Aspetti psicologici della morte intrauterina. Ricerca, esperienze e protocolli di intervento

Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO
Autori/Curatori: Claudia Ravaldi, Giorgio Mello, Valentina Pontello, Leonardo Rimediotti, Valdo Ricca, Alfredo Vannacci
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 121-139 Dimensione file: 194 KB
DOI: 10.3280/PSOB2009-003006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La morte intrauterina è un evento tragico che ogni anno in Italia colpisce circa 2000 famiglie nella seconda metà della gravidanza. La perdita di un bambino in utero è un lutto paragonabile per intensità, manifestazioni psicologiche e decorso, al lutto per la perdita di una persona adulta. Il vissuto dei genitori, nonostante questo, è purtroppo scarsamente riconosciuto a livello sociale. Si tende a minimizzare l’effetto di questa perdita, le cui caratteristiche rimangono ignorate dai più. Il lutto perinatale è spesso ignorato anche dagli operatori, che nel loro corso di studi non vengono solitamente formati sul lutto, e dunque l’assistenza psicologica offerta è spesso insufficiente, o lasciata alla volontà del singolo operatore: studi condotti in proposito evidenziano come una cattiva o inadeguata assistenza sia responsabile di traumatizzazione secondaria nei genitori e possa ostacolare una buona elaborazione del lutto. Per questi motivi, l’associazione CiaoLapo ONLUS ha avviato nel 2007 una collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Careggi, per lavorare sulla formazione degli operatori e sul sostegno ai genitori. Da questa esperienza sono nate alcune linee guida che descrivono i momenti salienti dell’assistenza alla coppia colpita da morte in utero e gli accorgimenti da adottare per migliorare la pratica clinica. Scopo di questo lavoro è presentare questa esperienza e descrivere le linee guida alla luce della più recente letteratura sugli aspetti psicologici del lutto perinatale.

  • "Quando torna il fratellino?". Il lutto perinatale vissuto dai fratelli maggiori Cecilia Ginanni, Claudia Ravaldi, in RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 3/2014 pp.77
    DOI: 10.3280/RSF2014-003007

Claudia Ravaldi, Giorgio Mello, Valentina Pontello, Leonardo Rimediotti, Valdo Ricca, Alfredo Vannacci, Aspetti psicologici della morte intrauterina. Ricerca, esperienze e protocolli di intervento in "PSICOBIETTIVO" 3/2009, pp 121-139, DOI: 10.3280/PSOB2009-003006