Clicca qui per scaricare

L’oggetto coppia (The object couple)
Titolo Rivista:  PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE
Autori/Curatori: René Roussillon
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 12 P. 289-300 Dimensione file: 50 KB
DOI: 10.3280/PU2014-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più, clicca qui e qui


La questione della organizzazione edipica viene affrontata a partire dalla progressiva strutturazione di un oggetto psichico particolare, definito "oggetto coppia". Questo oggetto trova la sua prima forma nella realizzazione precoce delle prime rappresentazioni di essere in relazione con la madre, di un primo "stile" di relazione. Questa prima rappresentazione diventa poi più complessa nel momento in cui il padre viene designato come oggetto di relazione e di desiderio da parte della madre, e il bambino passa progressivamente dalla organizzazione dei suoi "schemi di essere con l’oggetto" a "schemi di essere con un oggetto che è con un altro oggetto". Il bambino continuerà poi la sua costruzione dell’oggetto coppia nelle esperienze dove potrà essere "solo davanti alla sua pulsione in presenza della coppia". L’elaborazione e l’organizzazione della posizione edipica si costruirà secondo diversi tipi di organizzazione della vita pulsionale che si succederanno nel corso dello sviluppo.



Keywords: Edipo, coppia, "schemi di essere con", ideale narcisistico, organizzazione libidica


  1. Anzieu D. (1987). Les signifiants formels et le moi-peau. In: Anzieu et al., Les enveloppes psychiques. Paris: Dunod, 1996 (trad. it.: I significanti formali e l’Io-pelle. In: Anzieu et al., Gli involucri psichici. Milano: Dunod-Masson, 1997).
  2. Aulagnier P. (1975). La violence de l’interpretation. Paris: PUF (trad. it.: La violenza dell’interpretazione. Dal pittogramma all’enunciato. Roma: Borla, 1994).
  3. Bollas C. (1987). The Shadow of the Object: Psychoanalysis of the Unthought Known. New York: Columbia University Press (trad. it.: L’ombra dell’oggetto: psicoanalisi del conosciuto non pensato. Roma: Borla, 1989).
  4. Bourguignon O., editor (1999). Le fraternel. Paris: Dunod.
  5. Deleuze G. & Guattari F. (1971). L’Anti-Oedipe. Paris: Éditions De Minuit (trad. it.: L’anti-Edipo. Capitalismo e schizofrenia. Torino: Einaudi 1975).
  6. Donnet J.L. (1976). On parle d’un enfant. Revue Française de Psychanalyse, 40, 4: 733-739.
  7. Donnet J-L. & Green A. (1973). L’enfant de ça. Psychanalyse d’un entretien: la psychose blanche. Paris: Éditions de Minuit (trad. it.: La psicosi bianca. Roma: Borla, 1992).
  8. Dornes M. (2002). Psychanalyse et psychologie du premier âge. Paris: PUF.
  9. Fivaz-Depeursinge E. & Corboz-Warnery A. (1999). The Primary Triangle. A Development System View of Mothers, Fathers and Infants. New York: Basic Books (tra. it.: Il triangolo primario: le prime interazioni triadiche tra padre, madre e bambino. Milano: Raffaello Cortina, 2000).
  10. Freud S. (1914 [1918]). Dalla storia di una nevrosi infantile (Caso clinico dell’Uomo dei lupi). Opere, 7: 483-593. Torino: Boringhieri, 1975.
  11. Freud S. (1915-17 [1916-17]). Introduzione alla psicoanalisi. Opere, 8: 191-611. Torino: Boringhieri, 1976.
  12. Freud S. (1921). Psicologia delle masse e analisi dell’Io. Opere, 9: 259-330. Torino: Boringhieri, 1977.
  13. Jaïtin R. (2006). Clinique de l’inceste fraternel. Paris: Dunod.
  14. Lacan J. (1955-56). Le Seminaire, Livre 3: Les Psychoses. Paris: Seuil, 1981 (trad. it.: Il Seminario. Libro III. Le psicosi. Torino: Einaudi, 1985).
  15. Perrault C. (1697). Le Petit Poucet (trad. it.: Pollicino. In: I racconti di mamma l’oca. Torino: Einaudi, 1957).
  16. Rochat P. (2006). Le monde des bébés. Paris: Odile Jacob.
  17. Rosolato G. (1985). Le signifiant de démarcation et la communication non verbale. In: Eléments de l'interprétation. Paris, Gallimard, 1985, pp. 63-82.
  18. Roussillon R. (1995). Logiques et archéologiques du cadre psychanalytique. Paris: PUF (trad. it.: Il setting psicoanalitico. Roma: Borla, 1997).
  19. Roussillon R. (2002). La capacité d’être seul en présence du couple. Revue Française de Psychanalyse, LXVI, 1 (“Familles d’aujourd’hui”): 9-20., DOI:10.3917/rfp.661.0009.Anchein:Roussillon,2008,cap.11,pp.225-240
  20. Roussillon R. (2004). La dépendance primitive et l’homosexualité primaire “en double”. Revue Française de Psychanalyse, LXVIII, 2: 421-439. Roussillon R. (2008). Le jeu et l’entre je(u). Paris: PUF.
  21. Stern D.N. (1985). The Interpersonal World of the Infant. New York: Basic Books (trad. it.: Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri, 1987).
  22. Varela F. (1989). Connâitre les sciences cognitive. Paris: Seuil (trad. it.: Neurofenomenologia. Un rimedio metodologico al “problema difficile”. In: Cappuccio M., a cura di, Neurofenomenologia. Le scienze della mente e la sfida dell’esperienza cosciente. Milano: Bruno Mondadori, 2006).
  23. Vincent J.D. (1986). Biologie des passions. Paris: Odile Jacob.
  24. Winnicott D.W. (1957). The capacity to be alone. International Journal of Psychoanalysis, 1958, 39: 416-420. Anche in: The Maturational Process and the Facilitating Environment [1957-63]. New York: International Universities Press, 1965 (trad. it.: La capacità di essere solo. In: Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando, 1970).
René Roussillon, L’oggetto coppia in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 2/2014, pp. 289-300, DOI:10.3280/PU2014-002005

     


FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche
Acquista qui

Informazioni sulla rivista

Sottoscrivi il FEED
per conoscere subito
i contenuti dell'ultimo fascicolo di questa Rivista

English Version

Download credit

Pubblicità