Il Paese dimenticato

Nuto Revelli e la crisi dell'Italia contadina

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 138,      1a edizione  2020   (Codice editore 985.39)

Il Paese dimenticato Nuto Revelli e la crisi dell'Italia contadina
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Analizzando le opere pubblicate, le interviste e numerosi materiali inediti, questo libro ricostruisce il modo in cui Nuto Revelli condusse una battaglia culturale e politica contro l’indifferenza e il cinismo con cui veniva dimenticata una parte del paese, incapace di tenere il passo di uno sviluppo economico troppo rapido e poco attento all’individuo. Le riflessioni di Revelli ritornano oggi come un monito a non sacrificare il rispetto per l’essere umano in nome dello sviluppo economico, foriero di contraddizioni e disuguaglianze e, sulla lunga distanza, insostenibile.

Presentazione del volume



Quando, negli anni Sessanta, la società italiana inseguiva il sogno del benessere, Nuto Revelli iniziava a tessere il suo lungo dialogo con i reduci di guerra e i contadini della sua provincia, il Cuneese, raccogliendo storie di emarginazione e miseria. Scopriva così l'indifferenza e il cinismo con cui gli agricoltori poveri, spesso anziani e malati, che non potevano tenere il passo di una modernizzazione economica troppo rapida e poco attenta all'individuo, venivano abbandonati a se stessi. Questo libro ricostruisce, analizzando le opere pubblicate, le interviste e numerosi materiali d'archivio inediti, il modo in cui Nuto Revelli condusse una battaglia culturale e civile ispirata ai valori etico-politici dell'azionismo, appresi durante la Resistenza come comandante partigiano GL. Una battaglia che, con i suoi insegnamenti di metodo, rappresenta ancora oggi un monito a non sacrificare il rispetto per l'essere umano in nome dello sviluppo economico.

Gianluca Cinelli è redattore della rivista "Close Encounters in War Journal" e collabora con la Fondazione Nuto Revelli. Tra i suoi interessi di studio vi sono la memorialistica di guerra, Nuto Revelli, Primo Levi, Mario Rigoni Stern, Alessandro Manzoni e Joseph Conrad. Ha pubblicato Nuto Revelli (Aragno, 2011), La questione del male in Storia della Colonna infame di Alessandro Manzoni (Troubador, 2015) e "Viandante giungessi a Sparta...". Il modo memorialistico nella narrativa contemporanea (Sapienza universitaria editrice, 2016).

Indice

Introduzione. L'attualità di un ricercatore indipendente
La grande delusione. Il dopoguerra e la difficile democratizzazione (1945-1960)
La guerra degli altri. Un "pesante debito da pagare" (1960-1966)
Le lettere dei soldati. La campagna povera scrive la sua storia (1965-1971)
Una nuova stagione di resistenza. Il dialogo con i contadini della campagna povera (1970-1977)
La ricerca nella ricerca. La donna della campagna povera (1977-1985)
Il "manovale della ricerca"
Un monito dai fantasmi del passato: resistere all'ignoranza
Appendice
Indice dei nomi