Clicca qui per scaricare

Attori della mediazione culturale tra l’Italia e la Romania comunista: il caso Alexandru Balaci
Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO 
Autori/Curatori: Aurora Firta, Anamaria Gebaila, Corina Anton 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 2-3  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 103-122 Dimensione file:  336 KB
DOI:  10.3280/MON2020-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le relazioni culturali italo-romene dei decenni compresi tra il 1950 e il 1989 trovarono nell’accademico Alexandru Balaci (1916-2002), docente di letteratura italiana presso l’Università di Bucarest, membro dell’Accademia Romena, autore di un’ampia produzione scritta mirata a diffondere la letteratura e la lingua italiana (premesse, studi monografici, antologie, traduzioni, dizionari), uno dei promotori più assidui e più visibili. Pertanto, la presente ricerca ha lo scopo di interpretare la produzione scritta di Balaci e la sua attività diplomatica a Roma attraverso la lente dei suoi legami privilegiati con l’Italia, grazie ai quali riuscì a conservare il prestigio degli studi di italianistica sotto il regime comunista romeno, ma anche a compiere un’importante opera di divulgazione sia della cultura italiana in Romania, sia di quella romena in Italia. Si delinea così il ritratto di un mediatore che seppe trovare un equilibrio tra l’entusiasmo dell’uomo di cultura e gli inerenti compromessi che l’appartenenza al PCR presupponeva.


Keywords: Mediazione culturale, comunismo in Romania, relazioni diplomatiche, mediazione culturale fra Italia e Romania, Accademia di Romania a Roma, Alexandru Balaci

Aurora Firta, Anamaria Gebaila, Corina Anton, in "MONDO CONTEMPORANEO" 2-3/2020, pp. 103-122, DOI:10.3280/MON2020-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche