Il fortunato incontro di un regista con un romanzo. Il viaggio di Felicia

Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI
Autori/Curatori: Maria Lina Landi
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 35-36 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 137-155 Dimensione file: 572 KB
DOI: 10.3280/JUN2012-035009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’autrice, seguendo il racconto del viaggio di Felicia, sottolinea come i due autori, Egoyan e Trevor, nel romanzo e nel film, usino la stessa attenzione nel rilevare l’interconnessione tra ambiente e processi formativi nella presentazione dei protagonisti della storia. Sottolinea come, sempre attraverso l’indagine sui protagonisti, autore e regista si distanzino nell’attribuire a tali interconnessioni uno stesso destino evolutivo per la differente connotazione psicologica riservata, dall’uno e dall’altro, alla speranza e alle illusioni. L’autrice rintraccia, nella riflessione psicoanalitica contemporanea, i due diversi modi di valutare la "speranza" e le "illusioni" riconducibili l’uno alla valenza difensiva e alla funzione di distorsione dalla realtà e l’altro alla funzione evolutiva e di motivazione.

Maria Lina Landi, Il fortunato incontro di un regista con un romanzo. Il viaggio di Felicia in "STUDI JUNGHIANI" 35-36/2012, pp 137-155, DOI: 10.3280/JUN2012-035009