Analisi e progettazione del lavoro della conoscenza: il modello della Fondazione Irso e due casi

Titolo Rivista: STUDI ORGANIZZATIVI
Autori/Curatori: Federico Butera, Sebastiano Di Guardo
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 26 P. 199-224 Dimensione file: 1104 KB
DOI: 10.3280/SO2009-002010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

<em>Sezione progetti e politiche organizzative Analisi e progettazione del lavoro della conoscenza: il modello della Fondazione Irso e due casi</em> - Knowledge workers numbers are growing in all western countries, from 39 to 52% of working population as international statistics reveal. But in many cases their work is not well understood, the nature of their work resembles more to a character than to a well defined job, it is difficult to evaluate their performance, critical is the balance between their need for job security and their boundaryless careers, their professions are often strategical but rarely enter in a clear system of professions as in the past the medical doctors, the architects, the lawyers. A proven methodology for analysis and design of roles, professions and personal growth is presented and illustrated through two cases: the top level experts (or knowledge owners) in a high tech large corporation and the case of immigrant social workers in charge of helping immigrant people to integrate in schools, workplace, neighbourhood. Aims of such a methodology are: unrevealing the nature of knowledge work, understanding the character defined by the organization end performed by people, identify and measuring the performances, give people flexsecurity, develop e strengthen critical and strategic professions.

  • Perceived autonomy and discretion of mobile workers Roberto Albano, Ylenia Curzi, Tania Parisi, Lia Tirabeni, in STUDI ORGANIZZATIVI 2/2019 pp.31
    DOI: 10.3280/SO2018-002002
  • Fattori organizzativi e processi di condivisione della conoscenza nelle strutture turistiche complesse. Il caso Villa Medicea "La Ferdinanda" di Artimino Sara Lombardi, Vincenzo Cavaliere, in STUDI ORGANIZZATIVI 2/2016 pp.39
    DOI: 10.3280/SO2015-002002
  • Le condizioni organizzative e professionali dello smart working dopo l'emergenza: progettare il lavoro ubiquo fatto di ruoli aperti e di professioni a larga banda Federico Butera, in STUDI ORGANIZZATIVI 1/2020 pp.141
    DOI: 10.3280/SO2020-001006
  • Paradigmi e metodi per gli architetti del nuovo lavoro Federico Butera, in STUDI ORGANIZZATIVI 1/2022 pp.217
    DOI: 10.3280/SO2022-001010
  • Service professions. Le professioni dei servizi nelle organizzazioni come fattore chiave per la competitività e contro la disoccupazione Federico Butera, in STUDI ORGANIZZATIVI 2/2014 pp.91
    DOI: 10.3280/SO2013-002004

Federico Butera, Sebastiano Di Guardo, Analisi e progettazione del lavoro della conoscenza: il modello della Fondazione Irso e due casi in "STUDI ORGANIZZATIVI " 2/2009, pp 199-224, DOI: 10.3280/SO2009-002010