Peer Reviewed Journal
FOR Rivista per la formazione
4 fascicoli all'anno , ISSN 1828-1966 , ISSNe 1972-506X
Prezzo fascicolo (inclusi arretrati): € 22,50
Prezzo fascicolo e-book (inclusi arretrati): € 19,50

Canoni 2019
Biblioteche, Enti, Società:
cartaceo (IVA inclusa): Italia € 91,00;Estero € 150,50;
solo online (IVA esclusa):  € 99,50;

Info  abbonamenti cartaceo     Info  licenze online

Atenei:
online (con arretrati, accesso perpetuo, formula plus )
Info licenze online

Privati:
cartaceo: € 80,50 (Italia); cartaceo: € 131,00 (Estero); solo online (privati): € 69,50 ; 
Info abbonamenti  Info Soci AIS

Abbonati qui


Tendenze, pratiche, strumenti. A cura dell'Aif (Associazione italiana formatori).
For si rivolge a tutti i professionisti della formazione, sia che operino all’interno di aziende ed organizzazioni (private, pubbliche, non profit), sia che le supportino esternamente lavorando in società di consulenza, enti e centri di formazione, scuole e università, o come free lance. Nasce dall’esperienza di AIF, la prima (opera dal 1975) e più grande (più di 2400 iscritti) associazione italiana per chi lavora nel campo della formazione. I suoi articoli abbracciano i temi relativi a tutti i processi di sviluppo dell’apprendimento e alle loro attività di supporto:
- ricerche, studi sul campo, tendenze
- analisi delle esigenze e delle opportunità formative
- progettazione di interventi formativi
- realizzazione dei progetti formativi, coordinamento, tutoring
- gestione d’aula
- controllo e verifica dei risultati e degli apprendimenti
- progettazione e valutazione di sistemi qualità per la formazione
- meccanismi e fisiologia degli apprendimenti
- creazione, capitalizzazione, diffusione e utilizzo degli apprendimenti organizzativi (learning systems)
La sua consultazione è stata pensata per tutti i diversi ruoli dei professionisti della formazione: ricercatori, progettisti, responsabili di progetto, responsabili di funzione, coordinatori, tutor, trainer, verificatori, valutatori, quality manager, direttori di centri, business school, master. For rappresenta una buona fonte di orientamento e formazione per gli studenti di Scienze dell’Educazione e per le persone che vogliono intraprendere la professione di formatore. Molti articoli risultano utili anche a chi svolge il ruolo di formatore o sviluppatore di competenze part-time come accade nei casi di capi che devono far crescere i propri collaboratori o di formatori-docenti interni alle aziende (persone che normalmente svolgono altre attività e che sono chiamati ad addestrare e formare neoinseriti o altri dipendenti sulle buone pratiche, sui metodi e sulle tecniche da loro presidiati).
For si articola nelle seguenti rubriche:
Editoriale: il punto della situazione sulla formazione in Italia o su alcuni dei suoi aspetti più interessanti
Focus: ogni numero affronta un tema caldo per la formazione dedicandogli una monografia in cui i vari aspetti del tema vengono affrontati da voci diverse
Analisi studi e ricerche
Approcci metodologici innovativi
Business Community
Experential Learning
Educazione e formazione alla pace
Formazione alla politica
Formazione e Pubblica Amministrazione
Formazione e Sanità
La formazione e la rete
L’Università per la conoscenza
Metodi, strumenti e buone pratiche
Orizzonti internazionali
Orizzonte Futuro
Persone e idee
Provocazioni
Recensioni per la formazione
Vita Associativa

