Clicca qui per scaricare

Storicizzare la disabilità: l’esperienza dei mutilati di guerra italiani e la costruzione di una nuova identità
Titolo Rivista: WELFARE E ERGONOMIA 
Autori/Curatori: Ugo Pavan Dalla Torre 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1 Dis/abilità: teorie ed esperienze pratiche. Jean-Pierre Tabin (a cura di) Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 15-25 Dimensione file:  285 KB
DOI:  10.3280/WE2021-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il concetto di disabilità, il ruolo dei disabili nell’ambito delle società e le pratiche di welfare, approntate per garantire a cittadini in situazione di svantaggio assistenza sanitaria e sociale, sono oggi dati acquisiti. L’articolo analizza in che modo questi aspetti sono andati consoli-dandosi e in che modo sono stati normati. La Grande Guerra è un termine a quo per comprendere in che modo e rispetto a quali pro-blemi sia stata definita l’identità dell’invalido; in che modo tale identità sia stata presentata alla società; in che modo sia stato creato un sistema di welfare e in che modo e su quali basi siano stati promulgati provvedimenti legislativi. L’analisi della storia dei mutilati di guerra e delle diverse azioni legislative permette di comprendere la base dei provvedimenti legislativi del secondo dopoguerra.


Keywords: mutilati e invalidi; Prima guerra mondiale; identità; Italia; associazionismo.

  1. anmig (1917). Bollettino della Federazione dei Comitati di Assistenza, 6, 161.
  2. Balestrazzi G. (1967). L’opera nazionale per gli invalidi di guerra in mezzo secolo di storia: 25/3/1917-25/3/1967. Roma: Apollon.
  3. Bianchi B. (2001). La follia e la fuga. Nevrosi di guerra, diserzione e disobbedienza nell'esercito italiano (1915-1918). Roma: Bulzoni.
  4. Bistarelli A. (2007). La storia del ritorno. I reduci italiani del secondo dopoguerra. Torino: Bollati Boringhieri.
  5. Bracco B. (2012). La patria ferita. I corpi dei soldati italiani e la grande guerra. Prato: Giunti.
  6. Fava A. (1982). Assistenza e propaganda nel regime di guerra (1915-1918). In: Isnenghi M., a cura di, Operai e contadini nella grande guerra. Bologna: Cappelli.
  7. Fumi G. (2002). Politiche del lavoro e portatori di handicap: il collocamento obbligatorio (1917-1968). In: Taccolini M. e Zaninelli S., a cura di, Il lavoro come fattore produttivo e come risorsa nella storia economica. Milano: Vita e Pensiero.
  8. Gibelli A. (1991). L’officina della guerra. La grande guerra e le trasformazioni del mondo mentale. Torino: Bollati Boringhieri.
  9. Isola G. (1990). Guerra al regno della guerra! Storia della Lega proletaria mutilati, invalidi, reduci, orfani e vedove di guerra (1918-1924). Firenze: Le Lettere.
  10. Labanca N., a cura di (2016). Guerra e disabilità. Mutilati e invalidi e primo conflitto mondiale. Milano: Unicopli.
  11. Masina F. (2016). La riconoscenza della nazione. I reduci italiani fra associazioni e politica (1945-1970). Milano: Le Monnier.
  12. Opera Nazionale per la protezione e l’assistenza degli invalidi di guerra – Federazione Nazionale dei Comitati di assistenza agli invalidi della guerra (1919). L’opera svolta in Italia MCMXV-MCMXIX. Roma: Tipografia dell’Unione Editrice.
  13. Pavan Dalla Torre U. (2020). Alfredo Rocco e la riforma delle pensioni di guerra in Italia (1923). In: De Prospo M. e Mura S., Il governo dei migliori. Intellettuali e tecnici al servizio dello Stato. Verona: QuiEdit.
  14. Pavan Dalla Torre U. (2018). Reforming the War Pensions System for Disabled Ex-servicemen. Notes and research Perspectives on the Italian Case. In: Deroussin D., a cura di, La Grande Guerre et son droit. Issy-les-Moulineaux: Cedex.
  15. Pavan Dalla Torre U. (2015). Entre public et privé: l’assistance aux invalides de guerre et les origines d’un noveau système de welfare en Italie (1915-1923). Revue d’histoire de la protection sociale, 1(8): 46-64.
  16. Pavan Dalla Torre U. (2012). Le origini dell’anmig. In: Del Lucchese V., a cura di, Passato, presente e futuro. Compendio di storia dell’anmig. Roma: Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra e Fondazione.
  17. Peloso P.F. e Bombardieri C., a cura di (2020). Il conflitto, i traumi. Psichiatria e Prima guerra mondiale. Reggio Emilia: Azienda USL.
  18. Pironti P. (2015). Grande guerra e Stato sociale in Italia. Assistenza a invalidi e superstiti e sviluppo della legislazione sulle pensioni di guerra. Italia contemporanea, 277: 63-89., DOI: 10.3280/IC2015-277003
  19. Procacci G. (2013). Warfare-Welfare. Intervento dello Stato e diritti dei cittadini. Roma: Carocci.
  20. Prost A. (1977). Les anciens combattants et la société française 1914-1939, 3 voll. Paris: Presses des Sciense Politiques.
  21. Quagliaroli F. (2018). Risarcire la nazione in armi. Milano: Unicopli.
  22. Sabbatucci G. (1974). I combattenti nel primo dopoguerra. Roma-Bari: Laterza.
  23. Schianchi M. (2020). Le associazioni della disabilità: tra Stato e società civile. L’emergere di una questione sociale e le prime associazioni. Pedagogia più didattica, 6/2: 119-132., DOI: 10.14605/PD622001.
  24. Schianchi M. (2019). Il debito simbolico. Una storia sociale della disabilità in Italia tra Ottocento e Novecento. Roma: Carocci.
  25. Schianchi M. (2012). Storia della disabilità. Dal castigo degli dei alla crisi del welfare. Roma: Carocci.
  26. Vittoria A. (1988). Carlo Delcroix. In: Dizionario Biografico degli Italiani. Roma: Istituto dell’Enciclopedia Italiana.

Ugo Pavan Dalla Torre, in "WELFARE E ERGONOMIA" 1/2021, pp. 15-25, DOI:10.3280/WE2021-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche