Il valore dell'immigrazione.
Autori e curatori
Contributi
Khalid Chaouki, Stefano Solari
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 154,      1a edizione  2015   (Codice editore 1820.280)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891710994
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891721402
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Che tipo di informazione veicola la stampa italiana sul tema dell’immigrazione, e qual è il ruolo che ricopre nella costruzione dell’immagine pubblica degli immigrati? Attraverso l’analisi di quotidiani italiani e approfondimenti tematici, il volume mette in rilievo quali siano gli attori sociali, le aree tematiche e le “parole” che concorrono alla formazione del senso comune e della nostra percezione della realtà.
Presentazione del volume

Conoscere il contributo economico dell'immigrazione per combattere gli stereotipi impropri. L'immigrazione fa notizia, occupa spazi importanti sulle prime pagine dei giornali, spesso è presente nei titoli di testa, ed indubbiamente entra in vario modo a far parte della nostra quotidianità. L'attenzione crescente che i media riservano alla questione, però, pone un problema circa la qualità delle informazioni divulgate. Che tipo di informazione veicola la carta stampata italiana sul tema dell'immigrazione, e qual è il ruolo che ricopre nella costruzione dell'immagine pubblica degli immigrati? In quale misura partecipa a quel processo di costruzione di senso comune che, per definizione, è il modo di "sentire" del grande pubblico?
Queste sono alcune delle domande che costituiscono l'oggetto della presente pubblicazione. Attraverso l'analisi di articoli di quotidiani italiani e approfondimenti tematici, la Fondazione Leone Moressa mette in rilievo, con l'utilizzo di diversi approcci, quali siano gli attori sociali, le aree tematiche e le "parole" che concorrono alla formazione del senso comune e della nostra percezione della realtà.

La Fondazione Leone Moressa è un istituto di studi e ricerche nato nel 2002 da un'iniziativa della Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre CGIA. L'attività della Fondazione consiste nella realizzazione e diffusione di studi statistici sull'economia dell'immigrazione in Italia, con l'obiettivo di mettere a disposizione dell'opinione pubblica e dei policy maker strumenti attraverso i quali individuare possibili percorsi di integrazione economica e sociale. Dal 2003 al 2010 la Fondazione Leone Moressa ha pubblicato i rapporti annuali Fotografia del Sistema Economico Regionale e Osservatorio sull'occupazione italiana e straniera nella piccola impresa veneta. Dal 2011 pubblica il Rapporto Annuale sull'Economia dell'Immigrazione (il Mulino). Ha inoltre curato Una prova di democrazia in tempo di crisi (Marcianum Press, 2010) e Quali giovani per quale futuro? (Marcianum Press, 2012).

Indice
Khalid Chaouki, Prefazione
Stefano Solari, Presentazione
Quando l'immigrazione fa notizia
(Rappresentazioni sociali, stereotipi e immigrazioni nella stampa; La ricerca: obiettivi, metodi e tecniche di indagine; Analisi della scheda: quanto e come si parla dell'immigrazione nella stampa; Analisi dei titoli: meglio "rifugiati" che "immigrati"; Analisi degli articoli: le aree tematiche prevalenti; Mondi lessicali e contesti semantici: cronache di sbarchi, pratiche burocratiche, politica ed economia; Un approfondimento tematico: immigrazione e lavoro)
Immigrati: i nuovi attori economici e finanziari?
(Lo stereotipo: "L'apporto economico degli immigrati è inutile per l'Italia"; Il contributo degli stranieri. Cosa ne pensano gli italiani; Il ruolo economico dei migranti; Il disagio economico e l'inclusione finanziaria delle famiglie straniere; Le imprese straniere; Le rimesse)
Il mercato del lavoro
(Lo stereotipo "Gli stranieri rubano il lavoro agli italiani"; Stranieri e lavoro. Cosa ne pensano gli italiani; L'andamento occupazionale italiano e straniero durante la crisi; Il lavoro domestico)
La beffa salariale
(Lo stereotipo: "Gli stranieri abbassano lo stipendio degli Italiani"; Stranieri e salari. Cosa ne pensano gli italiani; I differenziali retributivi tra italiani e stranieri)
L'immobilità sociale
(Lo stereotipo: "I figli degli immigrati faranno sempre i lavori dei loro padri"; L'immobilità sociale. Cosa ne pensano gli italiani; I flussi migratori in Italia; La mobilità occupazionale)
Le seconde generazioni
(Introduzione; Il percorso scolastico; Situazione lavorativa; Impegno sociale e politico; Acquisizione della cittadinanza italiana; Stereotipi e discriminazioni; Conclusioni)
Immigrazione: costo o beneficio per l'Italia?
(Lo stereotipo: "Gli immigrati non servono, sono solo un costo per l'Italia"; Costo o beneficio. Cosa ne pensano gli italiani; Le imposte pagate dagli stranieri; Immigrazione e sistema di welfare; La spesa pubblica destinata agli immigrati)
Il valore dell'immigrazione. Proposte per una corretta comunicazione sull'immigrazione
(Da problema a componente della società; Raccontare la complessità dei fenomeni; Dar voce ai protagonisti; Le diverse facce dell'immigrazione; Raccontare modelli positivi di integrazione; Gli stranieri come attori economici)
The value of immigration. Proposals for correct communication about immigration
(From a problem to a component of society; Talking about the complexity of the phenomena; Giving the players a voice; The different faces of immigration; Speaking about positive integration models; Foreigners as economic players)
Riferimenti bibliografici.