Clicca qui per scaricare

Il trauma dell’analista
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Adriana Gagliardi 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  38 P. 15-52 Dimensione file:  312 KB
DOI:  10.3280/PSP2019-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo lavoro l’autrice riflette sull’impatto del trauma del pazien-te sul trauma personale dell’analista e sulle possibili difese che egli mette in atto per tutelare la propria integrità psichica. Ipotizza un mo-vimento nel setting interno dell’analista di dissociazione-integrazione, che può assumere una valenza difensiva e che fa parte dell’asimmetria necessaria a colui che cura, meccanismo che si affianca all’intreccio transferale e controtransferale, e che ne diviene parte. Come momento di integrazione che garantisce l’asimmetria della funzione di cura, l’autrice si riferisce alla capacità di essere solo del terapeuta in presen-za del paziente, sostare in aree traumatiche che non sono state elabora-te, nella consapevolezza del suo limite, dissociandosi dal qui e ora del-la seduta. In particolare, analizza lo strumento del controtransfert, sot-tolineandone la complessità e l’uso in rapporto alle aree traumatiche dell’analista. Propone alcune vignette cliniche. Seguiranno i commenti di alcuni Autori che si esprimeranno sulla tematica proposta.


Keywords: Trauma dell’analista, controtransfert, enactment, disso-ciazione, integrazione.

  1. Bion W. (1962). Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1971.
  2. Bolognini S. (2002). L’empatia psicoanalitica. Torino: Bollati Boringhieri.
  3. Correale A. (2013). La trasmissione del trauma. Quaderni di Cultura Junghiana, 2: 33-37.
  4. Ferruta A. (1998). Tra Corinto e Tebe. Il controtransfert all’incrocio tra riconoscimento e accecamento. Rivista di Psicoanalisi, 2: 295-308.
  5. Filippini S., Ponsi M. (1993). Enactment. Rivista di Psicoanalisi, 39, 3: 501-516.
  6. Freud S. (1899). Ricordi di copertura. O.S.F., 2.
  7. Green A. (1982). Narcisismo di vita e narcisismo di morte. Roma: Borla, 1985.
  8. Grinberg L. (1970). The problems of supervision in psychoanalytic education. Internaional Journal Psychoanalytic, 51: 371-383.
  9. Heimann P. (1950). On countertransference. International Journal Psychoanalytic, 31: 81-84.
  10. Jacobs T.J. (1986). On contertranference enactments. Journ.of Am. Phychoan. Ass., 34: 289-307.
  11. Jacobs T.J. (1999). In cerca della mente dell’analista. Gli Argonauti, XXI, XXI, 80: 9-32., DOI: 10.17445/8665
  12. Khan M.M.R. (1983). I Sé nascosti. Torino: Boringhieri, 1990.
  13. Laplance J., Pontalis J.B. (1967). Enciclopedia della psicoanalisi. Bari: Laterza, 1973.
  14. Nissim Momigliano L., Robutti A. (a cura di). L’esperienza condivisa. Milano: Cortina.
  15. Pontalis J.B. (2000). Limbo. Milano: Cortina.
  16. Racker H. (1957). Il significato e l’impiego del contro-transfert. In: Studi sulla tecnica psicoanalitica. Roma: Armando, 1968, pp. 171-229.
  17. Starace G. (2016). Conclusioni, interruzioni, concludenze. Psicoterapia Psicoanalitica, 2: 7-25.
  18. Turillazzi Manfredi S. (1989). La nuova teoria del controtransfert. Rivista di Psicoanalisi, 3: 617-641.
  19. Vallino Macciò D. (1992). Sopravvivere, esistere, vivere: riflessioni sull’angoscia dell’analista. In: Nissim Momigliano L., Rebutti A. (a cura di). L’esperienza condivisa: saggi sulla relazione psicoanalitica. Milano: Cortina, pp. 105-128.
  20. Winnicott D.W. (1958). La capacità di essere solo. In: Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando, 1970.
  21. Winnicott D. (1965). I fini del trattamento psicoanalitico. In: Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando, 1974.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Adriana Gagliardi, in "PSICOTERAPIA PSICOANALITICA" 2/2019, pp. 15-52, DOI:10.3280/PSP2019-002002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche