Immigrazione e genitorialità: cognizioni genitoriali in infanzia

Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA
Autori/Curatori: Laura Elvira Prino, Donatella Scarzello, Protima Agostini, Angelica Arace
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 32 P. 159-190 Dimensione file: 285 KB
DOI: 10.3280/RIP2020-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Introduzione. Lo studio delle differenze culturali in merito alle cognizioni genitoriali in infanzia risulta importante in un contesto in cui i servizi educativi prescolari accolgono sempre piu famiglie con storie di immigrazione, al fine di sostenere pratiche inclusive e partecipative e contrastare le disuguaglianze sociali e la poverta educativa. Obiettivo dello studio e comparare, in un campione di genitori italiani e stranieri, conoscenze e credenze in merito a sviluppo ed educazione dei figli. Metodologia. Hanno partecipato allo studio 124 madri (52.4% italiane e 47.6% straniere) e 108 padri (65.7% italiani e 34.3% stranieri), con figli frequentanti il nido d’infanzia. Madri e padri hanno compilato un questionario per rilevare: informazioni socio-anagrafiche, conoscenze genitoriali sullo sviluppo infantile e sul parenting e loro fonti, obiettivi di socializzazione ed etnoteorie parentali. Risultati. Livelli di conoscenze sullo sviluppo infantile e fonti informative utilizzate differiscono tra genitori italiani e stranieri: i genitori italiani posseggono cono scenze piu accurate e si avvalgono in misura maggiore di fonti formali. Tali risultati sono influenzati, oltre che dall’appartenenza culturale, anche dalla scolarizzazione e dal genere del genitore. Mentre obiettivi di socializzazione orientati all’autonomia ed etnoteorie orientate all’indipendenza sono considerati importanti da entrambi i sottogruppi, obiettivi di tipo relazionale ed etnoteorie di tipo interdipendente sono maggiormente valorizzati dai genitori stranieri. Conclusioni. Similarita e differenze emerse tra genitori italiani e stranieri sottolineano l’importanza che nei servizi per l’infanzia si attivino processi volti all’esplicitazione di obiettivi educativi e traguardi evolutivi con diverso significato culturale e alla costruzione di saperi condivisi.

  • Migrazioni e psicologie. Introduzione al Forum Alessandro Antonietti, Antonella Marchetti, in RICERCHE DI PSICOLOGIA 1/2020 pp.13
    DOI: 10.3280/RIP2020-001002

Laura Elvira Prino, Donatella Scarzello, Protima Agostini, Angelica Arace, Immigrazione e genitorialità: cognizioni genitoriali in infanzia in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 1/2020, pp 159-190, DOI: 10.3280/RIP2020-001008