Relazioni di supervisione, fantasmi interagenti e tempo sincronico

Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI
Autori/Curatori: Anna Maria Sassone
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 35-36 Lingua: Italiano
Numero pagine: 12 P. 125-136 Dimensione file: 312 KB
DOI: 10.3280/JUN2012-035008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In linea con i suoi ultimi scritti, l’Autrice considera la relazione di supervisione come un macrocampo, un sistema complesso che racchiude al proprio interno i sottosistemi dialettici di tutte le parti, sia realmente presenti (allievo e analista con funzione didattica) che virtualmente presenti, (pazienti dell’allievo, pazienti del didatta, istituzione), denominati dall’Autrice "fantasmi interagenti", capaci di dar luogo a "coincidenze significative". Ricorrendo alla fisica come ponte immaginifico di corrispondenze tra psiche e materia, in rapporto anche a una prospettiva etica, nell’articolo sono riportati alcuni esempi di movimenti spaziotemporali sincronici tratti dalle esperienze di supervisione.

Anna Maria Sassone, Relazioni di supervisione, fantasmi interagenti e tempo sincronico in "STUDI JUNGHIANI" 35-36/2012, pp 125-136, DOI: 10.3280/JUN2012-035008