Clicca qui per scaricare

Le forme dell’O.D. Apprendimenti ispirati dall’esperienza con il Terzo Settore produttivo
Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE 
Autori/Curatori: Mauro Tomè 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 32 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 108-126 Dimensione file:  441 KB
DOI:  10.3280/EDS2019-032005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’approccio allo sviluppo organizzativo (O.D.) è davvero in crisi? È necessario definire un O.D. nuovo e attuale? Queste domande guidano lo sviluppo dell’articolo. Le risposte immediate sono due. In primo luogo, la crisi riguarda un’idea specifica di O.D. costruita sessanta o più anni fa per aiutare un’organizzazione tipica. In secondo luogo, ci sono diverse "forme" di O.D.; ognuna di queste deve essere utilizzata per un tipo specifico di organizzazione e ambiente. Ora, forse, la forma di O.D. più appropriata per rispondere alle esigenze attuali delle organizzazioni è l’"O.D. Clinico". L’O.D. Clinico è un approccio - fondato su strumenti di consulenza - che consente di affrontare il problema attuale più importante per orga-nizzazioni e manager: l’insicurezza. Questo problema è molto evidente all’interno delle organizzazioni italiane del Terzo Settore, che devono cambiare all’interno di un mondo molto diverso dal passato; per gran parte dei gestori del Terzo Settore questo obiettivo non è facile da raggiungere. Devono imparare nuove lingue, acquisire nuove capacità e così via; ma non sono sicuri che ciò sia sufficiente e non hanno buoni criteri e strumenti per verificarlo. Il "Cynefin Framework" offre criteri per connettere specifiche forme di O.D. a esigenze specifiche del periodo storico e del tipo di organizzazioni. Infine, l’autore definisce una proposta di O.D., ovvero l’"O.D. clinico" e focalizza altre forme di O.D., collegandole a caratteristiche specifiche dell’organizzazione, del suo ambiente o del suo mercato.


Keywords: Forma, insicurezza, O.D. Clinico, terzo settore, ambiente, consulenza, organizzazione, cliente

  1. Armstrong D. (2012). The Eric Miller Memorial Lecture 2012. Terms of Engagement. London: Organisational & Social Dynamics, n. 12, 2012.
  2. Beck U. (1999). La società del rischio. Roma: Carocci, 2000.
  3. Bushe G. R. (2012). Toward a Dialogic O.D. Theory of Practice – Draft 9/29/2012, Propositions about Transforming Organizations Through Dialogic O.D.
  4. Castel R. (2003). L’insicurezza sociale. Che significa essere protetti? Torino: Einaudi, 2004.
  5. Ferro A., a cura di (2013). Psicoanalisi oggi. Roma: Carocci Editore.
  6. Forti D., Varchetta G. (1991). L’approccio clinico allo sviluppo organizzativo. In: Piccardo C., a cura di, Sviluppo organizzativo. Milano: Guerini e Associati.
  7. Forti D., Varchetta G. (2001). L’approccio psicosocioanalitico allo sviluppo delle organizzazioni. Milano: FrancoAngeli.
  8. French W.L., Bell C.H. (1973). Lo sviluppo organizzativo. Milano: Isedi, 1976.
  9. Galli S., Tomè M. (2010). Il manager sociale, Milano: FrancoAngeli.
  10. Gallos J.V. (2006). Organization Development. San Francisco: Jossey-Bass.
  11. Giddens A. (1999). Il mondo che cambia. Bologna: il Mulino.
  12. Jaques E. (1970). Lavoro creatività e giustizia sociale. Torino: Boringhieri, 1978.
  13. Luhmann N. (1991). Sociologia del rischio. Milano: Bruno Mondadori.
  14. Magatti M. (2012). La grande contrazione. I fallimenti della libertà e le vie del suo riscatto. Milano: Feltrinelli.
  15. Mancia M. (2006). Sonno e sogno. Bari: Editori Laterza.
  16. Ogden T.H. (2009). Riscoprire la psicoanalisi. Milano: CIS editore.
  17. Pollina G., P. Magatti, a cura di (2013). Gruppo di lavoro, gruppo operativo. Milano: Guerini e Associati.
  18. Rice A.K. (1963). L’impresa e il suo ambiente. Una teoria sistematica dell’organizzazione aziendale. Milano: FrancoAngeli, 1973.
  19. Ronchi E., Ghilardi A. (2003). Evoluzioni della teoria e delle tecniche nell’approccio clinico alle istituzioni. In: Professione psicoterapeuta. Il lavoro di gruppo nelle istituzioni. Milano: FrancoAngeli.
  20. Schein E.H. (1987). Sviluppo organizzativo e metodo clinico. Milano: Guerini e Associati, 1989.
  21. Schein E.H. (1998). Process Consultation Revisited: Building the Helping Relationship. Upper Saddle River: Prentice Hall.
  22. Schein E.H. (2000). Culture d’impresa. Come affrontare con successo le transizioni e i cambiamenti organizzativi. Milano: Cortina Editore.
  23. Schein E.H. (2009). Le forme dell’aiuto. Milano: Cortina Editore, 2010.
  24. Sennett R. (2008). L’uomo artigiano. Milano: Feltrinelli, 2009.
  25. Snowden D., Boone M.E. (2007). A Leader's Framework for Decision Making. Harvard Business Review, November 2007.
  26. Spaltro E. (1982). Soggettività. Bologna: Patron.
  27. Tomè M. (2011). Dall’esoscheletro all’endoscheletro. In: Il welfare che verrà. Communitas, n. 56
  28. Tomè M. (2014). Servizi 2.0: i servizi sociali e la (ri)costruzione dei legami. Minorigiustizia., DOI: 10.3280/MG2014-001005
  29. Tomè M. (2017). Servizi Minori e Famiglia, precarietà del contesto e moltiplicazione dei bisogni. Minorigiustizia, n. 2., DOI: 10.3280/MG2017-00200
  30. Tagliagambe S. (2019). Dialogo tra psiche e materia. Educazione sentimentale, n. 31., DOI: 10.3280/EDS2019-031003
  31. Tranfield D.R., Smith J.S., Gill H.S., Shipton (1976). Come introdurre lo sviluppo organizzativo. Sviluppo & Organizzazione, n. 34.
  32. Trist E., Murray H., Trist B. (2016). Historical Overview: The foundation and Development of the Tavistock Institute. In: E. Trist and H. Murray, The Social Engagement of Social Science, Volume 1. A Tavistock Anthology. The Socio-Psychological Perspective., DOI: 10.9783/9781512819052-002
  33. Varchetta G. (2007). L’ambiguità organizzativa. Milano: Guerini e Associati.
  34. Winnicott D.W. (1988). Sulla natura umana. Milano: Cortina editore.

Mauro Tomè, in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 32/2019, pp. 108-126, DOI:10.3280/EDS2019-032005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche