Il potere del romanzo e la forza del documento. Storia di un «letterato perseguitato» tra finzione e storia

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Marie Lezowski
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 19 Lingua: Italiano
Numero pagine: 9 P. 109-117 Dimensione file: 88 KB
DOI: 10.3280/HM2015-019012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In 2013, novelist Edgardo Franzosini published a harsh lampoon against cardinal and archbishop Federico Borromeo. He aimed at counteracting the myth built by Alessandro Manzoni in the XIXth century: after the Promessi sposi (1827), Borromeo embodies the perfect patron of the arts and prelate in Modern Italy. According to Franzosini, far from being forgiving and generous, the Milanese cardinal used a ghostwriter for his «own» books, priest Giuseppe Ripamonti, and put him in jail in order to reduce him to silence. This review focuses on the sources used by Edgardo Franzosini to base his accusation. My point is to show how the task of history is represented by a novelist at the present time. This neopositivist book makes we think about the current return of documentary history inspired by ninenteenth-century scholarship.

  1. Cusani F. (1877), Paolo Moriggia e Giuseppe Ripamonti, in «Archivio Storico Lombardo», a. 4 (1877), pp. 43-69.
  2. Dandolo T. (1868), Giuseppe Ripamonti, in «Rivista Contemporanea Nazionale Italiana», 55 (1868), pp. 194-206.
  3. Franzosini E. (1995), Raymond Isidore e la sua cattedrale, Adelphi, Milano 1995.
  4. Lezowski, M. (2014), Histoire et autorité épiscopale. Frédéric Borromée et les réemplois des Histoires de l’Église de Milan dans le premier XVIIe siècle, in Callard C., Crouzet-Pavan E. et Tallon A. (a cura di), La politique de l’histoire en Italie.
  5. Arts et pratiques du réemploi (XIVe-XVIIe siècle), Presses de l’Université de Paris-Sorbonne, Paris 2014, pp. 269-83.
  6. Mauri P. (2013), Alessandro Manzoni il Cardinale e l’uomo della peste, in «la Repubblica», 6 ottobre.
  7. Morazzoni M. (2013), Il ghostwriter del Cardinale, in «Il Sole 24 Ore», 14 luglio.
  8. Sciascia L. (2010) (1a ed. 1964) Morte dell’inquisitore, Adelphi, Milano.
  9. Tabucchi A. (1995), L’altra cattedrale di Chartres metafora della letteratura, in «Corriere della sera», 28 dicembre.
  10. Wikipedia 2015, Edgardo Franzosini: http://it.wikipedia.org/wiki/Edgardo_Franzosini, consultato il 16 aprile 2015.

Marie Lezowski, Il potere del romanzo e la forza del documento. Storia di un «letterato perseguitato» tra finzione e storia in "HISTORIA MAGISTRA" 19/2015, pp 109-117, DOI: 10.3280/HM2015-019012