Clicca qui per scaricare

Un caso esemplare di costruzione del consenso: la realizzazione dell’Aktion T4 nella Germania nazista
Titolo Rivista:  PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE
Autori/Curatori: Marcella H. Ravenna
Anno di pubblicazione: 2013 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 329-348 Dimensione file: 275 KB
DOI: 10.3280/PU2013-002013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più, clicca qui e qui


Nella Germania degli anni Trenta del Novecento uomini e donne comuni hanno compiuto uccisioni su larga scala, nell’ambito della legalità e in contrasto con la loro deontologia professionale. Scopo di questo studio di tipo induttivo è di esaminare eventi sinora non approfonditi dagli psicologi sociali al fine di rispondere ad alcuni interrogativi di fondo: quali fatti precedettero il Programma Aktion T4, quali lo contrassegnarono, quali avvennero alla sua conclusione, e che tipo di legami intercorsero fra essi? Quali fattori e processi psicosociali hanno reso possibile la partecipazione di una quota considerevole di operatori sanitari a programmi di eutanasia di neonati, bambini, adolescenti, adulti, anziani, disabili e altri ancora? I principali risultati dell’analisi effettuata e le loro implicazioni sono discussi in riferimento a differenti fattori contestuali e ai modi di funzionamento psicologico dei perpetratori nel quadro di recenti studi storici, psicosociali e clinici.



Keywords: Aktion T4, funzionamento psicologico dei perpetratori, influenze situazionali, deumanizzazione delle vittime, nazismo


