Click here to download

Social Worker with Asylum Seekers and Refugees: skills of a profession in the making. An ethnographic investigation of a researcher-social worker
Journal Title: MONDI MIGRANTI 
Author/s: Elena Giacomelli 
Year:  2021 Issue: Language: Italian 
Pages:  24 Pg. 187-210 FullText PDF:  227 KB
DOI:  10.3280/MM2021-002011
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


The purpose of the research is to reflect on the role social workers have as street-level bureaucrats, considering their discretional margin of actions and their conse-quences. The case study is the Autonomous Province of Trento, Italy. This study adopts a qualitative research design, consisting of a diary field notes and 55 inter-views with social workers. While working in a Temporary Reception Center, with the Association Centro Astalli, the researcher has observed how the different ac-tions, ideals and roles of social workers significantly influence and shape the expe-riences of asylum seekers. The analysis revealed the training and skills, both pre-liminary and learned in the field, of this (new) professional figure.
Keywords: asylum seekers and refugees; ethnography; social work; social worker with asylum seekers and refugees.

  1. Agier M (2005). Ordine e disordini dell’umanitario. Dalla vittima al soggetto politico. Antropologia, 5: 49-65;, DOI: 10.14672/ada2005122%25p.
  2. Altin R. e Sanò G. (2017). Richiedenti asilo e sapere antropologico. Antropologia Pubblica, 3, 1: 8-34;, DOI: 10.1473/anpub.v3i1.94.
  3. Ambrosini M. (2014). Non passa lo straniero? Le politiche migratorie tra sovranità nazionale e diritti umani. Assisi: Cittadella Editrice.
  4. Ambrosini M. (2011). Sociologia delle migrazioni (II ed.). Bologna: il Mulino.
  5. Ambrosini M., a cura di (2012). Governare città plurali. Politiche locali di integrazione per gli immigrati in Europa. Milano: FrancoAngeli.
  6. Beneduce R. (2008). Undocumented bodies, burned identities: refugees, sans papiers, harraga – when things fall apart. Social Science Information, 47, 4: 505-527;, DOI: 10.1177/0539018408096444.
  7. Biffi D. (2017). Lavorare con richiedenti asilo e rifugiati: l’etnografia di un ricercatore-operatore. Educazione Interculturale. Teorie, Ricerche, Pratiche, 16, 1: pp.1-21, Trento, Riviste Erickson;, DOI: 10.14605/EI1611804
  8. Boccagni P. (2017). Il lavoro sociale con popolazioni “mobili”, tra bisogni locali e sfide comuni. Welfare oggi, 1: 64-70.
  9. Boltanski L. e Thévenot L. (1999). The Sociology of Critical Capacity. European Journal of Social Theory, 2, 3: 359-377;, DOI: 10.1177/136843199 002003010.
  10. Bourdieu P. (2003). Per una teoria della pratica. Milano: Raffaello Cortina.
  11. Crozier M. e Frieberg E. (1977). L’Acteur et le système. Les Contraintes de l'action collective. Paris: Seuil (trad. it. Attore sociale e sistema, Etas libri, Milano, 1990).
  12. De Certeau M. (2010). L’invenzione del quotidiano. Roma: Edizioni Lavoro.
  13. Donati P.P. (2011). Il valore sociale aggiunto delle relazioni sociali. Sociologia e Politiche Sociali, 1: 9-22;, DOI: 10.3280/SP2011-001002
  14. Emler N. (1994). La réputation sociale. In: Moscovici S., Psychologie sociale des relations à autrui (pp. 119-139). Paris: Nathan.
  15. Fassin D. (2005). Compassion and Repression: the Moral Economy of Immigration Policies in France. Cultural Anthropology, 20: 362-387;, DOI: 10.1525/can.2005.20.3.362.
  16. Fargion S. (2013). Il metodo del servizio sociale. Roma: Carocci Faber.
  17. Ferrari M. e Rosso C. (2008), Interazioni precarie. Il dilemma dell’integrazione dei migranti nelle politiche sociali locali: il caso di Brescia. Messina: Cirsdig.
  18. Folgheraiter F. (2000). Reciprocità e lavoro sociale: la via relazionale al benessere. Sociologia e politiche sociali, 2: 119-153.
  19. Fontanari E. e Ambrosini M. (2018). Into the Interstices: Everyday Practices of Refugees and Their Supporters in Europe’s Migration ‘Crisis’. Sociology, 52, 3: 587-603;, DOI: 10.1177/0038038518759458.
  20. Freund J. (1995). Il terzo, il nemico, il conflitto. Milano: Giuffrè.
  21. Gallotti C. e Tarabusi F. (2018). Introduzione. Monografico: Formazione e comunicazione nei campi dell'accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. Educazione Interculturale. Teorie, Ricerche, Pratiche, 16, 2: 1-8;, DOI: 10.14605/EI1611800
  22. Giddens A. (1979). Nuove regole del metodo sociologico. Bologna: il Mulino.
