Clicca qui per scaricare

Il ruolo delle donne nel garantire il diritto alla sicurezza
Titolo Rivista: SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI 
Autori/Curatori: Laura Guercio 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 113-124 Dimensione file:  194 KB
DOI:  10.3280/SISS2019-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


C’è un comune denominatore che accomuna i movimenti estremisti e le azioni da questi commessi in Nigeria, come nel Nord Iraq, ovvero in Syria, Somalia, Pakistan. Sebbene possano mutare le località geopolitiche e le denominazioni di tali gruppi radicali, la agenda di questi ultimi rimane invariata sul tema delle donne e sulla condotta nei loro confronti. Limitare l’accesso delle donne alla educazione, restringere la loro partecipazione nella vita politica ed economica, sopprimere la loro identità e autonomia attraverso la violenza fisica e psicologica. Di queste violazioni, frutto di un conservatorismo fondamentalista, si nutrono gli estremisti di ogni religione a fronte dei quali, invece, la promozione delle donne come motrici di pace e sicurezza deve essere una delle risposte della comunità internazionale contro la radicalizzazione. Questo lavoro intende esaminare il ruolo sociale delle donne nella prevenzione delle forme estreme di violenza e nella promozione della sicurezza e della pace anche attraverso l’analisi degli strumenti giuridici internazionali che tale ruolo hanno riconosciuto e consacrato. Può esistere una effettiva sicurezza sociale senza il coinvolgimento delle donne nei processi decisionali? Questa è la domanda cui questo lavoro intende rispondere, anche attraverso l’analisi di una delle esperienze più recenti di partecipazione delle donne a quello che è considerato uno dei fenomeni sociali e politici tra i più rielevanti degli ultimi anni: le Primavere arabe che nel 2011 hanno investito la Regione del Nord Africa e del Medio Oriente, altrimenti detta area Mena.


Keywords: Gender equality; women empowerment; terrorismo.

  1. Bennouni K. (2014). Standing with those who fight fundamentalism. Huffington Post, 18 marzo 2014.
  2. Eduards M.L (1994). Women’s Agency and Collective Action. Women’s Studies International Forum 17, no. 2-3.
  3. El-Tahawy M. (2012). “Why do they hate us?”. Foreign Policy (May-June).
  4. Enloe C. (1989). Bananas, Beaches and Bases: Making Feminist Sense of International Relations. Berkeley: University of California Press.
  5. Farr V (2011). UNSCR 1325 and Women’s Peace Activism in the Occupied Palestinian Territory. International Feminist Journal of Politics 13, no. 4, December 2011: 545.
  6. Gilligan C. (1987). Trad. it.: Con voce di donna. Etica e formazione della personalità. Milano: Feltrinelli, 1991.
  7. Grassi V., Guercio L. (2018), Donne, pace e sicurezza tra essere e dover essere. La parola alle donne in Medio Oriente e Nord Africa. Milano: FrancoAngeli.
  8. Reuters Foundation (2013). Women’s rights in the Arab world. New York.
  9. Rubin A.J. (2008). Despair Drives Suicide Attacks by Iraqi Women. New York Times, 5 luglio.
  10. Sicurezza Internazionale (2018). Tunisia nel vortice della violenza: tra estremismo e forze di sicurezza. Luiss, 14 novembre.
  11. Sjoberg L. and Gentry C.E. (2011). Women, Gender and Terrorism. Athens: University of Georgia Press.
  12. Tickner J.A. (1992). Gender in International Relations: Feminist Perspectives on Achieving Global Security. New York: Columbia University Press.
  13. Unfpa (2010). State of World Population 2010. New York.
  14. Young I.M. (1990). Le politiche della differenza. Milano: Feltrinelli.

Laura Guercio, in "SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI" 1/2019, pp. 113-124, DOI:10.3280/SISS2019-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche