Al di là di ciò che posso vedere con gli occhi
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Maria Grazia Sireci 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 170-181 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/gruoa1-2020oa10492
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Un viaggio attraverso le opere della mostra itinerante e interattiva: Don’t Ask Me Where I’m From, toccando alcuni temi comuni nel percorso di vita dei migranti di seconda e terza generazione. La mostra invita il visitatore/viaggiatore a fare un vero e proprio viaggio all’interno e fuori di sé, facendo risuonare delle corde personali che parlano di aspetti fondamentali nella vita di ciascun individuo; punti di riferimento, senza i quali difficilmente potremmo vivere una condizione di benessere.Temi dunque come la casa, la memoria e la lingua prendono forma attraverso il colore o il bianco e nero, le linee o gli spazi vuoti e tanto altro. L’arte rende giustizia a ciò che questi artisti hanno vissuto o stanno vivendo e permette un approdo simbolizzante, un ponte tra noi e loro.


Keywords: Migrazione, Simbolizzante, Identità, Casa, Lingua, Memoria



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Maria Grazia Sireci, in "GRUPPI" 1/2020, pp. 170-181, DOI:10.3280/gruoa1-2020oa10492

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche