Clicca qui per scaricare

Inconscio non rimosso e intersoggettività. Una possibile convergenza tra psicoanalisi e neuroscienze
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Gabriella Giustino 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 138-145 Dimensione file:  140 KB
DOI:  10.3280/INT2019-002009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo breve contributo ho cercato di esplorare la dimensione intersoggettiva dell’inconscio avvalendomi di un possibile dialogo tra la psicoanalisi e le moderne neuroscien-ze. Ho cercato di esaminare l’interrelazione tra corpo, inconscio non rimosso, sviluppo del Sé e intersoggettività nello sviluppo mentale infantile che, nel processo analitico, si esprime con la nostra capacità di comprendere profondamente gli stati inconsci del Sé del paziente (verbalizza-ti e non). Il modello della simulazione incarnata di Vittorio Gallese e altri riscontri delle neuro-scienze a cui ho fatto riferimento, potrebbero rappresentare un correlato neurobiologico impor-tante di questa dimensione inconscia, aggiungendo un altro tassello alla comprensione dei pro-cessi diadici precoci intersoggettivi e dei fattori terapeutici implicati nel processo analitico.


Keywords: Corpo, inconscio non rimosso, sviluppo del Sé, intersoggettività.

  1. Ammaniti M., Gallese V. (2014). La nascita della intersoggettività. Lo sviluppo del Sé tra psicodinamica e neurobiologia. Milano: Cortina.
  2. Bion W.R. (1962). Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando.
  3. Bollas C. (1987). L’ombra dell’oggetto. Roma: Borla, 1989.
  4. Bowlby J. (1988). Una base sicura. Milano: Cortina, 1989.
  5. De Masi F. (2012). Lavorare con i pazienti difficili. Torino: Bollati Boringhieri.
  6. Freud S. (1922). L’Io e l’Es. OFS, vol. 9. Torino: Bollati Boringhieri, 1977.
  7. Gaddini E. (1982). Early Defensive Fantasies and the Psychoanalytical Process. International Journal of Psychoanalysis, 63: 379-388.
  8. Giustino G. (2017). Further developments on the concept of fantasy. International Journal of Psychoanalysis, 98, 3: 831-839.
  9. Iacoboni M., Dapretto M. (2006). The mirror-neuron system and the consequences of its dysfunction. Nature Reviews Neuroscience, 7, 12: 942-951.
  10. Kandel E.R. (2018). La mente alterata. Milano: Cortina.
  11. Mancia M. (2006). Implicit memory and early unrepressed unconscious (how the neurosciences can contribute to psychoanalysis). International Journal of Psychoanalysis, 87: 83-103.
  12. Money-Kyrle R. (1927-1977). Scritti. Torino: Loescher, 1985.
  13. Matte Blanco I. (1975). L’inconscio come insiemi infiniti. Saggio sulla bi-logica. Torino: Einaudi, 1981.
  14. Northoff G. (2019). La neurofilosofia e la mente sana. Imparare dal cervello malato. Milano: Cortina.
  15. Parnas J., Handest P. (2003). Phenomenology of Anomalous Self-Experience in Early Schizophrenia. In Comprehensive Psychiatry, 44, 2: 121-134.
  16. Rizzolatti G., Sinigaglia C. (2006). So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Milano: Cortina.
  17. Siegel D. (1999). La mente relazionale. Milano: Cortina, 2013.
  18. Stern D. (1999). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  19. Storolow R.D., Atwood G.E. (1992). I contesti dell’essere. Le basi intersoggettive della vita psichica. Torino: Bollati Boringhieri, 1995.
  20. Winnicott D.W. (1971). Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974.

Gabriella Giustino, in "INTERAZIONI" 2/2019, pp. 138-145, DOI:10.3280/INT2019-002009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche