Lo sviluppo del Mezzogiorno: dall'intervento straordinario alla strategia euromediterranea
Titolo Rivista: CORPORATE GOVERNANCE AND RESEARCH & DEVELOPMENT STUDIES 
Autori/Curatori: Francesco Fimmanò 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 87-106 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/cgrds1-2019oa8653
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Nel lavoro si svolge un originale excursus storico sull’intervento straordinario per il Sud d’Italia e si evidenziano nodi e criticità che ne hanno determinato l’insuccesso, ma anche aspetti positivi determinati dal boom economico degli anni 50-60, che legano il modello della Cassa per il Mezzogiorno e dell’intervento straordinario all’esperienza del New Deal ed alla capacità dell’economia pubblica di governare e favorire lo sviluppo del territorio.

Si rileva, in particolare, come la spina dorsale di questo modello economico fossero le banche pubbliche, che finanziavano l’economia sotto la guida di una forte governance pubblica. Negli anni Novanta, tuttavia, questo modello è stato definitivamente abbandonato e distrutto e, al suo posto, si è cercato di implementarne uno nuovo, basato su differenti strumenti finanziari, presupponenti l’esistenza di un effettivo ed efficace mercato dei capitali che, invece, non si è mai ben sviluppato in Italia.

Questo fallimento, in particolare, ha fatto emergere l’importanza, per il Sud, del nodo strategico del rapporto imprese-banche, evidenziando come, in una prospettiva economica liberale, occorra un intervento mirato e più sofisticato dello Stato nell’Economia che, evitando gli errori del passato, sia in grado di avviare nuove strategie e/o strumenti di finanziamento alle imprese meridionali (dalle ZES, al venture capital, all’equity crowdfunding, ect.).


Francesco Fimmanò, in "CORPORATE GOVERNANCE AND RESEARCH & DEVELOPMENT STUDIES" 1/2019, pp. 87-106, DOI:10.3280/cgrds1-2019oa8653

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche