarda coloro che sono simili a noi, ma la persona dell’altro (gli altri) nella sua specifica diver-sità. E la responsabilità solidale verso l’altro inteso come uno di noi [..]». Concludo suggerendo che il nostro concetto di confine e la divisione tra interno ed esterno dovrebbe e debba essere rivisto considerandone le profonde implicazioni sull’uso della tecno-logia.


Keywords: Hostis-hospes, equamentum, selbstgefühl, identità, alterità.

  1. Habermas J. (1996). Die Enbeziehung des Anderen. Frankfurt: Suhrkamp.
  2. Hobsbawm J. (2017). Fully Connected. Surviving and Thriving in an Age of Overload. Lon-don-New York: Bloomsbury.

Jorge Canestri, in "PSICOANALISI" 1/2019, pp. 85-90, DOI:10.3280/PSI2019-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche