Il say on pay in Italia: alcune riflessioni in vista del recepimento della direttiva SRD II
Titolo Rivista: CORPORATE GOVERNANCE AND RESEARCH & DEVELOPMENT STUDIES 
Autori/Curatori: Antonella Guida 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Suppl. 1 Special Issue Best practice and future trends in Corporate Governance Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 57-78 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/cgrds1-2019oa8425
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Il presente lavoro si concentra sull’analisi degli impatti derivanti dall’introduzione della normativa sul say on pay, sulla governance delle società quotate italiane, attraverso l’esame delle relazioni sulla remunerazione pubblicate nel 2012 e nel 2019 da un campione di primarie società del FTSE MIB. A distanza di sette anni dall’introduzione di tale normativa, è sembrato utile evidenziare, sia pure su di un piano meramente segnaletico e non statistico, l’evoluzione nell’approccio adottato in reazione al disegno delle politiche di remunerazione e al livello di disclosure offerto al mercato, oltre che nella gestione dei rapporti con gli azionisti sui temi di executive remuneration, senza tralasciare il ruolo assunto dai comitati per la remunerazione. Ciò con l’obiettivo di delineare i passi compiuti e la strada ancora da percorrere in vista dell’attuazione delle misure previste dalla Direttiva (UE) 828/2017, che comporterà rilevanti cambiamenti sui processi di definizione ed approvazione delle politiche di remunerazione degli amministratori delle società quotate.


Keywords: say on pay, relazione sulla remunerazione, executive compensation, investitori istituzio-nali, proxy advisor.

Antonella Guida, in "CORPORATE GOVERNANCE AND RESEARCH & DEVELOPMENT STUDIES" Suppl. 1/2019, pp. 57-78, DOI:10.3280/cgrds1-2019oa8425

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche