CHIUSURA ESTIVA! Gli ordini inseriti fino al 30 luglio verranno regolarmente spediti. Quelli fatti successivamente verranno evasi a partire dal 26 agosto.

L’inventrice di robot e lo youtuber

Saveria Capecchi, Maria Grazia Ferrari

L’inventrice di robot e lo youtuber

Che tipo di vita immaginano di fare da adulti un gruppo di preadolescenti emiliano-romagnoli appartenenti alla Generazione Z? Quale lavoro immaginano di svolgere? Cosa faranno nel loro tempo libero? Quali media e quali generi di contenuti fruiscono maggiormente oggi? E chi sono i loro personaggi mediali preferiti in cui identificarsi e proiettarsi? Il volume presenta una ricerca quali-quantitativa sul rapporto tra immaginario, reale e media, che ha coinvolto 268 bambine e bambini di Bologna e Parma. Un libro utile a coloro che sono interessati all’universo giovanile (genitori, insegnanti, educatrici/tori, studiose/i).

Printed Edition

21.00

Pages: 156

ISBN: 9788835149781

Edition: 1a edizione 2023

Publisher code: 1420.225

Availability: Discreta

Nel futuro: che tipo di vita immaginano di fare da adulti, tra vent'anni, un gruppo di preadolescenti emiliano-romagnoli appartenenti alla Generazione Z? Quale lavoro immaginano di svolgere? Con chi vorranno convivere e cosa faranno nel loro tempo libero? Nel presente: quali media e quali generi di contenuti fruiscono maggiormente? Chi sono i loro personaggi mediali preferiti in cui identificarsi e proiettarsi?
Nel volume vengono presentati i risultati di una ricerca quali-quantitativa sul rapporto tra immaginario, reale e media in cui sono stati coinvolti 268 bambine e bambini di Bologna e Parma. L'immaginario è inteso in senso fenomenologico come una dimensione non "altra" rispetto al reale, ma complementare e funzionale a "costruire" rappresentazioni sociali della realtà. Dalle rappresentazioni sociali e dai progetti di vita delineati dai preadolescenti emergono le caratteristiche e i valori della società odierna: dal confronto con una ricerca analoga svolta dalle stesse autrici un quarto di secolo fa (Una baby-sitter a Beverly Hills. Immaginario, media e dintorni, FrancoAngeli, 1998), si rilevano passi in avanti in direzione della parità di genere, soprattutto per quanto riguarda la dimensione lavorativa, e la famiglia immaginata è sempre più sganciata dalla tradizione; si sogna con più insistenza una vita all'insegna di bellezza, ricchezza e fama e, al contempo, si ravvisa un maggiore impegno sociale, dalla solidarietà nei confronti delle persone emarginate all'ecologismo; inoltre, le nuove professioni menzionate, digitali e nel settore della robotica, ci proiettano nel prossimo futuro. Un libro utile a coloro che sono interessati all'universo giovanile (genitori, insegnanti, educatrici/tori, studiose/i).

Saveria Capecchi è professoressa associata presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università di Bologna. Insegna Sociologia della cultura, Sociologia dei media e della comunicazione e Comunicazione e genere. Ha scritto libri e saggi e svolto ricerche su: teorie dei media, Audience Studies, Media and Gender Studies, Media Education, violenza di genere. Tra le sue pubblicazioni: L'audience attiva. Effetti e usi sociali dei media, Carocci (nuova ed. 2015), La comunicazione di genere. Prospettive teoriche e buone pratiche, Carocci (2018).

Maria Grazia Ferrari è professoressa a contratto presso l'Università di Parma. Insegna Sociologia dei processi culturali e comunicativi e Sociologia della salute e della comunicazione. Ha scritto libri e saggi e svolto ricerche su: comunicazione efficace, processo comunicativo, organizzazione della conoscenza, didattica speciale e codici comunicativi, comunicazione e disabilità, comprensione e comunicazione. Tra le sue pubblicazioni: È possibile comunicare?, Unicopli (2009), Comprensione e semplificazione dei testi. L'organizzazione della conoscenza in un allievo con difficoltà di apprendimento, Universitas Studiorum (2020).

Ringraziamenti
Pina Lalli, Presentazione
(Riferimenti bibliografici)
Chiara Scivoletto, Presentazione
Premessa
L'immaginario
(Il rapporto tra immaginario, reale e mondo mediale; Ipotesi e obiettivi di ricerca)
La vita da adulti immaginata da bambine e bambini
(Con chi vivrò?; Che lavoro farò? Che stile di vita avrò?; I "sogni" di bambine e bambini)
Tempo libero, media e immaginario
(L'uso del tempo libero: le abitudini di consumo mediale dei preadolescenti; La subcultura di bambine e bambini: quali valori?)
Riferimenti bibliografici
Appendice
(Nota metodologica; Tabelle).

Contributors: Pina Lalli, Chiara Scivoletto

Serie: La societa' / Saggi e studi

Subjects: Sociology of Cultural Processes

Level: Scholarly Research - Textbooks

You could also be interested in