Clicca qui per scaricare

Comunicazione, sfera pubblica e produzione sociale di conoscenza: nuovi scenari per le organizzazioni complesse (Communication, public sphere and social production of knowledge: new scenarios for complex organizations)
Titolo Rivista:  RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE
Autori/Curatori: Piero Dominici
Anno di pubblicazione: 2013 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 97-116 Dimensione file: 474 KB
DOI: 10.3280/SA2013-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più, clicca qui e qui


La società della conoscenza spinge le organizzazioni complesse a configurarsi come sistemi sociali aperti che tentano di governare l’incerto attraverso la condivisione di una cultura organizzativa e progettuale. Secondo l’Autore, la comunicazione - intesa come processo di produzione sociale e di condivisione della conoscenza (conoscenza=potere) - assume una centralità strategica in una fase storica in cui il vecchio modello industriale, costituito da assetti consolidati, gerarchie, logiche di controllo e di chiusura al cambiamento, sembra sul punto di essere scardinato dal nuovo ecosistema della conoscenza. Un mutamento radicale che costringerà sempre di più le organizzazioni complesse a confrontarsi con un contesto ordinatamente caotico, riprogettando e ridefinendo modelli, strategie, strumenti nella prospettiva della trasparenza e della condivisione.



Keywords: a) Organizzazioni complesse (b) sfera pubblica © comunicazione come produzione sociale di conoscenza


  1. Bauman Z. (1998). Globalization. The Human Consequences (trad. it.: Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone. Roma-Bari: Laterza, 1999).
  2. Bauman Z. (1999). In Search of Politics (trad. it.: La solitudine del cittadino globale. Milano: Feltrinelli, 2000).
  3. Bauman Z. (2000). Ponowoczesność. Jako źródlo cierpień (trad. it.: Il disagio della postmodernità. Milano: Bruno Mondadori, 2002).
  4. Bauman Z. (2001). The Individualized Society (trad. it.: La società individualizzata. Come cambia la nostra esperienza. Bologna: il Mulino, 2002).
  5. Beck U. (1986). Risikogesellschaft. Auf dem weg in eine andere Moderne (trad. it.: La società del rischio.Verso una seconda modernità. Roma: Carocci, 2000).
  6. Beck U. (1993). Die Erfindung des Politischen (trad. it.: L’era dell’E. Trieste: Asterios, 2001).
  7. Beck U. (1994-1997). I rischi della libertà. L’individuo nell’epoca della globalizzazione. Bologna: il Mulino, 2000.
  8. Beck U. (1999). Schöne neue Arbeitswelt. Vision: Weltbürgergesellschaft (trad. it.: Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro. Tramonto delle sicurezze e nuovo impegno civile. Torino: Einaudi, 2000).
  9. Beck U. (2007). Weltrisikogesellschaft. Auf der Suche nach der verlorenen Sicherheit (trad. it.: Conditio Humana. Il rischio nell’età globale. Roma-Bari: Laterza, 2008).
  10. Beck U., Giddens A. and Lash S. (1994). Reflexive Modernization (trad. it.: Modernizzazione riflessiva. Politica, tradizione ed estetica nell’ordine sociale della modernità. Trieste: Asterios, 1999).
  11. Beniger J.R. (1986). The Control Revolution (trad. it.: Le origini della società dell’informazione. La rivoluzione del controllo. Torino, UTET, 1995).
  12. Benkler Y. (2006). The Wealth of Networks. How Social Production Transforms Markets and Freedom (trad. it.: La ricchezza della Rete. La produzione sociale trasforma il mercato e aumenta le libertà. Milano: Università Bocconi Ed., 2007).
  13. Adorno T.W. and Horkheimer M. (1947). Dialektik der Aufklärung. Philosophische Fragmente (trad. it.: Dialettica dell’Illuminismo. Torino: Einaudi, 1966).
  14. Berger P.L. and Luckmann T. (1995). Modernity, Pluralism and the Crisis of Meaning: The Orientation of Modern Men (trad. it.: Lo smarrimento dell’uomo moderno. Bologna: il Mulino, 2010).
  15. Berman M. (1982). All that is Solid Melts into Air. The Experience of Modernity (trad. it.: L’esperienza della modernità. Bologna: il Mulino, 1985).
  16. Bobbio N. (1995). Eguaglianza e Libertà. Torino: Einaudi.
  17. Bonazzi G. (2002). Come studiare le organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  18. Bovone L. (2010). Tra riflessività e ascolto. L’Attualità della sociologia. Roma: Armando Ed.
  19. Breton P. (2001). Il culto di Internet. L’interconnessione globale e la fine del legame sociale. Torino: Testo&Immagine Ed., 2001.
  20. Butera F., Il castello e la rete. Impresa, organizzazioni e professioni nell’Europa degli anni ’90. Milano: Franco Angeli, 1992.
  21. Cassano F. (2004). Homo civicus. La ragionevole follia dei beni comuni. Bari: Dedalo.
  22. Cassano F. (2011). L’umiltà del male. Roma-Bari: Laterza.
  23. Castel R. (2003). L’insécurité sociale. Qu’ est-ce qu’ être protégé? (trad. it.: L’insicurezza sociale. Che significa essere protetti? Torino: Einaudi, 2004).
  24. Castells M. (2009). Communication Power (trad. it.: Comunicazione e potere. Milano: Università Bocconi Editore, 2009).
  25. Castells M. (2012). Networks of Outrage and Hope (trad. it.: Reti di indignazione e speranza. Movimenti sociali nell’era di Internet. Milano: Università Bocconi Editore, 2012).
  26. Ceri P. (2002). Movimenti globali. La protesta nel XXI secolo. Roma-Bari: Laterza.
  27. Ceri P. (2003). La società vulnerabile.Quale sicurezza, quale libertà. Roma-Bari: Laterza.
  28. Coleman J.S. (1990). Foundations of Social Theory (trad. it.: Fondamenti di teoria sociale. Bologna: il Mulino, 2005).
  29. Crespi F., a cura di (1991). Etica e scienze sociali. Torino: Rosenberg & Sellier.
  30. Crouch C. (2000). Coping with Post-democracy (trad. it.: Postdemocrazia. Roma-Bari: Laterza, 2003).
  31. Dahl R.A. (1998). On Democracy (trad. it.: Sulla democrazia. Roma-Bari: Laterza, 2000).
  32. Davidson J.D. and Rees-Mogg W. (1997). The Sovereign Individual. New York: Simon and Shuster.
  33. Dayan D. and Katz E. (1992). Media Events. The live broadcasting of history (trad. it.: Le grandi cerimonie dei media.La Storia in diretta. Bologna: Baskerville, 1993).
  34. De Nardis P., a cura di (1998). Le nuove frontiere della sociologia. Roma: Carocci.
  35. Arendt H. (1958). The Human Condition (trad. it.: Vita activa. La condizione umana. Milano: Bompiani, 1964).
  36. Aron R. (1969). Les désillusions du progrés (trad. it.: Le delusioni del progresso. Saggio sulla dialettica della modernità. Roma: Armando, 1991).
  37. Barber B.R. (2007). Consumed. How Markets Corrupt Children, Infantilize Adults, and Swallow Citizens Whole (trad. it. : Consumati. Da cittadini a clienti. Torino: Einaudi, 2010).
  38. Di Nicola P. (1998). La Rete: metafora dell’appartenenza. Milano: FrancoAngeli.
  39. Dominici P. (2010). La società dell’irresponsabilità. L’Aquila, la carta stampata, i “nuovi rischi”, le scienze sociali. Milano: FrancoAngeli.
  40. Dominici P. (2011). La comunicazione nella società ipercomplessa. Condividere la conoscenza per governare il mutamento. Milano: FrancoAngeli.
  41. Donati P. (2011). Sociologia della riflessività. Come si entra nel dopo-moderno. Bologna: il Mulino.
  42. Dworkin R. (1978). Taking Rights Seriously (trad. it.: I diritti presi sul serio. Bologna: il Mulino, 1982).
  43. Eibl-Eibesfeldt I. (1988). Der Mensch – das riskierte Wesen (trad. it.: L’uomo a rischio, Torino: Bollati Boringhieri, 1992).
  44. Eisenstadt S.N. (1999). Paradoxes of Democracy (trad. it.: Paradossi della democrazia. Verso democrazie illiberali?. Bologna: il Mulino, 2002).
  45. Elias N. (1987). Die Gesellschaft der Individuen (trad. it.: La società degli individui. Bologna: il Mulino, 1990).
  46. Featherstone M. (1995). Undoing culture: globalization, postmodernism and identity (trad. it.: La cultura dislocata. Globalizzazione, postmodernismo, identità. Roma: SEAM, 1998).
  47. Ferrara A. (1998). Reflective Authenticity, Rethinking the Project of Modernity (trad. it.: Au- tenticità riflessiva. Il progetto della modernità dopo la svolta linguistica. Milano: Feltrinelli, 1999).
  48. Foucault M. (1975). Surveiller et punir. Naissance de la prison (trad. it.: Sorvegliare e punire. Nascita della prigione. Torino: Einaudi, 1976).
  49. Frisby D. (1985). Fragments of Modernity. Theories of Modernity in the Work of Simmel, Kracauer and Benjamin (trad. it.: Frammenti di modernità. Simmel, Kracauer, Benjamin. Bologna: il Mulino, 1992).
  50. Galli C. (2011). Il disagio della democrazia. Torino: Einaudi.
  51. Gallino L. (2000). Globalizzazione e disuguaglianze. Roma-Bari: Laterza.
  52. Gallino L. (2001). Il costo umano della flessibilità. Roma-Bari: Laterza.
  53. Giddens A. (1990). The Consequences of Modernity (trad. it.: Le conseguenze della modernità. Bologna: il Mulino, 1994).
  54. Habermas J. (1962). Strukturwandel der Oeffentlichkeit (trad. it.: Storia e critica dell’opinione pubblica. Bari: Laterza, 1971).
  55. Habermas J. (1981). Theorie des kommunikativen Handelns. Bd. I Handlungsrationalität und gesellschaftliche Rationalisierung. Bd. II Zur Kritik der funktionalistischen Vernunft. Frankfurt am Main, Suhrkamp (trad. it.: Teoria dell’agire comunicativo. Vol. I Razionalità nell’azione e razionalizzazione sociale. Vol. II Critica della ragione funzionalistica. Bologna: il Mulino, 1986).
  56. Habermas J. (1985a). Der philosophische Diskurs der Moderne. Zwölf Vorlesungen. Suhr-Kamp Verlag, Frankfurt am Main (trad. it.: Il discorso filosofico della modernità. Roma-Bari: Laterza, 1987).
  57. Habermas J. (1985b). Die Neue Unübersichtlichkeit. Die Krise des Wohlfahrtsstaates und die Erschöpfung utopischer Energien (trad. it.: La nuova oscurità. Crisi dello stato sociale ed esaurimento delle utopie. Roma: Ed. Lavoro, 1998).
  58. Habermas J. (1991). Vergangenheit als Zukunft (trad. it.: Dopo l’utopia. Il pensiero critico e il mondo d’oggi. Venezia: Marsilio, 1992).
  59. Habermas J. (1996). Die Einbeziehung des Anderen. Studien zur politischen Theorie (trad. it.: L’inclusione dell’altro. Studi di teoria politica. Milano: Feltrinelli, 1998).
  60. Habermas J. (1998). Die postnationale Konstellation. Politische Essays (trad. it.: La costellazione postnazionale. Milano: Feltrinelli, 1999).
  61. Harvey D. (1990). The Condition of Postmodernity (trad. it.: La crisi della modernità. Milano: Il Saggiatore, 1993).
  62. Hess C. and Ostrom E., eds. (2007).Understanding Knowledge As a Commons (trad. it.: La conoscenza come bene comune. Dalla teoria alla pratica. Milano: Bruno Mondadori, 2009).
  63. Himanen P. (2001). The Hacker Ethic and the Spirit of the Information Age (trad. it.: L’etica hacker e lo spirito dell’età dell’informazione. Milano: Feltrinelli, 2001).
  64. Hobsbawn E.J. (1994). Age of Extremes. The Short Twentieth Century 1914-1991 (trad. it.: Il Secolo breve. 1914-1991: l’era dei grandi cataclismi. Milano: Rizzoli, 1995).
  65. Honneth A. (1992). Kampf um Anerkennung. Grammatik sozialer Konflikte (trad. it.: Lotta per il riconoscimento.Proposta per un’etica del conflitto. Milano: Il Saggiatore, 2002).
  66. Horkheimer M. (1947). Eclipse of Reason (trad. it.: Eclisse della ragione. Critica della ragione strumentale. Torino: Einaudi, 1969).
  67. Iannone R. (2006). Il capitale sociale. Origini, significati e funzioni. Milano: FrancoAngeli.
  68. Inglehart R. (1996). Modernization and postmodernization. Cultural, Economic and Political change in 43 societies (trad. it.: La società postmoderna. Mutamento, valori e ideologie in 43 paesi. Roma: Editori Riuniti, 1998).
  69. Kuhn T. (1962). The Structure of Scientific Revolution (trad. it.: La struttura delle rivoluzioni scientifiche. Torino: Einaudi, 1969).
  70. Kumar K. (1995). From Post-Industrial to Post-Modern Society. New Theories of the Con- temporary World (trad. it.: Le nuove teorie del mondo contemporaneo. Dalla società post-industriale alla società post-moderna. Torino: Einaudi, 2000).
  71. Lakatos I. and Musgrave A., eds. (1970). Criticism and the Growth of Knowledge (trad. it.: Critica e crescita della conoscenza. Milano: Feltrinelli, 1976).
  72. Lash S. (1990). The sociology of Postmodernism (trad. it.: Modernismo e postmodernismo. I mutamenti culturali delle società complesse. Roma: Armando, 2000).
  73. Lovink G. (2011). Networks Without a Cause (trad. it.: Ossessioni collettive. Critica dei social media. Milano: Università Bocconi Editore, 2012).
  74. Luhmann N. (1968). Vertrauen. Ein Mechanismus der Reduktion sozialer Komplexität (trad. it.: La fiducia. Bologna: il Mulino, 2002).
  75. Luhmann N. (1991). Soziologie des Risikos (trad. it.: Sociologia del rischio. Milano: Bruno Mondadori, 1996).
  76. Luhmann N. (1992). Beobachtungen der Moderne (trad. it.: Osservazioni sul moderno. Roma: Armando, 1995).
  77. Lupton D. (1999). Risk (trad. it.: Il rischio. Percezione, simboli, culture. Bologna: il Mulino, 2003).
  78. Lupton D. (2001). Surveillance Society. Monitoring Everyday Life (trad. it.: La società sorvegliata. Tecnologie di controllo della vita quotidiana. Milano: Feltrinelli, 2002).
  79. Lyotard J.F. (1979). La condition postmoderne. Rapport sur le savoir (trad. it.: La condizione postmoderna. Milano: Feltrinelli, 1982).
  80. Magatti M. (2009). Libertà immaginaria. Le illusioni del capitalismo tecno-nichilista. Milano: Feltrinelli.
  81. Mattelart A. (1996). La mondialisation de la communication (trad. it.: La comunicazione globale. Roma: Editori Riuniti, 1998).
  82. Meyrowitz J. (1986). No Sense of Place: The Impact of Electronic Media on Social Behavior. trad. it.: Oltre il senso del luogo. L’impatto dei media elettronici sul comportamento sociale. Baskerville: Bologna, 1993).
  83. Morin E. (1990). Introduction à la pensèe complexe (trad. it.: Introduzione al pensiero complesso. Milano: Sperling & Kupfer, 1993).
  84. Morozov E. (2011). The Net Delusion. The Dark Side of Internet Freedom (trad. it.: L’ingenuità della rete. Il lato oscuro della libertà di internet. Torino: Codice ed.).
  85. Nietzsche F. (1876). Die Geburt der Tragödie (trad. it.: La nascita della tragedia. Milano: Adelphi, 1972).
  86. Nussbaum M.C. (2010). Not for Profit. Why Democracy Needs the Humanities. Princeton: Princeton University Press (trad. it.: Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica. Bologna: il Mulino, 2011).
  87. OECD (2011). Divided We Stand, Why Inequality Keeps Rising. OECD.
  88. Paccagnella L. (2010). Open access. Conoscenza aperta e società delll’informazione. Bologna: il Mulino.
  89. Privitera W. (2001). Sfera pubblica e democratizzazione. Roma-Bari: Laterza.
  90. Pulcini E. (2001). L’individuo senza passioni. Individualismo moderno e perdita del legame sociale. Torino: Bollati Boringhieri).
  91. Putnam R.D. (2000). Bowling alone. The collapse and revival of American community (trad. it.: Capitale sociale e individualismo. Crisi e rinascita della cultura civica in America. Bologna: il Mulino, 2004).
  92. Rawls J. (1971). A Theory of Justice (trad. it.: Una teoria della giustizia. Milano: Feltrinelli, 1982).
  93. Revelli M. (2001). Oltre il Novecento. La politica, le ideologie e le insidie del lavoro. Torino: Einaudi.
  94. Revelli M. (2003). La politica perduta. Torino: Einaudi.
  95. Rheingold H. (2002). Smart Mobs (trad. it.: Smart mobs. Tecnologie senza fili, la rivoluzione sociale prossima ventura. Milano: Raffaello Cortina Ed., 2003). Rifkin J. (1995). The End of Work. The Decline of the Global Labor Force and the Dawn of the Post-Market Era (trad. it.: La fine del lavoro. Il declino della forza lavoro globale e l’avvento dell’era post-mercato. Milano: Baldini & Castoldi).
  96. Rifkin J. (2000). The Age of Access (trad. it.: L’era dell’accesso. La rivoluzione della new economy. Milano: Mondadori, 2000).
  97. Rolando S. (2010). Economia e gestione della comunicazione nelle organizzazioni complesse. Milano: CEDAM.
  98. Rullani E. (2004). Economia della conoscenza. Creatività e valore nel capitalismo delle reti. Roma: Carocci.
  99. Sassen S. (1998). Globalization and its Discontents (trad. it.: Globalizzati e scontenti. Il destino delle minoranze nel nuovo ordine mondiale. Milano: Il Saggiatore, 2002).
  100. Sen A. (1992). Inequality Reexamined (trad. it.: La diseguaglianza. Un riesame critico. Bologna: il Mulino, 1994).
  101. Sennett R. (1998). The Corrosion of Character: The Personal Consequences of Work in the New Capitalism (trad. it.: L’uomo flessibile: le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale. Milano: Feltrinelli, 2000).
  102. Simmel G. (1918). Der Konflikt der modernen Kultur (trad. it.: Il conflitto della cultura moderna e altri saggi, a cura di Carlo Mongardini, Roma: Bulzoni, 1976).
  103. Simon H.A. (1997). Models of Bounded Rationality. Volume 3, Empirically Grounded Economic Reason (trad. it.: Scienza economica e comportamento umano. Torino: Edizioni di Comunità, 2000).
  104. Spence M. (2011). The Next Convergence. The Future of Economic Growth in a Multispeed World (trad. it.: La convergenza inevitabile. Una via globale per uscire dalla crisi. Laterza: Roma-Bari, 2012).
  105. Stiglitz J.E. (2002). Globalization and Its Discontents (trad. it.: La globalizzazione e i suoi oppositori. Torino: Einaudi, 2002).
  106. Sunstein C. (2001). Republic.com (trad. it.: Republic.com. Cittadini informati o consumatori di informazioni?. Bologna: il Mulino, 2003).
  107. Sunstein C. (2005). Laws of Fear. Beyond the Precautionary Principle (trad. it.: Il diritto della paura. Oltre il principio di precauzione. Bologna: il Mulino, 2010).
  108. Taylor C. (2007). A Secular Age (trad. it.: L’età secolare. Milano: Feltrinelli, 2009).
  109. Thompson J.B. (1995). The Media and Modernity. A Social Theory of the Media (trad. it.: Mezzi di comunicazione e modernità. Bologna: il Mulino, 1998).
  110. Todorov T. (1995). La vie commune. Essai d’anthropologie générale (trad. it.: La vita comune. L’uomo è un essere sociale. Milano: Pratiche Ed., 1998).
  111. Tomlinson J. (1999). Globalization and Culture (trad. it.: Sentirsi a casa nel mondo. La cultura come bene globale. Milano: Feltrinelli, 2001).
  112. Touraine A. (2004). Un nouveau paradigme. Pour comprendre le monde aujourd’hui (trad. it.: La globalizzazione e la fine del sociale. Per comprendere il mondo contemporaneo. Milano: Il Saggiatore, 2008).
  113. Urbinati N. (2011). Liberi e uguali. Contro l’ideologia individualista. Roma-Bari: Laterza.
  114. Veca S. (1990). Cittadinanza. Riflessioni filosofiche sull’idea di emancipazione. Milano: Feltrinelli, 2008.
  115. Weber M. (1922a). Gesammelte Aufsätze zur Wissenschaftslehre (trad. it.: Il metodo delle scienze storico-sociali. Torino: Einaudi, 1958).
  116. Weber M. (1922b). Wirthschaft und Gesellschaft. Grundriß der verstehenden Soziologie (trad. it.: Economia e società. Vol. II, Milano: Comunità, 1961).
  117. Žižek S. (1999). Il Grande Altro. Nazionalismo, godimento, cultura di massa. Milano: Feltrinelli.
Piero Dominici, Comunicazione, sfera pubblica e produzione sociale di conoscenza: nuovi scenari per le organizzazioni complesse in "RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE" 3/2013, pp. 97-116, DOI:10.3280/SA2013-003007

     


FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche
Acquista qui

Informazioni sulla rivista

Sottoscrivi il FEED
per conoscere subito
i contenuti dell'ultimo fascicolo di questa Rivista

English Version

Download credit

Pubblicità