Clicca qui per scaricare

Gli operatori di accoglienza: competenze di una professione in divenire. Un’indagine etnografica di una ricercatrice-operatrice
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Elena Giacomelli 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 187-210 Dimensione file:  227 KB
DOI:  10.3280/MM2021-002011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente articolo descrive una ricerca etnografica delle professionalità nate all’interno del sistema di accoglienza nella Provincia Autonoma di Trento. L’interrogativo di fondo nasce sul campo grazie all’esperienza della ricercatrice come operatrice di accoglienza con l’Associazione Centro Astalli presso la Provincia Autonoma di Trento, che costituisce il caso empirico approfondito. L’osservazione partecipante, insieme a 55 interviste in profondità ad operatori di accoglienza, ha fatto emergere la rilevanza che le scelte, ruoli e valori degli operatori assumono nell’influenzare il significato dell’accoglienza praticata e talora per-sino i percorsi di integrazione dei soggetti beneficiari. L’analisi ha cercato di far emergere la formazione e le competenze, sia preliminari sia apprese sul campo, di questa (nuova) figura professionale.


Keywords: richiedenti asilo; operatore di accoglienza; lavoro sociale; ricerca etnografica.

  1. Agier M (2005). Ordine e disordini dell’umanitario. Dalla vittima al soggetto politico. Antropologia, 5: 49-65;, DOI: 10.14672/ada2005122%25p.
  2. Altin R. e Sanò G. (2017). Richiedenti asilo e sapere antropologico. Antropologia Pubblica, 3, 1: 8-34;, DOI: 10.1473/anpub.v3i1.94.
  3. Ambrosini M. (2014). Non passa lo straniero? Le politiche migratorie tra sovranità nazionale e diritti umani. Assisi: Cittadella Editrice.
  4. Ambrosini M. (2011). Sociologia delle migrazioni (II ed.). Bologna: il Mulino.
  5. Ambrosini M., a cura di (2012). Governare città plurali. Politiche locali di integrazione per gli immigrati in Europa. Milano: FrancoAngeli.
  6. Beneduce R. (2008). Undocumented bodies, burned identities: refugees, sans papiers, harraga – when things fall apart. Social Science Information, 47, 4: 505-527;, DOI: 10.1177/0539018408096444.
  7. Biffi D. (2017). Lavorare con richiedenti asilo e rifugiati: l’etnografia di un ricercatore-operatore. Educazione Interculturale. Teorie, Ricerche, Pratiche, 16, 1: pp.1-21, Trento, Riviste Erickson;, DOI: 10.14605/EI1611804
  8. Boccagni P. (2017). Il lavoro sociale con popolazioni “mobili”, tra bisogni locali e sfide comuni. Welfare oggi, 1: 64-70.
  9. Boltanski L. e Thévenot L. (1999). The Sociology of Critical Capacity. European Journal of Social Theory, 2, 3: 359-377;, DOI: 10.1177/136843199 002003010.
  10. Bourdieu P. (2003). Per una teoria della pratica. Milano: Raffaello Cortina.
  11. Crozier M. e Frieberg E. (1977). L’Acteur et le système. Les Contraintes de l'action collective. Paris: Seuil (trad. it. Attore sociale e sistema, Etas libri, Milano, 1990).
  12. De Certeau M. (2010). L’invenzione del quotidiano. Roma: Edizioni Lavoro.
  13. Donati P.P. (2011). Il valore sociale aggiunto delle relazioni sociali. Sociologia e Politiche Sociali, 1: 9-22;, DOI: 10.3280/SP2011-001002
  14. Emler N. (1994). La réputation sociale. In: Moscovici S., Psychologie sociale des relations à autrui (pp. 119-139). Paris: Nathan.
  15. Fassin D. (2005). Compassion and Repression: the Moral Economy of Immigration Policies in France. Cultural Anthropology, 20: 362-387;, DOI: 10.1525/can.2005.20.3.362.
  16. Fargion S. (2013). Il metodo del servizio sociale. Roma: Carocci Faber.
  17. Ferrari M. e Rosso C. (2008), Interazioni precarie. Il dilemma dell’integrazione dei migranti nelle politiche sociali locali: il caso di Brescia. Messina: Cirsdig.
  18. Folgheraiter F. (2000). Reciprocità e lavoro sociale: la via relazionale al benessere. Sociologia e politiche sociali, 2: 119-153.
  19. Fontanari E. e Ambrosini M. (2018). Into the Interstices: Everyday Practices of Refugees and Their Supporters in Europe’s Migration ‘Crisis’. Sociology, 52, 3: 587-603;, DOI: 10.1177/0038038518759458.
  20. Freund J. (1995). Il terzo, il nemico, il conflitto. Milano: Giuffrè.
  21. Gallotti C. e Tarabusi F. (2018). Introduzione. Monografico: Formazione e comunicazione nei campi dell'accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. Educazione Interculturale. Teorie, Ricerche, Pratiche, 16, 2: 1-8;, DOI: 10.14605/EI1611800
  22. Giddens A. (1979). Nuove regole del metodo sociologico. Bologna: il Mulino.
  23. Lemieux C. (2009). Sulla difficoltà dei giornalisti di rispettare la propria deontologia (trad. cap. 9 del volume G. Gardini e P. Lalli (a cura di), Per un'etica dell'informazione e della comunicazione (pp. 187-208). Milano: FrancoAngeli.
  24. Mangone E. (2018). Il Mediterraneo come spazio di frizione: le pratiche di accoglienza dal «lavoro d’aiuto» al «lavoro sociale». Educazione Interculturale. Teorie, Ricerche, Pratiche, 16, 1: 1-12;, DOI: 10.14605/EI1611801
  25. Marchetti C. (2008). Operatori e beneficiari: sguardi incrociati. In: Ambrosini M. e Marchetti C., a cura di, Cittadini Possibili. Un nuovo approccio all’accoglienza e all’integrazione dei rifugiati (pp.123-147). Milano: FrancoAngeli.
  26. Maslach C. (1982). Burnout. The cost of caring. New York: Prentice Hall Press.
  27. Mezzadra S. e Neilson B. (2013). Border as Method, or, the Multiplication of Labor. Durham: Duke University Press.
  28. Mosse D. (2005). Cultivating Development: an Ethnography of Aid Policy and Practice. London: Pluto.
  29. Pendezzini A. (2013). Un’ambigua ospitalità. La ‘zona grigia’ nelle pratiche di accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati in Italia. PhD thesis. Trento: Università degli studi di Trento.
  30. Pinelli B., a cura di (2011). Attraversando il Mediterraneo. Il sistema campo in Italia: violenza e soggettività nelle esperienze delle donne. In: Sorgoni B., a cura di, Chiedere asilo in Europa. Confini, margini e soggettività. Lares, LXXVII, 1: 159-179.
  31. Pinelli B. (2013). Migrare verso l’Italia. Violenza, discorsi, soggettività. Antropologia, 15: 7-20.
  32. Pizza G. and Johannessen H. (2009). Two or three things about Embodiment and the State. AM. Rivista della Società italiana di antropologia medica, 27-28: 13-20.
  33. Sacco V. (2012). Il ruolo dell’antropologo consulente presso le organizzazioni internazionali: In: Declich F., Il mestiere dell’antropologo. Esperienze di consulenza tra istituzioni e cooperazione allo sviluppo. Roma, Carocci.
  34. Sorgoni B., a cura di (2011), Etnografia dell’accoglienza. Rifugiati e richiedenti asilo a Ravenna. Roma: Cisu.
  35. Tarsia T. (2018a). La seconda accoglienza come spazio conflittuale e le competenze degli operatori. Educazione interculturale. Teorie, ricerche, pratiche. Rivista Erickson, 16, 2: 66-85;, DOI: 10.14605/EI1621805
  36. Tarsia T. (2018b). Saperi degli operatori e dei contesti nei percorsi di uscita dagli SPRAR. Argomenti, Rivista di economia, cultura e ricerca sociale, 9: 67-97.
  37. Tarsia T. (2010). Aver cura del conflitto. Migrazioni e professionalità sociali oltre i confini del welfare. Milano: FrancoAngeli.
  38. Vacchiano F. (2011). Discipline della scarsità e del sospetto: rifugiati e accoglienza nel regime di frontiera. In: Sorgoni B., a cura di, Chiedere asilo in Europa. Confini, margini e soggettività. Lares, LXXVII, 1: 181-198.
  39. Vacchiano F. (2005). Cittadini sospesi: violenza e istituzioni nell’esperienza dei richiedenti asilo in Italia. In: Van Aken M., a cura di, Rifugiati. Annuario di antropologia, 5: 85-101.
  40. Van Aken M. (2008). Rifugio Milano. Vie di fuga e vita quotidiana dei richiedenti asilo. Carta: Roma.
  41. Vianelli L. (2014). Frustrazione/potenzialità. Il sapere antropologico nella quotidianità di un progetto di accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. In: Palmisano A.L. (a cura di), Antropologia Applicata (pp.345-368). Salerno: Pensa Editore.
  42. Walkup M. (1997). Policy Dysfunction in Humanitarian Organizations: the Role of Coping Strategies, Institutions, and Organizational Culture. Journal of Refugees Studies, 10, 1: 37-60.
  43. Weber M. (2001). Saggi sul metodo delle scienze storico-sociali. Torino: Comunità.
  44. Wenger E. (1998). Communities of practice: Learning, meaning and identity. Cambridge: Cambridge University Press.
  45. Zanetti Polzi P. (2006). Operatori dell’immigrazione: tra solidarietà e professionalità. In: Ambrosini M., a cura di, Costruttori di integrazione. Gli operatori dei servizi per gli immigrati. Milano: Osservatorio Regionale per l’integrazione e la multietnicità, Rapporto 2006.

Elena Giacomelli, in "MONDI MIGRANTI" 2/2021, pp. 187-210, DOI:10.3280/MM2021-002011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche