Clicca qui per scaricare

L’inconscio musicale nel soggetto e nella famiglia
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Ludovica Grassi 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 65-80 Dimensione file:  193 KB
DOI:  10.3280/INT2019-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La musica è un elemento chiave dell’organizzazione psichica, di cui condivide il funziona-mento, la struttura verticale ed essenziali proprietà formali. La sua essenza è nel tra, nell’intimità dell’intersoggettivo, negli intervalli tra suoni che si susseguono nel tempo e si so-vrappongono formando accordi: il silenzio, separando i suoni e le loro sequenze, è dunque il principio stesso della musica, mentre il rumore ne costituisce la componente informe. L’inconscio familiare, caratterizzato da una struttura gruppale e polifonica, accoglie il nuovo nato in una sorta di colonna sonora familiare che è espressione della sua struttura musicale, in cui la sensorialità, il movimento, la parola, la voce e i suoni corporei e ambientali contribuisco-no alla costituzione delle prime tracce esperienziali di ogni soggetto. Il rumore, nelle sue artico-lazioni con il suono e la temporalità, può assumere un ruolo dominante nelle sedute di psicoa-nalisi familiare, permettendoci di lavorare attraverso un ascolto regrediente e di entrare in con-tatto con l’inconscio musicale della famiglia.


Keywords: Ascoltare, psicoanalisi familiare, inconscio musicale, polifonia, rumore, sensorialità.

  1. Aulagnier P. (1975). La violenza dell’interpretazione. Roma: Borla, 1994.
  2. Brault A., Marty F. (2018). L’identité sonore à l’adolescence. Adolescence, 36, 2: 319-331.
  3. Busoni F. (1911). A new esthetic of music. New York: G. Schirmer.
  4. Ciccone A., Mellier D., Athanassiou-Popesco C., Carel A., Dubinsky A., Guedeney A. (2007). Le bébé et le temps. Attention, rythme et subjectivation. Paris: Dunod.
  5. Deleuze G. (1968). Differenza e ripetizione. Milano: Cortina, 1997.
  6. De Rosa B. (2019). Si vis vitam para mortem. Dalla pulsione di morte alla pulsione anarchica nel prisma del Kulturarbeit. Interazioni, 1, 49: 28-43., 10.3280/INT2019-001003DOI: 10.3280/INT2019-001003
  7. Fédida P. (2000). Par où commence le corps humain. Retour sur la régression. Paris: PUF.
  8. Feld S. (1990). Suono e sentimento. Uccelli, lamento, poetica e canzone nell’espressione Kaluli. Milano: Il Saggiatore, 2009.
  9. Freud S. (1896). Lettere a W. Fliess. Torino: Boringhieri, 1986.
  10. Gaddini E. (1959). La ruminazione nell’infanzia. In Gaddini E., Scritti. 1953-1985. Milano: Cortina, 2002.
  11. Gaddini E. (1969). Sulla imitazione. In Gaddini E., Scritti. 1953-1985. Milano: Cortina, 2002.
  12. Gaddini E. (1980). Note sul problema mente-corpo. In Gaddini E., Scritti. 1953-1985. Milano: Cortina, 2002.
  13. Grassi L. (2016). Il negativo in musica. Dalla musica alla psicoanalisi. Suoni, ritmi e trasformazioni psichiche. Roma, CPdR, 11 giugno 2016.
  14. Kaës R. (2015). L’estensione della psicoanalisi. Per una metapsicologia di terzo tipo. Milano: FrancoAngeli, 2016.
  15. Kohut H., Levarie S. (1950). On the enjoyiment of listening to music. Psychoanalytic Quarterly, 19: 64-87., 10.1080/21674086.1950.11925787DOI: 10.1080/21674086.1950.11925787
  16. Langer S. (1951). Filosofia in una nuova chiave. Roma: Armando, 1972.
  17. Lecourt E. (2011). L’intervalle musical: entre l’Autre et l’autre. Insistance, 2, 6: 119-132.
  18. Ogden T.H. (1989). Il limite primigenio dell’esperienza. Roma: Astrolabio, 1992

Ludovica Grassi, in "INTERAZIONI" 2/2019, pp. 65-80, DOI:10.3280/INT2019-002005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche