Gusto e Società

Comitato scientifico
Costantino Cipolla (Coordinatore), Giulio Biasion (Edihouse), Cristina Bragaglia (Cinema e televisione), Nicoletta Cavazza (Psicologia sociale), Giordano Conti (Ser.In.Ar), Paolo Corvo (Università degli Studi di Scienze Gastronomiche), Carole Counihan (Millersville University) Marco Dalla Rosa (Tecnologie alimentari), Piergiorgio Degli Esposti (Comunicazione e media digitali), Franco A. Fava (Food Retail), Alberto Lupini (Gastronomia), Luca Mazzara (Economia aziendale), Lubiano Montaguti (Formazione), Massimo Montanari (Casa Artusi), Paolo Polettini (Festival della Letteratura di Mantova), Antonio e Nadia Santini (Ristorazione), Asterio Savelli (Sociologia del turismo), Domenico Secondulfo (Sociologia dei consumi), Luisa Stagi (Alimentazione), Enzo Strano (Le Soste), Piero Valdiserra (Marketing del vino).
Segreteria scientifica
Francesca Guarino (Università degli Studi di Bologna) : gustosocieta@gmail.com
Comitato editoriale
Gabriele Manella (coordinamento: gabriele.manella@unibo.it), Annalisa Balestreri, Matteo Bernardelli, Paola Canestrini, Teresa Carbone, Renato Carletti, Barbara Ciotola, Romina Corbara, Linda Lombi, Giuditta Lughi, Lucio Meglio, Susy Patrito Silva.

La collana “Gusto e Società” rappresenta uno spazio originale di approfondimento, riflessione e diffusione editoriale sui molteplici riflessi del “gusto”, passando dalla cifra insondabile del “non so che” mediato dai sensi e dall’intelletto che rende possibile al soggetto apprezzare, preferire, desiderare, scegliere qualcosa, sino ad una sorta di oggettività che il contesto storico sociale, culturale, geografico manifesta in regole, spesso non scritte e non palesemente accessibili in quanto tali.
Nata nel 2008 come Cucina e Società, nel 2012 Gusto e Società ne assorbe gli intenti e li amplia, mantenendo la volontà di produrre nel contempo contributi scientifici e di taglio divulgativo.
Aree di interesse e obiettivi
La collana raccoglie testi, manuali, rassegne, confronti, dibattiti che concorrono a definire o richiamare, secondo varie prospettive disciplinari e culturali, questioni e tematiche variamente legate al gusto.
In tale ottica temi quali l’alimentazione umana, sia nei suoi aspetti culinari sia enologici, la tipicità dei prodotti, la loro commercializzazione, le attività turistiche o il mondo alberghiero e dunque l’ospitalità in senso vasto rientrano a pieno titolo negli interessi della collana. A questi, si affiancano altri ambiti (non meno rilevanti) come la moda, l’arredamento, la musica e l’arte nei suoi aspetti più legati alla fruizione e alla valorizzazione sociale, sia nei suoi aspetti di eccellenza sia nelle sue dimensioni di quotidianità.
I volumi inseriti nella collana sono articolati, a seconda del taglio, nelle due sezioni:
1) Metodi e Strumenti
in questa sezione sono pubblicati testi sui temi propri della collana, di tipo generale e teorico, anche di taglio storico, osservati da diversi ambiti, come quello sociologico, psicologico, economico, formativo, storico.
2) Ricerche
in questa sezione sono pubblicati testi che riportano ricerche sia teoriche sia empiriche, con una predilezione per la dimensione locale e specialistica, in un’ottica multidisciplinare. È attivo il Master di I livello “Enogastronomia ed Ospitalità” presso l’Università degli Studi di Bologna (varie edizioni).
Garanzie di serietà scientifica e libertà di pensiero
Gusto e Società è retta da un comitato scientifico ed uno editoriale, che coinvolgono diverse professionalità con l’obiettivo comune di garantire correttezza metodologica e scientifica dei contributi proposti, pur nella massima indipendenza degli autori e dei contenuti trattati, in termini di pluralità, responsabilità e tolleranza dei punti di vista espressi.

Tutti i testi sono a tal fine preventivamente sottoposti ad almeno due referee anonimi.

(leggi tutto)

Collana Peer Reviewed

La ricerca ha estratto dal catalogo 22 titoli

Costantino Cipolla, Giulio Biasion

Le emozioni dell'ospitalità.

Come valutare la qualità di un albergo

Un percorso che renda più chiara e forse più facile la ricerca dell’eccellenza nel settore alberghiero, e soprattutto la possibilità di creare nel cliente le “emozioni dell’ospitalità”. Un testo per tutti gli operatori professionali del settore, inclusi quanti si occupano di promozione e comunicazione.

cod. 278.1.2

Costantino Cipolla

Le emozioni del gusto

Alcuni criteri per un ristorante italiano d'eccellenza

Come riconoscere un ristorante italiano di eccellenza, a partire dall'ambiente (esterno e interno), dai piatti e dal loro "complementi", dalla qualità delle relazioni umane. 45 "precetti" frutto di anni di riflessioni ed osservazione condivisa con i più grandi maestri di sala e di cucina, come quelli della Associazione Le Soste.

cod. 278.1.1