Aggressività e violenza. Fenomeni e dinamiche di un'epoca spaventata
Contributi
Maurizia Albanese, Ludovica Alessio, Edoardo Ardizzone, Maria Giuseppe Balice, Giuliana Berardo, Giorgio Maria Bressa, Marco Bricco, Chiara Cerrato, Simona Codrino, Enrico Colajanni, Mirella Cristiano, Antonio Cuciniello, Andrea Dughera, Grazia Fallarini, Fabrizio Floris, Elena Gerardi, Mariachiara Giorda, Marco Gonella, Sara Ibrahim, Maria Grazia Imperato, Paola Lazzarini, Maria Giuseppina Lucia, Giuseppe Luciano, Alessandro Mastinu, Milena Molinari, Luciano Peirone, Anna Claudia Pellicelli, Bruno Pizzica, Vincenzo Prunelli, Alessandro Ratto, Alberto Riccadonna, Mariagrazia Santagati, Tiziana Stobbione, Italo Talia, Annunziata Vita
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 432,      1a edizione  2017   (Codice editore 1531.6)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 45,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 31,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 31,50
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il volume offre una panoramica, esaustiva e documentata, della condizione di aggressività e violenza di cui si è continuamente informati in questo nostro villaggio globale, e tenta di illustrare, con tecniche e casi concreti, come l’aggressività e la violenza possano essere gestite.
Presentazione del volume

Uno dei tratti distintivi dell'epoca in cui viviamo è costituito dal moltiplicarsi di opportunità, ma anche di sentimenti di dissenso, smarrimento e insicurezza. La condizione di instabilità percepita genera angoscia per il futuro e una delle conseguenze più gravi di questo processo di insicurizzazione complessiva è la crescita dell'aggressività, che degenera in violenza.
L'origine dell'aggressività e della violenza è complessa da ricercare, ma nell'attuale scenario sociale è possibile dire che un ruolo determinante è dato dal timore di fallire, di non avere successo, di non essere all'altezza delle grandi opportunità che il mondo offre.
I fenomeni di intolleranza, la nascita di movimenti nazionalisti estremi, l'incancrenirsi di situazioni di emarginazione e di devianza trovano terreno fertile in una società ormai popolata da diverse etnie, ma non ancora interculturale. L'appartenenza religiosa o la ricerca di una qualche forma di riscatto sociale sono solo alcune delle forme assunte da questo disagio, che colpisce insieme l'individuo e la collettività, e di cui il volume offre una panoramica, il più possibile esaustiva e documentata.
Nella prima parte, l'origine dei comportamenti aggressivi e violenti è letta alla luce della capacità dell'uomo di rappresentare se stesso e gli altri.
La seconda parte analizza i casi in cui l'aggressività degenera in azioni violente condotte con l'impiego delle armi. La terza parte mette in relazione la violenza e l'aggressività con i diversi stadi (infanzia, adolescenza, vecchiaia) e le situazioni di vita (famigliari e lavorative) in cui esse si manifestano.
Nella quarta parte l'attenzione si sposta sui luoghi in quanto contesti che subiscono, ospitano e finanche esercitano varie forme di violenza.
La quinta parte, di taglio più operativo, illustra con tecniche e casi concreti come l'aggressività e la violenza possano essere gestite.

Guido Lazzarini è professore di Sociologia presso l'Università degli Studi di Torino. Tra le pubblicazioni più recenti si ricorda La natura sociale della salute (a cura di, FrancoAngeli, 2016).

Luigi Bollani è ricercatore e professore aggregato di Statistica sociale presso l'Università degli Studi di Torino. Tra le pubblicazioni recenti si ricorda "Misurare il benessere sostenibile", in La terra che calpesto (a cura di Lucia M.G., Lazzarini P., FrancoAngeli, 2015).

Francesca Silvia Rota, PhD in Pianificazione territoriale e sviluppo locale, svolge attività di ricerca nel campo della geografia economica, della competitività e dell'innovazione dei territori.

Indice
Maria Giuseppina Lucia, Prefazione. Aggressività e violenza: conoscere per contrastare
Alberto Riccadonna, Presentazione
Guido Lazzarini, Luigi Bollani, Francesca Silvia Rota, Introduzione
Parte I. L'origine dell'aggressività e della violenza
Guido Lazzarini, Stati di integrazione e ordine: un continuo assestamento
(Introduzione; L'attore sociale tra rispetto delle regole e contrasto; Costruzione di legami tra soggetto e società inclusiva; Appartenenza e appartenenze; Spazi di libertà di scelta e responsabilità del soggetto; Comportamenti devianti e reazione della società; La costruzione e ricostruzione dell'ordine sociale; Riferimenti bibliografici)
Giuseppe Luciano, Fattori neurobiologici, psicogenetici e psicosociali dell'aggressività e della violenza
(Un approccio multidisciplinare; Dalla psichiatria nosografica alla psicogenesi dei disturbi mentali; Le ricerche della psicofarmacologia moderna e la loro ricaduta sullo sviluppo della psichiatria; I comportamenti violenti patologici e i più recenti orientamenti diagnostici della psichiatria; Disturbi mentali con comportamenti violenti dell'età evolutiva; Disturbi mentali con comportamenti violenti dell'età adulta; La fattibilità della prevenzione dei comportamenti violenti individuali; Riferimenti bibliografici)
Luciano Peirone, Gli aspetti profondi ed inconsci dell'aggressività e della violenza. Le origini psicoanalitiche del Male nell'individuo
(Aggressività e aggressione, violenza e distruttività; Aggressività e violenza: fra desiderio conscio/inconscio e comportamento agito; I vissuti fantasmatici; L'aggressività nel Mondo Interno: gestione delle tensioni e controllo dell'ansia persecutoria; L'aggressività nel Mondo Interno: elaborazione dell'ansia depressiva; Oltre i fantasmi paranoidi, oltre i fantasmi depressivi: l'Inconscio che "ripara"; Il superamento dell'aggressività distruttiva e del trend violento: il processo di autoconoscenza e la "pacificazione" del Mondo Interno; Le buone pratiche sociali e le buone pratiche intrapsichiche; L'eterna lotta fra Éros e Thánatos, fra Pulsione di Vita e Pulsione di Morte; Riferimenti bibliografici)
Giorgio Maria Bressa, Aggressività come dimensione della natura umana
(Introduzione; Origini e sviluppo dell'aggressività; Tipi di aggressività; Aggressività biologica; Aggressività e neuroscienze; Conclusione; Riferimenti bibliografici)
Marco Gonella, Aggressività e relazioni primarie: una lettura psicologica
(Introduzione; Aggressività: una questione di emozioni tra individuo e ambiente; Aggressività e sviluppo psichico; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Maurizia Albanese, Aggressività e amore: dall'autenticità individuale all'indignazione etica
(Aggressività benigna e autenticità; Il dissenso e la disobbedienza; Aggressività e indignazione etica motori dell'azione sociale; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Parte II. La violenza delle armi
Fabrizio Floris, Luigi Bollani, La violenza globale delle armi: costi umani e prezzo di mercato
(Una stilla di rugiada al mattino; I conflitti nel mondo; Il mercato globale delle armi; Traffico illegale e finanza di guerra; L'Italia; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Mariagrazia Santagati, Maria Chiara Giorda, Antonio Cuciniello, Immigrazione in Europa e attrazione giovanile per il radicalismo violento. Concetti chiave per l'analisi
(Una premessa. Sfide per la socializzazione dei figli dell'immigrazione; Parole chiave e distinzioni concettuali; Conclusioni provvisorie. Ripartire dall'analfabetismo religioso; Riferimenti bibliografici)
Luciano Peirone, Il profilo psicosociale e culturale del terrorista postmoderno: alcune considerazioni
(Fondamentalismo, radicalismo e violenza; Il terrorista di base, il terrorista estremo, il foreign fighter; Ideologia, religione o psicopatologia?; L'incontro/scontro fra civiltà; L'emarginazione sociale: eteroindotta o autoindotta?; La "conversione", l'affiliazione, il reclutamento; Stravolgimenti dell'identità: la negazione dell'Io e il dominio del Noi; Distanza e freddezza, anaffettività e mancanza di autocritica; La non-esistenza dell'Altro e il bisogno della sua eliminazione; La sensibilità, la speranza e la conoscenza contro la barbarie; Riferimenti bibliografici)
Francesca Silvia Rota, Perché qui? Le stragi di studenti nelle scuole americane
(Il fenomeno delle sparatorie di massa nelle scuole; Le stragi nelle scuole americane: un fenomeno place-based?; Non è un paese per assassini; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Italo Talia, Dal puzzle balcanico alla costruzione cruenta dello Statonazione
(Il puzzle balcanico; La guerra nella ex-Iugoslavia; Alle origini dei conflitti; La percezione dell'"altro" e la definizione dei confini; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Parte III. Aggressività e stadi di vita
Paola Lazzarini, Il tempo sotto aggressione del bambino
(Il bambino, una "scoperta" recente; Le necessità fondamentali del bambino; Il bambino nella società capitalistica-tecnocratica e le sue implicazioni sulla fisiologia; Il tempo assediato dei bambini; Favorire la soggettività dei bambini; Riferimenti bibliografici)
Sara Ibrahim, L'aggressività nel mondo giovanile
(Il periodo travagliato dell'adolescenza; Teorie in materia di aggressività; Il rapporto dell'adolescente con l'aggressività; Forme frequenti di aggressività maligna nelle patologie mentali adolescenziali; Considerazioni conclusive; Riferimenti bibliografici)
Mirella Cristiano, Giovani a rischio. Il ruolo della formazione professionale contro il fenomeno dei NEET
(Le recenti dinamiche economiche e occupazionali e il fenomeno dei NEET; L'importanza della formazione; L'esperienza dei Centri di Formazione Professionale; Proposta per una nuova rete di servizi territoriali; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Andrea Dughera, L'aggressività nel percorso di vita: una lettura psicologica della vecchiaia, tra malattia e istituzioni di cura
(Introduzione; Vecchiaia e aggressività; La vecchiaia e l'istituzione; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Bruno Pizzica, La violenza invisibile
(Quando la violenza è omissiva o invisibile; L'anziano vittima di violenza; La risposta della politica; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Milena Molinari, La violenza psicologica di genere
(La violenza di genere. Fenomeno sociale e culturale; Violenza simbolica, culturale, diretta e indiretta; Il femminicidio; La violenza psicologica in ambito familiare; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Simona Codrino, Lo stalking oggi
(Un fenomeno nuovo ma antico; I comportamenti che definiscono lo stalking; Dallo stalking al cyberstalking; Chi è lo stalker; Le vittime dello stalking; La disciplina contro il reato di stalking; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Parte IV. La violenza nei luoghi di vita e lavoro
Luigi Bollani, Annunziata Vita, Ludovica Alessio, Edoardo Ardizzone, Dalla sacralità alla violazione della Natura. Conseguenze sull'ambiente e percezione dei rischi
(Uomo e Natura: un difficile equilibrio; Il funzionamento del geosistema: alterazioni e conseguenze; Eventi estremi e responsabilità umana; Le violenze all'ambiente nella percezione dell'opinione pubblica; Conclusione; Riferimenti bibliografici)
Alessandro Ratto, Dinamiche di inquinamento globale
(Il problema dell'inquinamento ambientale: una proposta metodologica; Inquinamento e geopolitica; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Fabrizio Floris, La violenza del luogo. Isole di città che non comunicano
(Città-mondo e dinamiche darwiniane; Slums e campi; Quali insediamenti?; Problemi aperti; Riflessioni conclusive: lungo le strade dell'identità; Riferimenti bibliografici)
Tiziana Stobbione, L'aggressività nei luoghi di cura
(Le vessazioni nel mondo sanitario; Il casus belli: l'esperienza del vissuto quotidiano; I principali stressors lavorativi in ambito sanitario; Gli aspetti normativi; La tutela del capitale umano come strumento di gestione del ben-essere in Azienda e di riduzione dell'aggressività; Un piano di azioni positive per la tutela del lavoratore; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Maria Giuseppe Balice, Maria Grazia Imperato, Aggressività e violenza in ambito sanitario
(Introduzione; Un problema epidemiologicamente rilevante; La natura multifattoriale dell'aggressività in ambito sanitario; Prevenire e gestire l'aggressività: il ruolo della formazione; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Giuliana Berardo, L'inganno. Il caso Banca Etruria e dintorni
(Introduzione; Fiducia; Inganno e violenza; Professionalità e/nell'inganno; Il caso Banca Etruria; Dintorni: il mio quotidiano; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Tiziana Stobbione, Alessandro Mastinu, Violenze e abusi sul lavoro: breve viaggio nel mondo del mobbing
(La diffusione della violenza nei contesti lavorativi: anatomia di un fenomeno; Che cos'è veramente il mobbing?; Le fasi del mobbing; Il mobbing: uno sguardo dal punto di vista legale; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Anna Claudia Pellicelli, Aggressività dell'impresa e rischi di reputazione
(Comportamenti aggressivi e rischi di reputazione; I drivers e l'impatto sulla reputazione; Disaster recovery e contingency plan; Riferimenti bibliografici)
Parte V. Gestire l'aggressività e la violenza
Elena Gerardi, Training autogeno: una tecnica per il controllo delle emozioni eccedenti e dell'aggressività
(Emozioni in eccesso e sfaccettature dell'aggressività; Emozioni in eccesso e componenti collaterali; L'antidoto all'aggressività e alla violenza; Formule e visualizzazioni; Il TA per la gestione delle emozioni eccedenti/aggressive; Gestire la persona aggressiva mediante la psicologia; TA, autoipnosi e creatività: per vincere il Male Interiore; Riferimenti bibliografici)
Vincenzo Prunelli, Aggressività nello sport: il ruolo educativo delle regole
(Introduzione; Lo sport in negativo; Lo sport al positivo; Gli stimoli positivi; Lo sport che educa)
Enrico Colajanni, La Mafia e la paura
(Il potere intimidatorio della criminalità organizzata; Il ricatto della Mafia sugli imprenditori siciliani; Conoscere (la paura) per agire in modo consapevole)
Chiara Cerrato, Politiche di promozione culturale contro l'aggressività verso la natura e il paesaggio. Il caso del sito Unesco Langhe-Roero e Monferrato
(Introduzione; Ritorno al patrimonio territoriale come strategia anticrisi; Un sito Unesco come punto di partenza; Un invito all'azione; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Marco Bricco, Grazia Fallarini, L'esperienza teatrale come strategia educativa per contrastare il fenomeno del bullismo
(Dall'Alto in basso: un progetto esemplificativo di contrasto al fenomeno del bullismo; L'articolazione del progetto; La ricerca; L'attività teatrale; Il confronto con le figure educative di riferimento; Conclusioni poetiche; Riferimenti bibliografici)
Gli autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi