Tracce d'identità

Modificare il corpo, costruire il genere

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  2010   (Codice editore 1155.1.30)

Tracce d'identità. Modificare il corpo, costruire il genere
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856832228
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856829617
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Tatuaggi, piercing, scarificazioni e chirurgia estetica sono spesso visti come modi efficaci per acquisire un aspetto e un’identità adatti alle richieste del contesto o, al contrario, per opporvisi. Il volume offre una descrizione attenta e articolata di queste pratiche. Partendo da testimonianze raccolte sul campo – interviste a professionisti, clienti e pazienti ed etnografie condotte nei negozi di tatuaggi, piercing e scarificazioni –, il testo intende ricostruire lo scenario entro cui i corpi sono modificati dagli attori sociali.

Presentazione del volume

Il nostro corpo è dato per scontato nelle molte attività che compiamo ogni giorno: camminiamo, parliamo, prendiamo l'autobus in maniera spontanea, senza porci troppi problemi in merito. Talvolta, però, prestiamo estrema attenzione al modo in cui gli altri ci vedono, l'abito, il gesto, l'aspetto del volto diventano i segnali di tutta la nostra storia personale.
Avere il corpo 'giusto', allora, diventa un compito da svolgere per stare in società e ottenere riconoscimento. In questa duplice dimensione, che intreccia natura e cultura, tatuaggi, piercing, scarificazioni e chirurgia estetica possono diventare modi efficaci per acquisire un aspetto e un'identità adatti alle richieste del contesto o, al contrario, per opporvisi, criticando i codici condivisi e rinunciando a essi.
Il volume vuole scavare sotto le apparenze e provare a offrire una descrizione più attenta e articolata di queste pratiche che, da un lato, vengono spesso racchiuse sotto l'etichetta della trasgressione e dell'esibizionismo mentre, dall'altro, vengono facilmente ridotte a fenomeno di moda passeggero. Partendo da testimonianze raccolte sul campo si intende ricostruire lo scenario entro cui i corpi sono modificati dagli attori sociali. Attraverso interviste in profondità a professionisti, clienti e pazienti ed etnografie condotte nei negozi di tatuaggi, piercing e scarificazioni, viene, infatti, a delinearsi un quadro in cui gli interventi 'volontari' sul corpo sono ricompresi alla luce dei parametri di genere.
Il filo conduttore è una corporeità che sempre meno cerca di discostarsi dai modelli unici di femminilità e maschilità e nelle pratiche segue direttrici sempre più tradizionali e conformiste, anziché sovversive o innovative, anelando tuttavia a una rivoluzione dei codici di rappresentazione di genere.

Ambrogia Cereda, dottore di ricerca in Sociologia e metodologia della ricerca sociale, si occupa di temi inerenti all'uso sociale ed espressivo del corpo e delle tematiche di genere. Fra le sue pubblicazioni ricordiamo Il tatuaggio fra autobiografia e narrazione collettiva (2006).

Indice



Introduzione
(Interrogare il corpo, scoprire l'identità; Le modificazioni come rappresentazioni incorporate; Comprendere l'incorporazione: le arene; Metodologia della ricerca; Articolazione del libro)
Figure dell'identità
(Identità: vecchie questioni, nuovi racconti?; La figura dell'autotrasformazione; La figura della scrittura scenica; La figura della performance)
Presentare il corpo, comunicare il genere: i contorni dell'identità
(Corpo e genere: un intreccio per l'identità; Le rappresentazioni ibride: una moltiplicazione apparente?; Incorporare il genere: le tecniche del corpo)
Tra pratiche e discorsi. Il corpo ordinario
(I limiti del corpo ordinario: l'idioma corporeo; Le possibilità del corpo ordinario: il body project; Lavoro sul corpo, lavoro di socializzazione)
L'arena dei media internazionali
(Tra sensualità e obsolescenza: il corpo schermo)
L'arena del disciplinamento
(Il disciplinamento: cellulare, organico, genetico, combinatorio; La disciplina come compimento del genere: il corpo monumentale)
L'arena estetica
(I creatori delle performance estetiche; Convenzioni e concenzioni estetiche: le performance; Il corpo difforme: lontano da femminilità resistente e maschilità subordinata; L'orizzonte estetico)
L'arena commerciale
(Il corpo consumabile; La (com)modificazione dell'etnia e della spiritualità)
Il corpo conviviale. Una nuova incorporazione?
Osservazioni conclusive. I corpi: le nuove arene?
Glossario
Riferimenti bibliografici.