Clicca qui per scaricare

Dialogo tra psiche e materia
Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE 
Autori/Curatori:  Silvano Tagliagambe 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 31 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 16-42 Dimensione file:  431 KB
DOI:  10.3280/EDS2019-031003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La nuova concezione della realtà fisica, basata sull’entanglement quantistico e dall’"intricazione", cioè sull’indissolubile relazione tra il corpo, la mente e il mondo, ha conseguenze significative e rilevanti, che sono state analizzate con grande acume da Jung e Pauli nel loro prolungato (1032-1958) e fecondo scambio epistolare, sul dialogo tra psiche e materia. E ha profonde implicazioni anche sui fondamenti epistemologici della biologia e del-la medicina, come ha mostrato Georges Canguilhem nel suo saggio Il normale e il patologi-co, uno dei contributi cruciali alla storia della scienza nel secolo scorso, che prende come punto di partenza la particolare costituzione e struttura della biologia come scienza nel XIX secolo.


Keywords: Confine, incertezza, sovrapposizione, archetipi, sincronicità, metastabilità.

  1. Leriche R. (1939). Physiologie et pathologie du tissu osseux. Paris: Masson.
  2. Meier C.A., Jung C.G. e Pauli W. (1992). Il carteggio originale: l’incontro tra Psiche e Materia. Tr. it., A. Sparzani e A. Panepucci, a cura di. Bergamo: Moretti&Vitali, 2016.
  3. Neumann E. (l959). The significance of the genetic aspect for analytical psychology. The Journal of Analytical Psychology. 4: 2.
  4. Pauli W. (1952). L’influsso delle immagini archetipiche sulla formazione delle teorie scientifiche di Keplero. In Id.: G. Trautteur, a cura di, Psiche e natura. Milano: Adelphi, 2006.
  5. Agamben G. (2017). Creazione e anarchia. L’opera nell’età della religione capitalista. Vicenza: Neri Pozza.
  6. Battiston R. (2018). La meccanica quantistica spiegata a chi non ne sa nulla. Roma: Castelvecchi.
  7. Benini A. (2017). Neurobiologia del tempo. Milano: Raffaello Cortina.
  8. Bohr N. (1961). Il postulato dei quanti e il recente sviluppo della teoria atomica. In Id.: Teoria dell’atomo e conoscenza umana. Torino: Boringhieri.
  9. Canguilhem G. (1966). Le normal et le pathologique. Paris: Presses Universitaires de France. Tr. It: Introduzione di M. Porro, Postfazione di M. Foucault. Torino: Einaudi, 1998.
  10. Carrozzini G. (2011). Simondoniana. Commento storico-critico analitico de L’individuazione alla luce delle nozioni di forma e d’informazione. Milano-Udine: Mimesis, vol. II.
  11. Ceruti M. (2018). Il tempo della complessità. Milano: Raffaello Cortina.
  12. De Toni A.F., De Zan A. (2018). Innovazione human driven e digital driven: creare e moltiplicare il valore all’orlo del caos. In: A.F. De Toni, E. Rullani, a cura di, Uomini 4.0: Ritorno al futuro. Creare valore esplorando la complessità. Milano: FrancoAngeli, Open Access.
  13. Dostoevskij F. (1864). Ricordi dal sottosuolo. Tr. it.: G. Pacini, a cura di. Milano: Feltrinelli, 1995.
  14. Edelman G.M. (1989). The Remembered Present: A Biological Theory of Consciousnes. New York: Basic Books. Tr. it.: Il presente ricordato. Milano: Rizzoli, 1991.
  15. Edinger E.F. (1960). The ego-self paradox. Analytical Psychology, 5: 1;
  16. (1972) Ego and Archetype. New York: Penguin.
  17. Florenskij P.A. (1995). Lo spazio e il tempo nell’arte. N. Misler, a cura di. Milano: Adelphi.
