Quando Perseo incontra Medusa: psicosi e relazione
Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI 
Autori/Curatori: Ferdinando Testa 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 51 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 113-120 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/jun1-2020oa10106
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 


PDF di questo articolo NON è disponibile.

L’autore evidenzia il rapporto tra il modello analitico junghiano e la cura delle psicosi, utilizzando la dimensione del mito e dell’inconscio collettivo. Lo scritto parte dall’esperienza effettuata all’interno di un contesto istituzionale, una struttura residenziale intermedia per la cura dei pazienti psichiatrici con gravi patologie, in cui il lavoro analitico si è confrontato sia con la dinamica relazionale paziente- terapeuta, ma anche con il sistema gruppo-istituzione. Il lavoro analitico, in tal senso, si è avvalso del patrimoniomitologico per acquisire immagini, simboli ed emozioni che hanno permesso una migliore comprensione del vissuto e del linguaggio della dimensione psicotica.


Keywords: mito, immagine, Medusa, deliri

Ferdinando Testa, in "STUDI JUNGHIANI" 51/2020, pp. 113-120, DOI:10.3280/jun1-2020oa10106

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche