Clicca qui per scaricare

La dimensione narrativa tra Ercole e Narciso
Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE 
Autori/Curatori: Giuseppe Scaratti 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 31 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 129-148 Dimensione file:  252 KB
DOI:  10.3280/EDS2019-031011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il contributo riprende alcune riflessioni sul rapporto tra narrazione e ambito organizzativo/formativo, mettendo in dialogo la prospettiva della Psicologia del lavoro e delle organizzazioni con alcune sollecitazioni derivanti dal pensiero di Pagliarani, con particolare riferimento alle tematiche connesse alle figure mitologiche di Ercole e Narciso. La necessità di posizionarsi in contesti caratterizzati da complessità, turbolenza e rapida evoluzione, sollecita la ripresa di una narrazione della propria traiettoria personale, lavorativa e professionale. Attraverso frammenti di discorso narrativo l’articolo intende sottolineare il potere trasformativo della dimensione narrativa nei contesti organizzativi, funzionale ad attivare processi di crescita e trasformazione.


Keywords: Narrazione, formazione, apprendere dall’esperienza, trasformazione/trasfi-gurazione.

  1. Bachtin M.M. (1988). L’autore e l’eroe. Teoria letteraria e scienze umane. Torino: Einaudi.
  2. Boje D.M. (1995). Stories of the Storytelling Organization: A Postmodern Analysis of Disney as ‘Tamara-land’. Academy of Management Journal, 38(4): 997-1035., 10.2307/256618DOI: 10.2307/256618
  3. Boje D.M. (2001). Narrative Methods for Organizational & Communication Research. London: Sage., 10.4135/9781849209496DOI: 10.4135/9781849209496
  4. Bodega D., Scaratti G. (2013). Organizzazione. Milano: Egea.
  5. Bompiani G. (1978). Lo spazio narrante. Milano: La Tartaruga.
  6. Bruner J.S. (1986). Actual Minds, Possible Worlds. Cambrdige (MA): Harvard University Press. Tr. it. La mente a più dimensioni. Roma-Bari: Laterza 1988.
  7. Bruner J.S. (1990). Acts of Meaning. Cambrdige (MA): Harvard University Press. Tr. it. La ricerca del significato. Torino: Bollati Boringhieri.
  8. Bruni A., Gherardi S. (2007). Studiare le pratiche lavorative. Bologna: il Mulino.
  9. Carmagnola F. (1989). La visibilità. Per un’estetica dei fenomeni complessi. Milano: Guerini e Associati.
  10. Cortese C. (1999). L’organizzazione si racconta. Milano: Guerini.
  11. Czarniawska B. (1997). Narrating the Organization. Chicago: The University Press. Tr. it. Narrare l’organizzazione. Torino: Edizioni di Comunità, 2000.
  12. Czarniawska B. (2004). Narratives in Social Science Research. London: Sage., 10.4135/9781849209502DOI: 10.4135/9781849209502
  13. Czarniawska B., Galgiardi P. (2003). Narratives We Organize By. Amsterdam: John Benjamins.
  14. Eco U.(1984). Sei passeggiate nei boschi narrativi. Milano: Bompiani.
  15. Garfinkel H. (1967). Studies in Ethnomethodology. Englewood Cliffs (NJ): Prentice-Hall.
  16. Gherardi S. (2000). Presentazione. In: B. Czarniawska (1997). Narrating the Organization. Chicago: The University Press. Tr. it. Narrare l’organizzazione. Torino: Edizioni di Comunità, 2000,VII-XVI.
  17. Goffman E. (1959). The Presentation of Self in Everyday Life. New York: Doubleday. Tr. it. La vita quotidiana come rappresentazione. Bologna: il Mulino, 1969.
  18. Kaneklin C., Scaratti G., (1998). Formazione e narrazione. Costruzione di significato e processi di cambiamento personale e organizzativo. Milano: Cortina.
  19. Kaneklin C., Piccardo C, Scaratti G. (2010). La ricerca-azione. Cambiare per conoscere nei contesti organizzativi. Milano: Cortina.
  20. Ivaldi S., Scaratti G. (in stampa). Narrative and conversational manifestation of contradictions: Social production of knowledge for expansive learning. Learning, Culture and Social Interaction.