  18. Giannetto E.A., Pozzi F. (2001). Pauli e Jung: una nuova prospettiva sulla scienza, sulla storia della scienza e sulla filosofia della scienza. In: V. Fano, G. Tarozzi, M. Stanzione, a cura di, Prospettive della logica e della filosofia della scienza. Soveria Mannelli: Rubbettino.
  19. Jacobi J. (1959). Complex. Archetype, Symbol in the Psychology of C.G. Jung. Princeton: University Press.
  20. Jung C.G. (1916). La psicologia dei processi inconsci. Edizione definitiva: Psicologia dell’inconscio. In: Opere, vol. 7. Torino: Bollati Boringhieri, 1991.
  21. Jung C.G. (1917/43). Gli archetipi dell’inconscio collettivo. In: Opere, vol. 7. Torino: Boringhieri, 1983.
  22. Jung C.G. (1919). Istinto e inconscio. In: Opere, vol. 8. Torino: Bollati Boringhieri.
  23. Jung C.G. (1926/46). Psicologia analitica ed educazione. In: Opere, vol. 17. Torino: Bollati Boringhieri.
  24. Jung C.G. (1928). Io e l’inconscio. In: Opere, vol. 7. Torino: Bollati Boringhieri, 1983.
  25. Jung C.G. (1936). Il concetto d’inconscio collettivo. In: Opere, vol. 9/1. Torino: Boringhieri, 1980.
  26. Jung C.G. (1940). Psicologia dell’archetipo del Fanciullo. In: Opere, vol. 9/1. Torino: Boringhieri, 1980.
  27. Jung C.G. (1942-1954). Il simbolo della trasformazione nella messa. In: Opere, vol. 11. Torino: Bollati Boringhieri, 1981.
  28. Jung C.G. (1947-54). Riflessioni teoriche sull’essenza della psiche. In: Opere, vol. 8. Torino: Boringhieri, 1976.
  29. Jung C.G. (1952). Synchronizitat als ein PrinzipaAkausaler Zusammenhange. Tr. it.: La sincronicità come principio di nessi acausali. In: Opere, vol. 8. Torino: Bollati Boringhieri, 1983.
  30. Jung C.G. (1955-56). Mysterium Coniunctionis. In: Opere, Vol. 14. Torino: Bollati Boringhieri, 1989-1992.
  31. Jung C.G. (1916, manoscritto). La funzione trascendente. 1957-1958 (prima edizione) in: Opere, vol. 8. Torino: Bollati Boringhieri.
  32. LeDoux J. (2015). Ansia, come il cervello ci aiuta a capirla. Milano: Raffaello Cortina, 2016.
  33. Leriche R. (1936). Introduction générale; De la santé à la maladie; La douleur dans les maladies; Où va la médecine? In: Encyclopédie Française, VI: 16-1.
  34. Pauli W. (1964). Teoria ed esperimento. In: Fisica e conoscenza. Torino: Bollati Boringhieri.
  35. Pauli W., Jung C.G. (1992). Ein Briefwechsel, 1932-1958. Berlin, Heidelberg: Springer-Verlag. Tr. ingl. Atom and Archetype: the Pauli/Jung lettera, 1932-1958, edited by C.A. Meier, with a predace by B. Zabriskie. Princeton, New Jersey: Princeton University Press, 2001. Tr. it. A. Sparzani e A. Panepucci, a cura di, Il carteggio originale: l’incontro tra Psiche e Materia. Bergamo: Moretti &Vitali, 2016.
  36. Rigamonti G. (2018). Logica e linguaggio comune. Un’esplorazione. Roma: Aracne.
  37. Simondon G. (2005). L’individuation à la lumière des notions de forme et d’information. Bernin-Grenoble: Jérôme Millon. Tr. it. L’individuazione alla luce delle nozioni di forma e d’informazione. G. Carrozzini, a cura di, prefazione di J. Garelli. Milano-Udine: Mimesis, 2011, vol. I.
  38. Simondon G. (2012). Du mode d’existence des objets techniques. Paris: Aubier.
  39. Taleb N.N. (2012). Antifragile: Things That Gain from Disorder. London: Allen Lane. Tr. It. Antifragile. Prosperare nel disordine. Milano: Il Saggiatore, 2013.
  40. Von Neumann J. (1932). Matematische Grundlagen der Quantenmechanik. Berlin: Springer. Tr. it. G. Boniolo, a cura di, I fondamenti matematici della meccanica quantistica. Padova: Il Poligrafo, 1998.
  41. Weil S. (1993). Quaderni IV. Milano: Adelphi, Milano.

Silvano Tagliagambe, in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 31/2019, pp. 16-42, DOI:10.3280/EDS2019-031003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche