Clicca qui per scaricare

Farsi casa attraverso le pratiche alimentari. Voci di richiedenti asilo, operatori e operatrici nelle province di Cuneo e Lecco
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Gaia Cottino, Silvia Luraschi 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 105-117 Dimensione file:  183 KB
DOI:  10.3280/MM2021-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il cibo influenza il modo in cui le persone si relazionano allo spazio e fanno casa. Attraverso la costruzione di una competenza culinaria, i migranti danno senso alle nuove situazioni, tra memoria e adattamenti alle grammatiche alimentari dei con-testi di accoglienza. Nell’articolo si intrecciano le voci di richiedenti asilo e rifugiati con quelle di operatrici e operatori. Proponiamo una visione interdisciplinare delle pratiche alimentari all’interno di un ventaglio di Centri d’Accoglienza Straordinaria (CAS) e del sistema ex-SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifu-giati) dell’area montana e prealpina delle valli cuneesi e della provincia di Lecco, con l’obiettivo di analizzare come spazi diversi generino possibilità distinte di uti-lizzo della "valigia del cibo" e come i nuovi arrivati abbiano agentivamente elabo-rato soluzioni creative di homemaking e di interazione sociale.


Keywords: richiedenti asilo; cibo; relazioni di prossimità; homemaking; gram-matica alimentare; agency

  1. Allan G. e Crow G. (1989). Home and Family: Creating the domestic sphere. Basingstoke and London: Macmillan.
  2. Barbera F. e Parisi T. (2018). Innovatori Sociali. La sindrome di prometeo nell'Italia che cambia. Bologna: il Mulino.
  3. De Certeau M. (1984). The Practice of Everyday Life. Berkeley and Los Angeles: University of California Press.
  4. Crenn C., Hassoun J. e Medina F. (2010). Introduction: Repenser et réimaginer l’acte alimentaire en situations de migration. Anthropology of food 7 (Open Edition).
  5. Della Puppa F. e Segalla S. (2018). “Come a casa mia”: pratiche alimentari, intersezioni identitarie e attraversamenti urbani nell’esperienza dell’immigrazione. Quaderni di Sociologia, 76: 127-145.
  6. Formenti L., a cura di (2012). Re-inventare la famiglia. Guida teorico-pratica per i professionisti dell’educazione. Lavis (TN): Apogeo.
  7. Formenti L. e West L. (2018). Transforming Perspectives in Lifelong Learning and Adult Education. A dialogue. London: PalgraveMacmillan.
  8. Gusman A. (2004). Antropologia dell’olfatto. Roma-Bari: Laterza.
  9. Harris M. (1998). Good to eat. Riddles of Food and Culture. Long Grove: Waveland Press.
  10. Nussbaum M. (2011). Creating Capabilities: The Human Development Approach. Harvard: Belknap Press of Harvard University Press.
  11. Palmieri C. (2003). La cura educativa. Riflessioni ed esperienze tra le pieghe dell’educare. Milano: FrancoAngeli.
  12. Parasecoli F. (2014). Food, Identity, and Cultural Reproduction in Immigrant Communities. Social Research, 81, 2: 415-439;, DOI: 10.1353/sor.2014.0015
  13. Räthzel N. (2007). Finding the Way Home. Young People’s Stories of Gender, Ethnicity, Class, and Places in Hamburg and London. Göttingen: V&R Unipress.
  14. Rodriguez E. (2015). Archipelago Europe. On creolizing conviviality. In: Gutiérrez E., e Tate S., a cura di, Creolizing Europe. Legacies and transformations. Liverpool: Liverpool University Press.
  15. Samanani F. e Lenhard J. (2019). House and home. In: Stein F., Lazar S., Candea M., Diemberger H., Robbins J., Sanchez A., Stasch R., a cura di, The Cambridge Encyclopedia of Anthropology, -- https://www.anthroencyclopedia.com/entry/house-and-home (ultimo accesso 15 novembre 2020).
  16. Schmidt D. e Palutan G. (2018). Cibo e rifugiati nella città capitolina, tra pratiche di emergenza e tentativi di agentività. Archivio antropologico mediterraneo, 20: 1-30;, DOI: 10.4000/aam.854
  17. Sclavi M. (2003). Arte di ascoltare e mondi possibili. Milano: Bruno Mondadori.
  18. Shinozaki K. (2015). Migrant citizenship form below: family, domestic work, and social activism in irregular migration. London: Palgrave McMillan.
  19. SPRAR (2018). Manuale operativo per l’attivazione e la gestione di servizi di accoglienza integrata in favore di richiedenti e titolari di protezione internazionale e umanitaria; -- https://www.siproimi.it/wp-content/uploads/2018/08/SPRAR-Manuale-Operativo-2018-08.pdf (ultimo accesso 11 agosto 2020).
  20. Tally A. e Anda, B. (2019). Food as a Biopower Means of Control: The Use of Food in Asylum Regimes. American Journal of Law & Medicine, 45: 57-79;, DOI: 10.1177/0098858819849992
  21. Tarpino A. (2016). Il paesaggio fragile. Torino: Einaudi.
  22. Varotto M. (2013). La montagna che torna a vivere, testimonianze e progetti per la rinascita delle terre alte. Venezia: Nuovadimensione.

Gaia Cottino, Silvia Luraschi, in "MONDI MIGRANTI" 2/2021, pp. 105-117, DOI:10.3280/MM2021-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche