Clicca qui per scaricare

L’estraneo in casa: il sogno, la rêverie, l’allucinatorio
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Anna Carla Aufiero 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 66-88 Dimensione file:  230 KB
DOI:  10.3280/PSP2020-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autrice, a partire da alcune associazioni riguardo a cinema, storia e letteratura, prende in esame le vicissitudini della coppia paziente-terapeuta all’interno del campo analitico. In particolare, osserva a quanti e quali livelli può avvenire lo scambio di contenuti inconsci lungo una immaginaria linea ascendente che va dalla percezione soma-tosensoriale o allucinatoria, espressione di elementi indigeribili e irrappresentabili, fino al sogno, quindi al rappresentabile e simbolizzabile. A conforto di ciò vengono riportati alcuni esempi clinici nei quali l’analista si trova nella condizione di sentire-per e di non sapere. Infatti l’irrompere nel campo analitico di elementi beta, percepiti in varie forme e sconosciuti al paziente quanto all’analista, sono percepiti come estranei, incomprensibili poiché rappresentano stati mentali primitivi che l’analista deve contenere in uno spazio intermedio dove non c’è possibilità di agito né di pensiero, ma solo di contenimento e attesa. Questo consente il ripristino, a tempo debito, della funzione alfa dell’analista e la riattivazione di quella del paziente. L’autrice, inoltre, esamina gli elementi dimensionali del campo analitico, mostrando come, oltre ai reciproci movimenti intrapsichici, la costruzione del campo possa estendersi anche ad altri soggetti a vario titolo coinvolti che possono entrare a far parte del processo analitico con i propri Inconsci.


Keywords: Inconscio, campo analitico, sogno, rêverie, allucinato-rio, elementi beta, funzione alfa, asimmetria, simmetria.

  1. Bion W.R. (1962). Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 2009.
  2. Bion W.R. (1967). Analisi degli schizofrenici e metodo psicoanalitico. Roma: Armando, 2009.
  3. Bollas C. (2009). Il mondo dell’oggetto evocativo. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 2009.
  4. Botella C. e S. (2001). La raffigurabilità psichica. Roma: Borla, 2004.
  5. Chianese D. (1987). L’intervallo che precede la seduta: un vertice di osservazione sul “continuo-discreto” in analisi. In: Muratori A.M. (a cura di): Il «continuo» e il «discreto» in psicoanalisi. Roma: Borla, 1987, 95-105.
  6. Fellini F. (2015). Fare un film. Torino: Einaudi.
  7. Ferro A. (2014). Modello onirico della mente. In: Ferro A. (a cura di): Psicoanalisi oggi. Roma: Carocci.
  8. Freud S. (1899). L’interpretazione dei sogni. OSF, 3.
  9. Grotstein J.S. (2000). Chi è il sognatore che sogna il sogno? Uno studio sulle presenze psichiche. Roma: Edizioni Scientifiche Ma.Gi., 2004.
  10. Klein M. (1926). Principi psicologici dell’analisi infantile. In: Klein M., Scritti 1921-1958. Torino: Bollati Boringhieri, 1978, 149-161.
  11. Matte Blanco I. (1975). L’inconscio come insiemi infiniti – Saggio sulla bi-logica. Torino: Giulio Einaudi, 2000.
  12. Ogden T. (1997). Rêverie e interpretazione. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 1999.
  13. Pessoa F. (1982). Il libro dell’inquietudine. Milano: Feltrinelli, 2012.
  14. Poe E.A. (1845). Racconti del terrore. Milano: Mondadori, 2017.
  15. Scoppola L. (2005). L’esperienza di essere sé. Milano: Franco Angeli.
  16. Scoppola L. (2011). La parola non trovata. Mente, corpo, istituzione. Milano: Franco Angeli.

Anna Carla Aufiero, in "PSICOTERAPIA PSICOANALITICA" 1/2020, pp. 66-88, DOI:10.3280/PSP2020-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche