Clicca qui per scaricare

Quale sé viene alla mente? Sé relazionale, sé corporeo, e psiche multipla (Which self comes to mind? Bodily self, relational self, and manifold mind)
Titolo Rivista:  PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE
Autori/Curatori: Stefano Fissi
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 18 P. 621-638 Dimensione file: 72 KB
DOI: 10.3280/PU2014-004004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più, clicca qui e qui


Il Sé è la condizione della coscienza, ma esiste un Sé soggettivo o corporeo, un Sé oggettivo e relazionale, e con lo sviluppo si organizzano altri Sé. Il primo indica il nucleo di auto-rappresentazione mesencefalico che è il punto di riferimento dell’esperienza cosciente, e uno dei sistemi operativi-emozionali. Il secondo designa un polo delle rappresentazioni diadiche interattive della relazione infante-caregiver, ovvero dei circuiti di etero- e auto-regolazione omeostatica. La coscienza è una proprietà della rete di un certo numero di circuiti che operano in parallelo in stretta connessione tra loro, ed è data da un nucleo dinamico di loop ricorsivi di rimappatura di una scena sul proprio contesto. Una pluralità di Sé è compatibile con questo modello e con la patologia dei disturbi dissociativi.



Keywords: Sé, coscienza, neuroscienze, molteplicità, dissociazione


  1. Beebe B., Lachmann F. & Jaffe J. (1997). Mother-infant interaction structures and presymbolic self and object representations. Psychoanalytic Dialogues, 7, 2: 133-182., DOI:10.1080/10481889709539172(trad.it.:Lestruttured’interazionemadre-bambinoelerappresentazionisimbolichedelSéedell’oggetto.Ricercapsicoanalitica,1999,X,1:9-49)
  2. Beebe B. & Lachmannn F. (2002). Infant Research and Adult Treatment Co-constructing Interactions. New York: Analytic Press (trad. it.: Infant research e trattamento degli adulti – Un modello sistemico-diadico delle interazioni. Milano: Raffaello Cortina, 2003).
  3. Blackmore S. (2004). Consciousness. A Very Short Introduction. Oxford, UK: Oxford University Press (trad. it.: Coscienza. Torino: Codice Edizioni, 2005).
  4. Bowlby J. (1969). Attachment and Loss. Vol. 1: Attachment. London: Hogarth Press (2nd edition: New York: Basic Books, 1982) (trad. it.: Attaccamento e perdita. Vol. 1: L’attaccamento alla madre. Torino: Boringhieri, 1972 [1a ediz.], 1989 [2a ediz.]).
  5. Bromberg P.M. (1998). Standing in the spaces. Essays on Clinical Processes, Trauma, and Dissociation. Hillsdale, NJ: Analytic Press (trad. it.: Clinica del trauma e della dissociazione. Standing in the spaces. Milano: Raffaello Cortina, 2007).
  6. Bromberg P.M. (2006). Awakening the Dreamer. Clinical Journeys. Mahwah, NJ: Analytic Press (trad. it.: Destare il sognatore. Percorsi clinici. Milano: Raffaello Cortina, 2009).
  7. Bromberg P.M. (2011). The Shadows on the Tsunami and the Growth of the Relational Mind. New York: Routledge (trad. it.: L’ombra dello tsunami. La crescita della mente relazionale. Milano: Raffaello Cortina, 2012).
  8. Brugger P., Kollias S.S., Müri R.M., Crelier G., Hepp-Reymond M.-C. & Regard M. (2000). Beyond re-membering: Phantom sensations of congenitally absent limbs. Proceedings of the Natural Academy of Sciences USA, 23, 97, 11: 6167-6172., DOI:10.1073/pnas.100510697
  9. Buck R. (1994). The neuropsychology of communications: Spontaneous and symbolic aspects. Journal of Pragmatics, 22, 3/4: 265-278., DOI:10.1016/0378-2166(94)90112-0
  10. Damasio A.R. (1999). The Feeling of What Happens. Body and Emotion in the Making of Consciousness. London: Heinemann (trad. it.: Emozione e coscienza, Milano: Adelphi, 2000).
  11. Damasio A. R. (2010). Self Comes to Mind. Constructing the Conscious Brain. New York: Pantheon, 2010 (trad. it.: Il Sé viene alla mente. La costruzione del cervello cosciente. Milano: Adelphi, 2012).
  12. Dennett D. (1987). The Intentional Stance. Cambridge, MA: MIT Press (trad. it.: L’atteggiamento intenzionale. Bologna: Il Mulino, 1995).
  13. Dennett D.C. (1991). Consciousness Explained. New York: Little, Brown and Company (trad. it.: Coscienza. Che cos’è. Milano: Rizzoli, 1993).
  14. Denton D. (2005). Les émotions primordiales et l’éveil de la conscience. Paris: Flammarion (trad. it.: Le emozioni primordiali. Gli albori della coscienza. Torino: Bollati Boringhieri, 2009).
  15. Edelman G.M. (1989). The Remembered Present: A Biological Theory of Consciousness. New York: Basic Books (trad. it.: Il presente ricordato: una teoria biologica della conoscenza. Milano: Rizzoli, 1991).
  16. Edelman G.M. (1992). Bright Air, Brilliant Fire. On the Matter of Mind. New York: Basic Books (trad. it.: Sulla materia della mente. Milano: Adelphi, 1993). Edelman G.M. (2006). Second Nature: Brain Science and Human Knowledge. New Haven, CT: Yale University Press (trad. it.: Seconda natura. Scienza del cervello e conoscenza umana. Milano: Raffaello Cortina, 2007).
  17. Edelman G.M. & Tononi G. (2000). A Universe of Consciousness. How Matter Becomes Imagination. New York: Basic Books (trad. it.: Un universo di coscienza. Come la materia diventa immaginazione. Torino: Einaudi, 2000).
  18. Farina B. & Liotti G. (2011). Dimensione dissociativa e trauma dello sviluppo. Cognitivismo Clinico, 8, 1: 3-17.
  19. Fink G.R., Markowitch H.J., Reinkemeier M., Bruckbauer T., Kessler J. & Heiss W.D. (1996). Cerebral representation of one’s own past: Neural network involved in autobiographic memory. Journal of Neuroscience, 16, 13: 4275-4282.
  20. Fissi S. (2013). La coscienza come proiezione corticale del nucleo primario di autorappresentazione dell’organismo. Internet: http://www.neuroscienze.net/?p=3733.
  21. Gergely G. & Unoka Z. (2008). Attachment and mentalization in humans. The development of affective self. In: Jurist E.L., Slade A. & Bergner S., editors, Mind to Mind. Infant Research, Neurosciences and Psychoanalisis. New York: Other Press, 2008 (trad. it: Attaccamento e mentalizzazione negli esseri umani. Lo sviluppo del Sé affettivo. In: Da mente a mente. Infant research, neuroscienze e psicoanalisi. Milano: Raffaello Cortina, 2010).
  22. Liotti G. & Farina B. (2011). Sviluppi traumatici Eziopatogenesi, clinica e terapia della dimensione dissociativa. Milano: Raffaello Cortina.
  23. Metzinger T. (2009). The Ego Tunnel. The Science of the Mind and the Mith of the Self. New York: Basic Books (trad. it.: Il tunnel del’Io. Scienza della mente e mito del soggetto. Milano: Raffaello Cortina, 2010).
  24. Ogawa J.R., Sroufe L.A., Weinfield N.S., Carlson E.A. & Egeland B. (1997). Development and fragmented self: Longitudinal study of dissociative symptomatology in non-clinical
  25. samples. Development and Psychopathology, 9, 4: 855-879., DOI:10.1017/S0954579497001478
  26. Panksepp J. (1988). Affective Neuroscience. The Foundations of Human and Animal Emotions. New York: Oxford University Press.
  27. Perconti P. (2011). Coscienza. Bologna: Il Mulino.
  28. Schore A.N. (2000a). Attachment and the regulation of the right brain. In: Schore, 2010 (trad. it.: L’attaccamento e la regolazione del cervello destro, pp. 76-95).
  29. Schore A.N. (2000b). Parent-infant communication and the neurobiology of emotional development. In: Schore, 2010 (trad. it.: La comunicazione genitore-bambino e la neurobiologia dello sviluppo emotivo, pp. 96-113).
  30. Schore A.N. (2001a). The effects of a secure attachment relationship on right brain development, affect regulation, and infant mental health. In: Schore, 2010 (trad. it.: Gli effetti di una relazione di attaccamento sicuro sullo sviluppo del cervello destro, la regolazione affettiva e la salute mentale infantile, pp. 163-220).
  31. Schore A.N. (2001b). The effects of relational trauma on right brain development, affect regulation, and infant mental health. In: Schore, 2010 (trad. it.: Gli effetti del trauma relazionale sullo sviluppo del cervello destro, la regolazione affettiva e la salute mentale infantile, pp. 221-287).
  32. Schore A.N. (2002). Dysregulation of the right Brain: a fundamental mechanism of traumatic attachment and the psychopathogenesis of post-traumatic stress disorder. In: Schore, 2010
  33. (trad. it.: La disregolazione del cervello destro: un meccanismo fondamentale dell’attaccamento traumatico e della psicopatogenesi del disturbo post-traumatico da stress, pp. 288-326).
  34. Schore A.N. (2003a). Early relational trauma, disorganized attachment, and the development of a disposition to violence. In: Schore, 2010 (trad. it.: Gli effetti del trauma relazionale precoce sulla regolazione affettiva. Lo sviluppo della personalità borderline e antisociale e la predisposizione alla violenza, pp. 327-375).
  35. Schore A.N. (2003b). Affect Regulation and the Repair of the Self. New York: Norton (trad. it.: La regolazione degli affetti e la riparazione del Sé. Roma: Astrolabio, 2008).
  36. Schore A.N. (2003c). Affect Dysregulation and Disorders of the Self. New York: Norton (trad. it.: I disturbi del Sé. La disregolazione degli affetti. Roma: Astrolabio, 2010).
  37. Siegel D.J. (1999). The Developing Mind. New York: Guilford (trad. it.: La mente relazionale.Milano: Raffaello Cortina, 2001).
  38. Solms M. & Turnbull O. (2002). The Brain and the Inner World. London: Karnac (trad. it. Il cervello e il mondo interno. Introduzione alle neuroscienze dell’esperienza soggettiva. Milano: Raffaello Cortina, 2004).
  39. Sroufe L.A. (1989). Relationships, self, and individual adaptations. In: Sameroff A.J. & Emde R.N., editors, Relationships Disturbances in Early Childhood. New York: Basic Books, 1989 (trad. it.: Relazioni, Sé e adattamento individuale. In: I disturbi delle relazioni nella prima infanzia. Torino: Bollati Boringhieri, 1991, pp. 82-106).
  40. Sroufe L.A. (1996). Emotional Development: The Organization of Emotional Life in the Early Years. New York: Cambridge University Press.
  41. Stern D.N. (1985). The Interpersonal World of the Infant. New York: Basic Books (trad. it.: Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri, 1987).
  42. Stern D.N. (1995). The Motherhood Constellation. A Unified View of Parent-Infant Psychotherapy.New York: Basic Books (trad. it.: La costellazione materna. Torino: Bollati Boringhieri, 1995).
  43. Trevarthen C. (1984). Emotions in infancy: Regulators of contact and relationship with persons. In: Scherer K. & Ekman P., editors, Approach to Emotions. Hillsdale, HJ: Erlbaum (trad. it.: Le emozioni nell’infanzia: regolatrici del contatto e delle relazioni interpersonali. In: Riva Crugnola C., a cura di, Lo sviluppo affettivo del bambino. Tra psicoanalisi e psicologia evolutiva. Milano: Raffaello Cortina, 1993, pp. 73-108).
  44. Winnicott D.W. (1952). Anxiety associated with insecurity. In: Collected Papers. Through Pediatrics to Psychoanalysis [1931-56]. New York: Basic Books, 1958, pp. 97-100 (trad. it.:
  45. L’angoscia associata all’insicurezza. In: Dalla pediatria alla psicoanalisi. Scritti scelti. Firenze: Martinelli, 1975, cap. VIII, pp. 119-123).
  46. Winnicott D.W. (1960). Ego distortions in terms of true or false self. In: The Maturational Process and the Facilitating Environment [1957-63]. New York: International Universities Press, 1965 (trad. it.: Alterazioni dell’Io come vero e falso Sé. In: Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando, 1970, pp. 177-193).


  1. Stefano Fissi, Recenti teorie della coscienza e modelli psicoanalitici in PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE 2/2016 pp. 253, DOI: 10.3280/PU2016-002005
Stefano Fissi, Quale sé viene alla mente? Sé relazionale, sé corporeo, e psiche multipla in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 4/2014, pp. 621-638, DOI:10.3280/PU2014-004004

     


FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche
Acquista qui

Informazioni sulla rivista

Sottoscrivi il FEED
per conoscere subito
i contenuti dell'ultimo fascicolo di questa Rivista

English Version

Download credit

Pubblicità