Brentano and the Theory of Signs

Titolo Rivista: PARADIGMI
Autori/Curatori: Carlo Ierna
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 12 P. 11-22 Dimensione file: 95 KB
DOI: 10.3280/PARA2012-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In this article the author discusses F. Brentano’s theory of intentionality and the ontological status of the intentional object specifically with respect to symbolic presentations. The role and function of intentionality are compared to the process of semeiosis. Several interesting parallels can be found between fundamental problems in the interpretation of the Brentanian notion of intentionality and issues in semiotics. In particular, the author focuses on the theory of C.W. Morris and attempts to apply core notions of his semiotics to clarify Brentano’s ambiguous account of intentional reference, the role of signs in symbolic presentations and how this relates to outer perception.

Carlo Ierna, Brentano and the Theory of Signs in "PARADIGMI" 2/2012, pp 11-22, DOI: 10.3280/PARA2012-002002