  1. Aly G. (2013). Die Belasteten: “Euthanasie” 1939-1945. Eine Gesellschaftsgeschichte. Frankfurt a.M.: Fischer
  2. Bandura A. (1990). Selective activation and disengagement of moral control. Journal of Social Issues, 46, 1: 27-46., DOI:10.1111/j.1540-4560.1990.tb00270.x
  3. Bar-Tal D. (1990). Causes and consequences of delegitimization: Models of conflict and ethnocentrism. Journal of Social Issues, 46, 1: 65-81., DOI:10.1111/j.1540-4560.1990.tb00272.x
  4. Bar-Tal D. (1998). Group beliefs as an expression of social identity. In: Worchel S., Morales J.F., Pàez D. & Deschamps J.C., editors, Social Identity. International perspectives. London: Sage, 1998, pp. 93-113.
  5. Baumeister R.F. (1997). Evil. Inside Human Violence and Cruelty. New York: Freeman
  6. Bensousson G. (2006). Europe. Une passion génocidaire. Paris: Mille et une nuits (trad. it.: Genocidio. Una passione europea. Venezia: Marsilio, 2009).
  7. Binding K. & Hoche A. (1920). Die Freigabe der Vernichtung lebensunwerten Lebens. Ihr Maß und ihre Form. Lipsia: Verlag von Felix Meiner
  8. Burgio A. (2010). Nonostante Auschwitz. Il “ritorno” del razzismo in Europa. Roma: DeriveApprodi
  9. Burrin P. (2004). Ressentiment et apocalypse. Essai sur l’antisémitisme nazi. Paris: Seuil (trad. it.: L’antisemitismo nazista. Torino: Bollati Boringhieri, 2004).
  10. De Cristofaro E. & Saletti C., a cura di (2012). Precursori dello sterminio. Binding e Hoche all’origine dell’“eutanasia” dei malati di mente in Germania. Verona: Ombre Corte.
  11. Friedlander H. (1995). The Origins of Nazi Genocide: From Euthanasia to the Final Solution. Chapel Hill, NC: The University of North Carolina Press (trad. it.: Le origini del genocidio nazista. Roma: Editori Riuniti, 1997).
  12. Friedlander H. (2001). Euthanasia. In: Laqueur W., editor, The Holocaust Encyclopedia. New Haven, CT: Yale University Press, 2001, pp. 167-172 (trad. it.: Eutanasia. In: Dizionario dell’Olocausto. A cura di A. Cavaglion. Torino: Einaudi, 2004, pp. 278-283).
  13. Friedlander H. (2007). Den Holocaust beschreiben. Auf dem Weg zu einer integrierten Geschichte. Göttingen: Wallstein (trad. it.: Aggressore e vittima. Per una storia integrata dell’Olocausto. Bari: Laterza, 2009).
  14. Hitler A. (1923 [1925]). Mein Kampf. Munich: Franz Eher Verlag, 1925 (trad. it.: Mein Kampf: la mia battaglia. Milano: Bompiani, 1934).
  15. Jost A. (1895). Das Recht auf den Tod. Sociale Studie. Göttingen: Dietrich
  16. Kelman H.C. & Hamilton V.L. (1989). Crimes of Obedience: Toward a Social Psychology of Authority and Responsibility. New Haven, CT: Yale University Press
  17. Lifton R.J. (1986). The Nazi Doctors. Medical Killing and the Psychology of Genocide. New York: Basic Books (trad. it.: I medici nazisti. Milano: Rizzoli, 1988).
  18. Milgram S. (1974). Obedience to Authority: An Experimental View. New York: Harper & Row (trad. it.: Obbedienza all’autorità. Milano: Bompiani, 1975; Torino: Einaudi, 2003).
  19. Newman L.S. & Erber R., a cura di (2002). Understanding Genocide. The Social Psychology of the Holocaust. New York: Oxford University Press
  20. Opotow S. (1990). Moral exclusion and injustice: An introduction. Journal of Social Issues, 46: 1: 1-20., DOI:10.1111/j.1540-4560.1990.tb00268.x
  21. Oyserman D. & Lauffer A. (2002). Examining the implications of cultural frames on social movements and group action. In: Newman & Erber, 2002, pp. 162-187
  22. Ravenna M. (2004). Carnefici e vittime. Le radici psicologiche della Shoah e delle atrocità sociali. Bologna: Il Mulino
  23. Ravenna M. (2010). Forme estreme di discriminazione sociale nella genesi della Shoah. In: D’Andrea D. & Badii R., a cura di, Sterminio e stermini. Shoah e violenze di massa nel XX secolo. Bologna: Il Mulino, 2010, pp. 175-194
  24. Ravenna M. (2011). Quando individui ordinari compiono atti mostruosi. Relazioni fra banalità del male, obbedienza all’autorità, realizzazione della Shoah. Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia, 2: 96-113., DOI:10.4453/rifp.2011.0013
  25. Ricciardi von Platen A. (1993). Die Tötung Geisteskranker in Deutschland. Bonn: Psychiatrie Verlag (trad. it.: Il nazismo e l’eutanasia dei malati di mente. Firenze: Le Lettere).
  26. Sémelin J. (2005). Purifier et détruire. Paris: Seuil (trad. it.: Purificare e distruggere. Usi politici dei massacri e dei genocidi. Torino: Einaudi, 2007).
  27. Staub E. (1978). Positive Social Behavior and Morality. Vol. 1: Social and Personal Influences. New York: Academic Press
  28. Staub E. (1980). Social and prosocial behavior: Personal and situational influences and their interactions. In: Staub E., editor, Personality: Basic Issues and Current Research. Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall, 1980, pp. 236-295
  29. Staub E. (1989). The Roots of Evil: The Origins of Genocide and Other Group Violence. New York: Cambridge University Press.
  30. Tajfel H. (1981). Human Groups and Social Categories: Studies in Social Psychology. New York: Cambridge University Press (trad. it.: Gruppi umani e categorie sociali. Bologna: Il Mulino, 1985).
  31. Traverso E. (2002). La violenza nazista. Una genealogia. Bologna: il Mulino
  32. Tregenza M. (2006). Purificare e distruggere. 1. Il programma “eutanasia”. Le prime camere a gas naziste e lo sterminio dei disabili (1939-1941). Verona: Ombre Corte
  33. Volpato C. (2012). La negazione dell’umanità: i percorsi della deumanizzazione. Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia, 3, 19: 96-109., DOI:10.4453/rifp.2012.0009
  34. Volpato C. (2013). Negare l’altro. La deumanizzazione e le sue forme (Relazione tenuta al Convegno “Identità del male. La costruzione della violenza perfetta”, Bologna, 29 novembre- 1 dicembre 2012). Psicoterapia e Scienze Umane, XLVII, 2: 311-328 (il video è sul canale YouTube di Psicoterapia e Scienze Umane: http://www.youtube.com/user/PsicoterScienzeUmane).
  35. Zimbardo P. (2007). The Lucifer Effect. New York: Random House (trad. it.: L’effetto Lucifero. Cattivi si diventa? Milano: Raffaello Cortina, 2008).
Marcella H. Ravenna, Un caso esemplare di costruzione del consenso: la realizzazione dell’Aktion T4 nella Germania nazista in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 2/2013, pp. 329-348, DOI:10.3280/PU2013-002013

     


FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche
Acquista qui

Informazioni sulla rivista

Sottoscrivi il FEED
per conoscere subito
i contenuti dell'ultimo fascicolo di questa Rivista

English Version

Download credit

Pubblicità