  21. James W. (1907). Pragmatism: A New Name for Old Ways of Thinking. New York: Longmans, Greens and Co., 10.1037/10851-000DOI: 10.1037/10851-000
  22. Jedlowski P. (2000). Storie comuni. Milano: Mondatori.
  23. MacIntyre A. (1988). Dopo la virtù. Saggio di teoria morale. Milano: Feltrinelli.
  24. Nacamulli R.C.D. (2008). Il management. In: C. Borzaga, L. Fazzi, a cura di, Governo e organizzazione per l’impresa sociale. Roma: Carocci, 107-125.
  25. Natili F., Forti D., Pagliarani L. (2014). Saggi scelti. Milano: Guerini e Associati.
  26. Pagliarani L. (1985). Il coraggio di Venere. Milano: Cortina.
  27. Polkingorne DE. (1988). Narrative Knowing and the Human Sciences. Albany: State University of New York Press.
  28. Romano D. (2006). L’organizzazione silenziosa. Milano: Cortina.
  29. Rorty R. (1979). Philosophy and the Mirror of Nature. Princeton: Princeton University Press. Tr. it.: La filosofia e lo specchio della natura. Milano: Bompiani, 1986.
  30. Sarbin T.E. (1986). Narrative Psychology. The storied nature of human conduct. Westport, Connecticut: Praeger.
  31. Scaratti G. (1998). La formazione tra psicologia culturale ed orientamento psicosociologico. In: C. Kaneklin, G. Scaratti, a cura di, Formazione e narrazione. Costruzione di significato e processi di cambiamento personale ed organizzativo. Milano: Cortina.
  32. Scaratti G. (2014) Narrazione. In: D. Lipari, S. Pastore, a cura di, Nuove parole della formazione. Roma: Palinsesto, pp. 269-277.
  33. Scaratti G. (2016). Postfazione. Note per una immersione riflessiva nell’attività formativa. In: D. Lipari, Dentro la formazione. Etnografia, pratiche, apprendimento. Milano: Guerini e Associati, pp. 237-246.
  34. Scaratti G. (2017). Apprendere dall’esperienza. In: F. Bochicchio, P.C. Rivoltella, a cura di, L’agire organizzativo. Brescia: La Scuola, pp. 237-264.
  35. Scaratti G., KaneklinC. (2012). Forme e ragioni della formazione situata. In: V. Alastra, C. Kaneklin, G. Scaratti, a cura di, La Formazione situata. Repertori di pratica. Milano: FrancoAngeli, collana AIF, pp. 23-52.
  36. Scaratti G., Kaneklin C. (2013). Etica ed estetica nei/dei servizi. In: N. De Carlo, A. Falco, D. Capozza, a cura di, Stress, benessere organizzativo e performance. Milano: FrancoAngeli, pp. 483-496.
  37. Scaratti G., Meda M., Faldi M., Brambilla R.(2014). Lo stile della casa. Qualità dei processi di apprendimento nell’Alta Formazione in Università Cattolica. Milano: Educatt.
  38. Scaratti G., Stoppini L., Zucchermaglio C. (2009). Autori di ambienti organizzativi. Costruire le proprie pratiche lavorative. Roma: Carocci.
  39. Schütz A. (1973). Collected Papers, I. The Hague: Martinus Nijhoff. Tr. it.: Scritti sociologici. Torino: UTET, 1979.
  40. Suchman L. (1987). Plans and Situated Action: The problem of Human-machine Communication. Cambridge: Cambridge University Press.
  41. Varchetta G. (1990). Etica ed estetica nella formazione. Milano: Guerini e Associati.
  42. Varchetta G. (1993). La solidarietà organizzativa. Milano: Guerini e Associati.
  43. Zanarini G. (1998). Trasfigurazioni. Formazione ed esperienza musicale. In: C. Kaneklin, G. Scaratti, a cura di, Formazione e narrazione. Costruzione di significato e processi di cambiamento personale ed organizzativo. Milano: Cortina.
  44. Weick K.E. (1995). Sensemaking in Organizations. Thousand Oaks (CA): Sage. Tr. it.: Senso e significato nelle organizzazioni. Milano: Cortina, 1997.
  45. Wittgnenstein L. (1953). Philosophische Untersuchungen. Oxford: Blackwell. Tr. it.: Ricerche Filosofiche. Torino: Einaudi, 1967.

Giuseppe Scaratti, in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 31/2019, pp. 129-148, DOI:10.3280/EDS2019-031011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche