Clicca qui per scaricare

In ricordo di Wilma Trasarti Sponti. Il linguaggio dell’intimità, fra appartenenza e separazione
Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE  
Autori/Curatori: Wima Trasarti Sponti, Anna Maria Rapone 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 53  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 7-25 Dimensione file:  223 KB
DOI:  10.3280/PR2021-053002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le autrici, sulla base della loro esperienza di psicoterapeute siste-mico-relazionali, presentano una loro lettura del concetto di intimità utile ed interessante nella psicoterapia delle problematiche di coppia (relazionali, affettive e sessuali). Le autrici, facendo anche riferimento ad autori quali Winnicott, Stern e Whitaker, individuano nella relazione madre-bambino il nucleo primario dell’intimità. Durante lo sviluppo del bambino sarà proprio l’appartenenza, provata attraverso la relazione con le figure primarie, a permettergli la successiva individuazione. La psicoterapia viene ridefinita come contesto nel quale, grazie alla regressione attraverso l’"autentica relazione" paziente/terapeuta, è possibile riconoscere i propri bisogni: il terapeuta "sufficientemente buono", funge semplicemente da "sbloccante", per l’attivazione e la riattivazione delle risorse dei pazienti. Le autrici, nel loro lavoro in psicoterapia di coppia, prendono in considerazione la storia multi generazionale dei pazienti nello sviluppo della trama della relazione dove la nostalgia della primitiva appartenenza e la vergogna che ne deriva, vengono analizzati ed utilizzati. Il concetto di potere, sotteso alle problematiche di coppia, viene ri-letto come insicurezza di appartenenza e vergogna della richiesta stessa, motivo per cui la lotta di potere "infantile" viene rielaborata come una lettura poco utile per esprimere il proprio bisogno all’altro.


Keywords: Appartenenza, intimità, psicoterapia di coppia sistemi-co-relazionale, relazione, separazione, vergogna.

  1. Darwin C. (1872). The Expression of Emotions in Man and animals. London: J. Murray (trad. it.: L’espressione delle emozioni. Torino: Bollati Boringhieri, 1982).
  2. Ducci G. (2000). La relazione terapeutica in ipnosi. In: Loriedo C. e Santilli W., a cura di, La relazione terapeutica. Milano: Franco Angeli.
  3. Ducci G., Casilli C. (2002). La supervisione della nuova ipnosi. Milano: Franco Angeli.
  4. Erickson M.H., Rossi E.L. Opere. Volume I (1982), II (1983), III (1983), IV (1984). Roma: Astrolabio.
  5. Gallese V., Migone P., Eagle M.N. (2006). La simulazione incarnata: i neuroni specchio, le basi neurofisiologiche dell’intersoggettività ed alcune implicazioni per la psicoanalisi. Psicoterapia e Scienze Umane, 3: 543-544.
  6. Holmes J. (1994). La teoria dell’attaccamento. John Bowlby e la sua scuola. Milano: Raffaello Cortina.
  7. Holmes J. (2004). Psicoterapia per una base sicura. Milano: Raffaello Cortina.
  8. Lee R. (1995). Gestalt and Shame. The Foundation for a Clearer Understanding of Field Dynamic. The British Gestalt Journal, 4, 1: 14-22.
  9. Lee R. (2009). Il linguaggio segreto dell’intimità. Milano: Franco Angeli.
  10. Liotti G. (1992). Disorganizzazione dell’attaccamento e predisposizione allo sviluppo di disturbi funzionali della coscienza. In Ammanniti M., Stern D.N., a cura di, Attaccamento e psicoanalisi. Bari: Laterza.
  11. Loriedo C. (1978). Terapia relazionale, Roma: Astrolabio.
  12. Loriedo C., Santilli W., a cura di (2000). La relazione terapeutica. Milano: Franco Angeli.
  13. Loriedo C. (2002). Dall’attaccamento al sistema. Milano: Franco Angeli.
  14. Loriedo C., Del Castello E., a cura di (1995). Tecniche dirette e indirette in ipnosi e in psicoterapia. Milano: Franco Angeli.
  15. Maturana H., Varela F. (1980). Autopoiesi e cognizione. Roma: Astrolabio.
  16. Maturana H., Varela F. (1987). L’albero della conoscenza. Milano: Garzanti Edizioni.
  17. Prigogine I. (1985). L’esplorazione della complessità. In: Bocchi G. e Ceruti M., La sfida della complessità. Milano: Feltrinelli.
  18. Stern D.N. (1987). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  19. Solfaroli Camillocci D. (2010). Up and Down. Solitudine e potere di coppia. Milano: Franco Angeli.
  20. Tomkins S.S. (1963). Effect Imagery, and Consciousness: The Negative Affects. Vol. 2. New York: Springer.
  21. Trasarti Sponti W., Rapone A.M. (2009). Come utilizzare una diga. Le minimal cues bilaterali. In: Valerio C. e Mammini C., a cura di. L’evoluzione clinica dell’ipnosi. Milano: Franco Angeli.
  22. Trasarti Sponti W., Rapone A.M. (2011). Una tecnica incarnata nella formazione del setting e nella convocazione: Il Modello Congiunto-Disgiunto nel trattamento delle famiglie DCA. In: Chianura P., Chianura L., Fuxa E., Mazzoni S. (a cura di), Manuale Clinico di Terapia Familiare, vol I. Milano: Franco Angeli.
  23. Von Foerster H. (1987). Sistemi che si osservano. Roma: Astrolabio.
  24. Whitaker C.A. (1984). Il gioco e l’assurdo, La terapia esperienziale della famiglia. In Vella G., Trasarti Sponti W., a cura di op. cit., Roma: Astrolabio.
  25. Whitaker C.A. (1990). Considerazioni notturne di un terapeuta della famiglia. Roma: Astrolabio.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Wima Trasarti Sponti, Anna Maria Rapone, in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 53/2021, pp. 7-25, DOI:10.3280/PR2021-053002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche