Essere principe e condottiero. Osservazioni sulla guerra e la politica nell’Italia rinascimentale

Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA
Autori/Curatori: Pierre Savy
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 168 Lingua: English
Numero pagine: 25 P. 319-343 Dimensione file: 98 KB
DOI: 10.3280/SS2020-168005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

I numerosi casi di condottieri principi e principi condottieri nell’Italia del Rinascimento mostrano come all’epoca la concentrazione in un solo individuo del comando in guerra e del comando dello Stato fosse percepita come legittima. Questa situazione è stata fatta oggetto di interpretazioni famose, in particolare da parte di Machiavelli, e fondatrici di un quadro interpretativo consolidato. Questo lavoro ha l’obiettivo di precisare la cronologia e la geografia del fenomeno, ma anche di dar conto della grande diversità di casi sia in termini di progetti politici (non tutti i condottieri erano ossessionati dall’"instatarsi", ossia dall’approdo all’esercizio di un potere signorile stabile), sia in termini di modalità dell’accesso al principato e/o dell’attività militare da condottieri. La riflessione punta infine sulle relazioni tra "guerra" e "Stato": la cultura politica rinascimentale accettava la mobilità geografica e sociale dei governanti e consentiva a soggetti politici non statali e addirittura non territoriali di svolgere attività che sarebbero diventate monopolio degli Stati.

Pierre Savy, Essere principe e condottiero. Osservazioni sulla guerra e la politica nell’Italia rinascimentale in "SOCIETÀ E STORIA " 168/2020, pp 319-343, DOI: 10.3280/SS2020-168005