Una "classe inferiore di stranieri bianchi".Gli italiani e il movimento dei lavoratori a San Francisco
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Tommaso Caiazza 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 296  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  30 P. 201-230 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/ic296-oa1
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

L’articolo esamina le relazioni tra gli immigrati italiani e il movimento dei lavoratori a San Francisco al principio del Novecento. La "razza" costituisce la lente attraverso cui viene in-dagato il processo di integrazione degli italiani alla luce delle politiche razziste messe in atto dalle strutture sindacali, che ammettevano solo "bianchi" ed escludevano gli immigrati asia-tici. Intrecciando una varietà di fonti (stampa operaia, documentazione delle unioni, dati sta-tistici sulle occupazioni) si rileva come gli italiani, seppur marginalizzati e giudicati inferiori razzialmente, siano stati riconosciuti come "bianchi" e, pertanto, assimilati nel locale movi-mento dei lavoratori. Si sostiene che a favorire ciò sia stata la precoce costruzione di una co-mune identità "caucasica" tra i gruppi europei, modellata in contrapposizione all’immigra-zione asiatica, in grado di far passare in secondo piano le tensioni tra il "vecchio stock" e i "nuovi immigrati", come gli italiani, dominanti in altre città degli Stati Uniti.


Keywords: Emigrazione italiana negli Stati Uniti, Bianchezza, Razzismo, Storia del lavor

Tommaso Caiazza, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 296/2021, pp. 201-230, DOI:10.3280/ic296-oa1

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche