Cultura popolare e immaginario morale

Titolo Rivista: SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI
Autori/Curatori: Sandra Laugier
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 22 P. 9-30 Dimensione file: 259 KB
DOI: 10.3280/SP2019-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Stanley Cavell è stato senza dubbio il primo a riconoscere la trasformazione della teoria e della critica portata avanti dalla riflessione sulla cultura popolare e i suoi oggetti "ordinari", come il cosiddetto cinema popolare. Cavell definisce la filosofia come education of grownups e lo fa in parallelo con il suo scopo di conferire alla cultura popolare la funzione di cambiare noi stessi. In conformità con la sua posizione, il valore della cultura non ridiede nella "grande arte" ma nella sua capacità trasformativa, la stessa capacità che ritroviamo nel perfezionismo morale di Emerson e Thoreau. All’interno di una simile prospettiva, la vocazione della cultura popolare sta nell’educazione filosofica di un pubblico, piuttosto che nell’istituzione e nella valorizzazione di un corpus socialmente individuato.

  1. Thiellement, P. 2010. La Main Gauche de David Lynch, Twin Peaks et la fin de la télévision. Paris: PUF.
  2. Cavell, S. 1971. The World Viewed: Reflections on the Ontology of Film. New York: Viking Press
  3. — 1972. The Senses of Walden. San Francisco: North Point Press.
  4. — 1981. The Pursuit of Happiness: the Hollywood Comedy of Remarriage, Cambridge: Harvard University Press; trad. it. La ricerca della felicità, la commedia hollywoodiana del rimatrimonio. Torino: Einaudi. 1998.
  5. — Themes out of School. San Francisco: North Point Press.
  6. Chalvon-Demersay, S. 1999. Thousand Screenplays, The French Imagination in a Time of Crisis. Chicago: Chicago University Press.
  7. Dewey, J. 1954. The Public and its Problems. Chicago: Swallow Press.
  8. Diamond, C. 1991. The Realistic Spirit: Wittgenstein, Philosophy, and the Mind. Bradford Books: MIT Press.
  9. Domenach, E. 2011. Stanley Cavell, le scepticisme et le cinéma. Paris: PUF.
  10. Emerson, R.W. 1893. The American Scholar. New York: American Book Company,; trad. it. Lo studioso americano e altri saggi. Bari: B.A. Graphis. 2006.
  11. Laugier, S. 2014. Un romantisme de la démocratie. De Thoreau à Malick. Multitudes. 1, 55, pp. 83-92.
  12. — Etica e politica dell’ordinario. Milano: LED.
  13. Ogien, A., Laugier, S. 2014. Le principe démocratie: enquête sur les nouvelles formes du politique. Paris: La Découverte.
  14. Paperman, P., Laugier, S. 2005. Le souci des autres: ethique et politique du care. Paris: L’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales.
  15. Warshow, R. 1962. The Immediate Experience: Movies, Comics, Theatre & Other Aspects of Popular Culture. New York: Doubleday.
  16. Wittgenstein, L. 1953. Philosophische Untersuchungen. Oxford: GEM Anscombe e R. Rhees; trad. it. Ricerche filosofiche. Torino. Einaudi. 1993.

Sandra Laugier, Cultura popolare e immaginario morale in "SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI" 2/2019, pp 9-30, DOI: 10.3280/SP2019-002002