  23. Lemieux C. (2009). Sulla difficoltà dei giornalisti di rispettare la propria deontologia (trad. cap. 9 del volume G. Gardini e P. Lalli (a cura di), Per un'etica dell'informazione e della comunicazione (pp. 187-208). Milano: FrancoAngeli.
  24. Mangone E. (2018). Il Mediterraneo come spazio di frizione: le pratiche di accoglienza dal «lavoro d’aiuto» al «lavoro sociale». Educazione Interculturale. Teorie, Ricerche, Pratiche, 16, 1: 1-12;, DOI: 10.14605/EI1611801
  25. Marchetti C. (2008). Operatori e beneficiari: sguardi incrociati. In: Ambrosini M. e Marchetti C., a cura di, Cittadini Possibili. Un nuovo approccio all’accoglienza e all’integrazione dei rifugiati (pp.123-147). Milano: FrancoAngeli.
  26. Maslach C. (1982). Burnout. The cost of caring. New York: Prentice Hall Press.
  27. Mezzadra S. e Neilson B. (2013). Border as Method, or, the Multiplication of Labor. Durham: Duke University Press.
  28. Mosse D. (2005). Cultivating Development: an Ethnography of Aid Policy and Practice. London: Pluto.
  29. Pendezzini A. (2013). Un’ambigua ospitalità. La ‘zona grigia’ nelle pratiche di accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati in Italia. PhD thesis. Trento: Università degli studi di Trento.
  30. Pinelli B., a cura di (2011). Attraversando il Mediterraneo. Il sistema campo in Italia: violenza e soggettività nelle esperienze delle donne. In: Sorgoni B., a cura di, Chiedere asilo in Europa. Confini, margini e soggettività. Lares, LXXVII, 1: 159-179.
  31. Pinelli B. (2013). Migrare verso l’Italia. Violenza, discorsi, soggettività. Antropologia, 15: 7-20.
  32. Pizza G. and Johannessen H. (2009). Two or three things about Embodiment and the State. AM. Rivista della Società italiana di antropologia medica, 27-28: 13-20.
  33. Sacco V. (2012). Il ruolo dell’antropologo consulente presso le organizzazioni internazionali: In: Declich F., Il mestiere dell’antropologo. Esperienze di consulenza tra istituzioni e cooperazione allo sviluppo. Roma, Carocci.
  34. Sorgoni B., a cura di (2011), Etnografia dell’accoglienza. Rifugiati e richiedenti asilo a Ravenna. Roma: Cisu.
  35. Tarsia T. (2018a). La seconda accoglienza come spazio conflittuale e le competenze degli operatori. Educazione interculturale. Teorie, ricerche, pratiche. Rivista Erickson, 16, 2: 66-85;, DOI: 10.14605/EI1621805
  36. Tarsia T. (2018b). Saperi degli operatori e dei contesti nei percorsi di uscita dagli SPRAR. Argomenti, Rivista di economia, cultura e ricerca sociale, 9: 67-97.
  37. Tarsia T. (2010). Aver cura del conflitto. Migrazioni e professionalità sociali oltre i confini del welfare. Milano: FrancoAngeli.
  38. Vacchiano F. (2011). Discipline della scarsità e del sospetto: rifugiati e accoglienza nel regime di frontiera. In: Sorgoni B., a cura di, Chiedere asilo in Europa. Confini, margini e soggettività. Lares, LXXVII, 1: 181-198.
  39. Vacchiano F. (2005). Cittadini sospesi: violenza e istituzioni nell’esperienza dei richiedenti asilo in Italia. In: Van Aken M., a cura di, Rifugiati. Annuario di antropologia, 5: 85-101.
  40. Van Aken M. (2008). Rifugio Milano. Vie di fuga e vita quotidiana dei richiedenti asilo. Carta: Roma.
  41. Vianelli L. (2014). Frustrazione/potenzialità. Il sapere antropologico nella quotidianità di un progetto di accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. In: Palmisano A.L. (a cura di), Antropologia Applicata (pp.345-368). Salerno: Pensa Editore.
  42. Walkup M. (1997). Policy Dysfunction in Humanitarian Organizations: the Role of Coping Strategies, Institutions, and Organizational Culture. Journal of Refugees Studies, 10, 1: 37-60.
  43. Weber M. (2001). Saggi sul metodo delle scienze storico-sociali. Torino: Comunità.
  44. Wenger E. (1998). Communities of practice: Learning, meaning and identity. Cambridge: Cambridge University Press.
  45. Zanetti Polzi P. (2006). Operatori dell’immigrazione: tra solidarietà e professionalità. In: Ambrosini M., a cura di, Costruttori di integrazione. Gli operatori dei servizi per gli immigrati. Milano: Osservatorio Regionale per l’integrazione e la multietnicità, Rapporto 2006.

Elena Giacomelli, Social Worker with Asylum Seekers and Refugees: skills of a profession in the making. An ethnographic investigation of a researcher-social worker in "MONDI MIGRANTI" 2/2021, pp. 187-210, DOI:10.3280/MM2021-002011

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content