Scienze della comunicazione

Direzione: Marino Livolsi, Mario Morcellini

Comitato scientifico
:
Guido Gili (Presidente, Università del Molise); Erica Antonini (Sapienza Università di Roma); Massimo Arcangeli (Università di Cagliari); Antonietta Censi (Sapienza Università di Roma); Maurizio Ciaschini (Università di Macerata); Peter Dahlgren (Lund University); Luciano D’Amico (Università di Teramo); Franca Faccioli (Sapienza Università di Roma); Mario Giacomarra (Università di Palermo); Rolando Marini (Università per Stranieri di Perugia); Alberto Mattiacci (Sapienza Università di Roma); Paolo Nepi (Università Roma Tre); Gianfranco Pecchinenda (Università di Napoli “Federico II”); John B. Thompson (University of Cambridge); Luca Toschi (Università di Firenze); José Miguel Túñez López (Università Santiago de Compostela).

Comitato editoriale: Laura Minestroni (Sapienza Università di Roma), Paola Panarese (Sapienza Università di Roma), Valentina Martino (Sapienza Università di Roma).

Cosa cambia nella Comunicazione, e cioè nella dimensione industriale e sociale di Media e tecnologie? L’obiettivo della collana è rispondere, da diverse angolazioni scientifiche, a questa radicale domanda, enfatizzando una lettura sociologica dei diversi fenomeni della cultura, con particolare riferimento ai processi comunicativi e alle dinamiche media/industria culturale, a quelle della socializzazione, della formazione e dell’informazione fino all’impatto sociale dei mass media, dei new media, delle tecnologie avanzate e della pubblicità.
Rivolta agli studenti nelle discipline delle scienze sociali e della comunicazione e agli operatori del settore, la collana si articola in due sezioni, “Saggi” (riflessioni dedicate a fenomeni o temi di interesse generale) e “Ricerche” (studi sul campo dedicati a casi concreti o tematiche applicative).

I volumi pubblicati sono preventivamente sottoposti alla revisione di almeno due referees anonimi.

(leggi tutto)

Collana Peer Reviewed

La ricerca ha estratto dal catalogo 56 titoli

Valeria Giordano, Manolo Farci

Oltre il senso del limite

Giovani e giochi pericolosi

La diffusione delle nuove pratiche giovanili di giochi estremi, quali il balconing, il binge drinking, il choking game, l’eyeballing o il ghost riding… Non semplice incoscienza, né comportamento patologico. Al contrario, ultima declinazione di un linguaggio del rischio a cui i giovani attingono per esigenze personali e collettive.

cod. 1381.1.21

Mihaela Gavrila

L'onda anomala dei media.

Il rischio ambientale tra realtà e rappresentazione

Prendendo spunto dai principali risultati della ricerca d’interesse nazionale “La catastrofe ambientale tra realtà e rappresentazione. Vecchi e nuovi movimenti collettivi alla prova della comunicazione”, il volume propone un’analisi critica della letteratura scientifica e dell’immaginario cinematografico e letterario sui temi della catastrofe ambientale, per arrivare a descrivere l’evoluzione nella comunicazione degli eventi climatici e ambientali e a ipotizzare strategie di intervento.

cod. 1381.1.19

Marialuisa Stazio

L'essenziale è invisibile agli occhi.

I pubblici e il loro lavoro nell'economia della cultura

Partendo dalla ricostruzione storica dei significati della parola pubblico, il volume rivisita tanto le posizioni teoriche fondate sulla passività del pubblico-massa quanto quelle che mettono in primo piano le diverse forme di audience activity. Un testo per interessati alla sociologia dei processi culturali e all’economia della cultura.

cod. 1381.1.18

Simona Tirocchi

Ragazzi fuori

Bullismo e altri percorsi devianti tra scuola e spettacolarizzazione mediale

Il volume indaga la relazione tra media e forme di devianza giovanile, mostrando come i mezzi di comunicazione incidano sulla costruzione e rappresentazione di manifestazioni di disagio, quale il bullismo, e contemporaneamente offrano nuovi spazi di espressione dell’identità, come ad esempio i blog.

cod. 1381.2.6

Franco Chiarenza

Il cavallo morente

Storia della RAI, con un postfazione dalla riforma ad oggi

cod. 1381.1.2

Ida Cortoni

Save the media.

L'informazione sui minori come luogo comune

Il volume trae ispirazione da una ricerca sui meccanismi di rappresentazione del rapporto fra media e minori da parte del sistema giornalistico. Attraverso l’analisi del contenuto di alcune testate giornalistiche nazionali, il libro tenta di ricostruire un filone interpretativo di generazione ‘mediata’ spesso sbilanciato sulla devianza sociale.

cod. 1381.2.15

Ida Cortoni

Young Digizen?

New cultural challenges in media education

The cultural habits of young people suggest us to ask about the cultural value of the media for teens, the new trends of behavioral individualism, that give us new concepts on the relationship between youth and media. This book describes the complex picture that renders the problematic perspective of analysis and research for those who are interested in this topic.

cod. 1381.2.14

Gian Piero Jacobelli

Babele o della traduzione.

Per un nuovo modello della comunicazione comunicante

Dalla ricerca su Babele e il suo mito prende corpo un modello di comunicazione ispirato alla più antica delle funzioni comunicative: la traduzione.

cod. 1381.1.15

Sarah Siciliano

Un paese da sfogliare

Cavallino di Lecce alla luce della ricerca sociale

Un racconto polifonico che mette in scena una ricerca sociale su una piccola comunità del Mezzogiorno. Studiosi e giovani ricercatori si confrontano per analizzare le trasformazioni che hanno interessato Cavallino di Lecce negli ultimi vent’anni, assumendo questo comune ad esempio di come la comunicazione e le politiche culturali possano trasformare una piccola comunità valorizzandone le risorse e dando voce ai linguaggi del territorio.

cod. 1381.2.11

Mario Morcellini, Barbara Mazza

Oltre l'individualismo

Comunicazione, nuovi diritti e capitale sociale

Oltre l’individualismo: è questa l’immagine che gli eventi dell’ultimo decennio restituiscono del rapporto tra individuo e spazi sociali. Il soggetto è protagonista attivo dei processi di costruzione e destrutturazione della realtà, attraverso la costituzione di pratiche di negoziazione intorno a interessi collettivi. Si innestano meccanismi di relazionalità e attivazione della socialità, che rendono l’individuo attivo da un punto di vista civico, consentendogli di impadronirsi degli strumenti e delle dinamiche proprie del mutamento sociale.

cod. 1381.1.13