Verità senza corrispondenza. Profondità priva di distanza

Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE
Autori/Curatori: Alfonso Maurizio Iacono
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 36 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. 11-21 Dimensione file: 199 KB
DOI: 10.3280/EDS2021-036003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Gargani, ne Il filtro creativo, riprendendo un discorso sulla verità e sulle condizioni di verità che era stato sollevato da Heidegger e successivamente ripreso dalla filosofia contempora-nea, da Derrida a Rorty, sostiene la tesi della non corrispondenza tra linguaggio e mondo, tra rappresentazione e cosa. Si tratta del rifiuto dell’idea di rappresentazione come corri-spondenza in quanto adaequatio rei et intellectus. Solo se si presuppone la fine della corri-spondenza tra linguaggio e mondo si possono immaginare l’eccedere, il togliere, l’aggiungere. E non per questo perdiamo la razionalità o finiamo nel pastiche. Al contrario, ci apriamo all’infinito mondo delle possibilità che, facendo capolino tra ciò che è regolare, conforme, necessario, irrompendo razionalmente su una ragione in crisi, come direbbe Gar-gani, ci stupiscono e ci spingono a creare. E sappiamo bene che noi umani non creiamo dal nulla, ma sempre da qualcosa che c’è già, così come il futuro non sorge da un presente-eterno, ma dal passato.

  1. Bell D. (1979). The Cultural Contradictions of Capitalism. New York: Basic Books.
  2. Bloom H. (2014). La Kabbalah e la tradizione critica. Milano: SE.
  3. Calvino I. (2011). Esattezza. In: Lezioni americane. Milano: Mondadori.
  4. Calvino I. (2011). Lezioni americane. Torino: Einaudi.
  5. Calvino I. (2016). Palomar. Milano: Mondadori.
  6. Dominjanni I. (2021). Il vaccino non è un anestetico, CRS, centroriformastato.it, 15 ottobre.
  7. Foucault M. (2014). Nietzsche, Marx, Freud. In: Follia e discorso. Milano: Feltrinelli.
  8. Gargani A.G. (1975). Il sapere senza fondamenti. Torino: Einaudi.
  9. Gargani A.G. (1999). Il filtro creativo. Roma-Bari: Laterza.
  10. Gargani A.G., a cura di (1979). Crisi della ragione. Torino: Einaudi.
  11. Heidegger M. (1987). Dell’essenza della verità. In: Segnavia. Milano: Adelphi.
  12. Iacono A.M. (1995).Tra individui e cose. Roma: Manifestolibri.
  13. Iacono A.M. (2013). L’evento e l’osservatore. Pisa: ETS.
  14. Jameson F. (2007). Postmodernismo. Roma: Fazi.
  15. Klee P. (1959). Confessione creatrice. In: Teoria della forma e della figurazione. Lezioni, note, saggi. Milano: Feltrinelli.
  16. Marx K. (1964). Il capitale, vol. I, I, 1,4. Trad. Cantimori. Roma: Editori Riuniti.
  17. Merleau-Ponty M. (1989). L’occhio e lo spirito. Milano: SE.
  18. Nietzsche F. (2015). Su verità e menzogna in senso extramorale. Milano: Adelphi.
  19. Ricoeur P. (1967). Dell’interpretazione. Saggio su Freud. Milano: Il Saggiatore.
  20. Rossi P. (2017). I filosofi e le macchine. Milano: Feltrinelli.
  21. von Hofmannstahl H. (1980). Il libro degli amici. Milano: Adelphi.
  22. Wittgenstein L. (1999). Ricerche filosofiche. Torino: Einaudi.
  23. Wollheim R. (1974). Walter Pater as a Critic of the Arts. In: On Art and the Mind. Cambridge, Massachussets: Harvard University Press.

Alfonso Maurizio Iacono, Verità senza corrispondenza. Profondità priva di distanza in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 36/2021, pp 11-21, DOI: 10.3280/EDS2021-036003