Direttore Editoriale:Giusi Miccoli (giusi.miccoli@gmail.com)
Comitato scientifico: Pier Luigi Amietta (amietta1@virgilio.it) - Gianluca Bocchi (gianluca.bocchi@galactica.it) - Massimo Bruscaglioni (massimobruscaglioni@risfor.net) - Antonello Calvaruso (presidenza@associazioneitalianaformatori.it) - Pier Luigi Celli (presidenza@enit.it) - Mauro Ceruti (mauro.ceruti@ unibg.it) - Nadio Delai (info@nadiodelai.it) - Gianfranco Dioguardi (dioguardi@tin.it) - Domenico Lipari (domenico.lipari@uniroma1.it) - Gian Piero Quaglino (gpquaglino@vivenzia.it) - Paolo Macry (paolo.macry@fastwebnet.it) - Severino Salvemini (severino.salvemini@unibocconi.it) - Piero Trupia (piero.trupia@alice.it) - Giuseppe Varchetta (giuseppe.varchetta@tiscali.it) - Vito Volpe (vito.volpe@ismo.org) Comitato di redazione: Dario Arkel (d.arkel@hotmail.it) - Renato Bisceglie (renato.bisceglie@gmail.com) - Massimo Bruscaglioni (massimobruscaglioni@risfor.net) - Alessandro Cafiero (acalessandrocafiero@gmail.com) - Antonello Calvaruso (presidenza@associazioneitalianaformatori. it) - Maurizio Castagna (maurizio.castagna@mida. biz) - Riccardo Cicolini (riccardo.cicolini@gmail.com) - Enrico Cerni (enrico.cerni@generali.com) - Vindice Deplano (v.deplano@gmail.com) - Sergio Di Giorgi (srg.digiorgi@gmail.com) - Renato Di Nubila (renato.dinubila@unipd.it) - Dario Forti (darioforti@skole.it) - Myriam Ines Giangiacomo (mi.giangiacomo@bottegafilosofica.it) - Alfredo Loso (alfredo.loso@gmail.com) - Anna Malaguti (presidenza.aifveneto@gmail.com) - Chiara Martinelli (cmartinelli@qubisoft.it) - Maurizio Milan (mmilan@digitalaccademia.com) - Renato Montella (renato.montella@tin.it) - Ugo Righi (ugo.righi@gmail.com) - Giuseppe Romaniello (peppe.romaniello@gmail.com) - Rita Steffenoni (redazione.for@associazioneitalianaformatori.it) - Piero Trupia (piero.trupia@alice.it) - Giuseppe Varchetta (giuseppe.varchetta@tiscali.it) - Roberto Vardisio (roberto.vardisio@entropykn.net) - Paolo Viel (paoloviel@libero.it)

Per contattare la Redazione: AIF/Associazione Italiana Formatori, Via Antonio da Recanate 2, 20124 Milano Telefono 02/48013201, fax 02/48195756 e-mail: aifitaly@tin.it , www.associazioneitalianaformatori.it

FrancoAngeli è consapevole dell’importanza - per accrescere visibilità e impatto delle proprie pubblicazioni - di assicurare la conservazione nel tempo dei contenuti digitali. A tal fine siamo membri delle due associazioni internazionali di editori e biblioteche - Clockss e Portico - nate per garantire la conservazione delle pubblicazioni accademiche elettroniche e l’accesso futuro nel caso in cui venissero a mancare le condizioni per accedere al contenuto tramite altre forme.

Sono repository certificati che offrono agli autori e alle biblioteche anche la garanzia dell’aggiornamento tecnologico e di formati per permettere di fruire in perpetuo e nel modo più completo possibile dei full text.

Per saperne di più: Home - CLOCKSS; Publishers – Portico.

La circolazione della rivista mira a valorizza l’impatto presso tutti i professionisti della formazione, sia che operino all’interno di aziende ed organizzazioni (private, pubbliche, non profit), sia che le supportino esternamente lavorando in società di consulenza, enti e centri di formazione, scuole e università, o come free lance.



Articolo gratuito Articolo gratuito Articolo a pagamento Articolo a pagamento Acquista il fascicolo in e-book Fascicolo disponibile in e-book


Fascicolo 44-45/2000 


Dario Forti, Una prassi alla ricerca di un nuovo pensiero
Marina Montironi, Il service management nella net economy
Cesare Kaneklin, Franco Natili, La formazione nei servizi pubblici
Paola Sabbatini, Emanuele Kettliz, Esperienze formative nel mondo dei servizi
Ludowica Dal Lago, Ugo Morelli, Research Based Learning (RBL): percorsi formativi per le organizzazioni dei servizi
Dario Forti, L'apprendimento della complessità del servizio
Marco Rotondi, Work Learning Place (WLP) un modello di formazione centrato sul knowledge
Giuseppe Varchetta, Voci lontane sempre presenti: un evento formativo anni'60 sulle tracce dell'attualità
Andrea Fontana, Metodo autobiografico: fra ricerca e formazione
Claudio G. Cortese, La gestione del project-work


Fascicolo 43/2000 


Fabio Bernardi, Il gruppo come strumento diagnostico
Vito Volpe, Dimensione gruppo: un'emergenza per la formazione
Enzo Spaltro, Il gruppo come tecnologia formativa avanzata
Franco Del Corno, Effetti negativi dei gruppi
Gianni Marocci, La soggettività inevitabilmente plurale
Franco Angeli, Le "nuove" modalità di formare e formarsi: la sfida del XXI secolo
Luca Bicchierini, La formazione come leva di marketing: il caso Candy
John Stevens, Roy Harrison, Il successo mediante l'apprendimento
Vindice Deplano, Apprendere nella realtà virtuale?
Arianna Dagnino, Imparare in fretta a reinventarsi continuamente


Fascicolo 42/2000 


Gian Piero Quaglino, Oltre i modelli consolidati
Claudia Piccardo, Gian Piero Quaglino, Le vie della formazione alla leadership
Eraldo Cassani, Leadership e cuore
Vincenzo Martino, Vision, valori, leadership: il caso Boehringer Ingelheim
Giovanni Testa, Claudio G. Cortese, Quale leadership per il Gruppo Fiat?
Claudia Piccardo, Il mentoring per lo sviluppo della leadership
Mario Unnia, Quale profilo per i leader della nuova economia
Pier Giorgio Perotto, Le esigenze formative della società dell'informazione
Flavio Masella, Il metodo "cosa succede se…"
Massimo Davi, Una formazione sudata: apprendimento e movimento
Vindice Deplano, Antonio Ecca, La distanza presente


Sommari delle annate

2014   2013   2012   2011   2010   2009   2008   2007   2006   2005   2004   2003   2002   2001   2000   1999   1998   1997   1996   1995   1994  


Ed Inoltre
AIF – Associazione italiana formatori
Chi siamo/La carta dei valori
Eventi
Scuola interna
Delegazioni regionali

Responsabile: Pier Luigi Amietta
Professione formazione è il titolo ideale di questa collana oltreché del suo primo fortunato (per l’apprezzamento dei lettori) volume; così come accompagnare e contribuire allo sviluppo della professione formazione ne rappresenta la mission, usando un termine caro agli esperti di organizzazione.
Il formatore a cui ci riferiamo prevalentemente, e che l’Aif rappresenta validamente, è «l’esperto di apprendimento degli adulti che lavorano nelle organizzazioni». Popolazione oggi allo stesso tempo «consistente» ed «emergente», protagonista di una delle più interessanti esperienze nell’intero mondo dell’education. Consistente perché c’è già una solida professionalità fatta di sistemi multidisciplinari, di conoscenze, di metodologie e strumenti, d’identità professionale positivamente vissuta, di funzione e ruolo diffusamente riconosciuti come determinanti nel mondo del lavoro. Emergente perché il suo sviluppo continua ad essere rapido e già presenta nuove sfide: basti pensare da una parte alla crucialità dell’aggiornamento permanente nelle ricche società moderne caratterizzate da rapidissimo livello di cambiamento e dall’altra alla crucialità che l’istruzione, anche degli adulti, avrà nella soluzione di problemi quali il progresso dei paesi oggi meno economicamente progrediti, l’approccio alla gestione delle grandi migrazioni internazionali, la conversione professionale e culturale di gruppi sociali…
Sezione 1. Le competenze della formazione
Sezione 2. Metodi, strumenti e buone pratiche