Il gioco d'azzardo patologico in un gruppo di pazienti in trattamento presso il Ser.T.

Journal title S & P SALUTE E PREVENZIONE
Author/s Pietro Madera, Luigi Solari, Cristian Garbin
Publishing Year 1 Issue 2004/38 Language Italian
Pages 11 P. File size 57 KB
DOI
DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation click here

Below, you can see the article first page

If you want to buy this article in PDF format, you can do it, following the instructions to buy download credits

Article preview

FrancoAngeli is member of Publishers International Linking Association, Inc (PILA), a not-for-profit association which run the CrossRef service enabling links to and from online scholarly content.

Gli autori hanno indagato la prevalenza del comportamento di gioco d’azzardo attraverso la somministrazione del SOGS ad un campione di 34 pazienti in trattamento presso il SerT 3 di Soave (VR), Dipartimento delle Dipendenze ULSS 20. Dall’analisi dei risultati si è ricavato che il 6% dei pazienti è un giocatore eccessivo e che il 14% è probabilmente un giocatore patologico. Il gioco d’azzardo patologico è risultato più frequente tra chi abusa di alcol ed eroina e tra chi da più anni fa uso di sostanze psicoattive. Hanno maggiori problemi con il gioco d’azzardo coloro che hanno una bassa scolarità (nessun giocatore patologico ha una qualifica professionale, un diploma di scuola media superiore o una laurea). Inoltre, vi è una maggior prevalenza del gioco patologico e di quello problematico tra coloro che non svolgono alcuna attività lavorativa. Una prevalenza così alta del disturbo di gioco d’azzardo patologico tra alcolisti e tossicodipendenti sembra confermare l’ipotesi secondo la quale l’uso di sostanze psicoattive e il gioco d’azzardo patologico abbiano delle forti connessioni tra loro, in presenza di bassa scolarità e in situazione lavorativa precaria.

Pietro Madera, Luigi Solari, Cristian Garbin, Il gioco d'azzardo patologico in un gruppo di pazienti in trattamento presso il Ser.T. in "S & P SALUTE E PREVENZIONE" 38/2004, pp , DOI: