Clicca qui per scaricare

Il ruolo dell’Unione europea nel contrasto alla povertà: quale futuro per il reddito minimo garantito nell’ordinamento giuridico multilivello europeo?
Titolo Rivista: CITTADINANZA EUROPEA (LA) 
Autori/Curatori: Alessandro Nato 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 87-106 Dimensione file:  254 KB
DOI:  10.3280/CEU2019-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La proclamazione del Pilastro sociale europeo ha rilanciato il dibattito sulla creazione di misure volte a migliorare la dimensione sociale dell’Unione europea. In più, il contesto di crisi dimostra come sia necessario l’intervento dell’Unione per contribuire alla modulazione degli schemi di reddito minimo garantito in una prospettiva multilivello di contrasto alla povertà con azioni sia legislative a carattere vincolante, quale può essere una direttiva sui redditi minimi indirizzata all’integrazione delle persone escluse dal mercato del lavoro, sia attraverso la promozione di schemi sovranazionali di reddito minimo per facilitare l’uso della libera circolazione dei cittadini europei. Il presente contributo esamina le criticità che impediscono l’adozione di una direttiva in materia e la realizzazione di un reddito minimo europeo per i cittadini migranti che non lavorano nel momento in cui esercitano il diritto alla libera circolazione.


Alessandro Nato, in "CITTADINANZA EUROPEA (LA)" 1/2019, pp. 87-106, DOI:10.3280/CEU2019-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche