Ordine e disordine nella città contemporanea
Autori e curatori
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 200,      1a edizione  2017   (Codice editore 1740.144)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891751959

In breve
La pianificazione, i suoi metodi, i suoi strumenti e le sue realizzazioni sono i mezzi di cui si dispone per combattere il disordine che interessa la città contemporanea. Il testo analizza quanto hanno scritto e teorizzato pianificatori e studiosi del territorio intorno all’ordine urbano, ponendo l’attenzione sui meccanismi concreti che determinano situazioni di disordine e riflettendo, infine, su come contrastare il disordine e con quali esiti.
Utili Link
L'Indice La dialettica di due fratelli siamesi (di Ianira Vassallo)… Vedi...
Presentazione del volume

Perché le città, nonostante l'impegno profuso per dare loro un ordine, anche se di volta in volta codificato in modo differente, finiscono sempre per essere "disordinate"?
Da questa semplice domanda un albero problematico si offre agli occhi del lettore. Innanzitutto ci si interroga su cosa sia ordine e disordine in generale, e più in dettaglio su cosa si intenda per ordine urbano. Non soddisfa il riferimento a un ordine fisico: le città certo sono fatte di pietre, cemento, ferro, ecc., ma esistono solo in relazione alla presenza di uomini e donne.
Quando si parla di ordine urbano in realtà si intende un insieme fisico, sociale, culturale ed economico. Ma, come se non bastasse, le città "cambiano", cioè hanno un loro dinamismo. A questo punto si potrebbe sostenere che sarebbe molto improbabile che questo insieme di uomini e donne, di desideri e progetti, di invenzioni e storia, di culture non omogenee, di attività economiche in continua trasformazione, di saperi che si arricchiscono o che si impoveriscono, riuscisse a mantenere un ordine. Il disordine, in realtà, risulta elemento vitale per la città.
Ma la città può essere abbandonata al disordine? Certo che no! Il disordine va combattuto, sapendo che esso si ripresenterà, e che nel combatterlo la città può migliorare, soprattutto se si sono riconosciuti gli interessi che si avvantaggiano dell'ordine e quelli che si avvantaggiano del disordine. Gli strumenti di cui si dispone sono quelli della pianificazione, dei suoi metodi, dei suoi strumenti e delle sue realizzazioni.
Questa esplorazione viene fatta prima (Il principio d'ordine) analizzando quanto hanno scritto e teorizzato pianificatori e studiosi del territorio intorno all'ordine urbano; nella seconda parte (Il disordine) si pone attenzione a quali sono i meccanismi concreti che determinano situazioni di disordine; nella terza parte (L'azione) si riflette, infine, su come contrastare il disordine e con quali esiti.

Francesco Indovina, già professore di Analisi del territorio presso l'Università IUAV di Venezia, insegna Pianificazione urbanistica e territoriale al Dipartimento di Architettura, Urbanistica e Design dell'Università di Sassari con sede ad Alghero. È stato direttore della rivista Archivio di studi urbani e regionali, edita da FrancoAngeli.

Indice
Introduzione. Perché le città finiscono in disordine?
(L'urbanistica, una vocazione d'ordine)
Parte I. La volontà d'ordine
Gli urbanisti senza l'urbanistica
Episodi di urbanistica "moderna"
(L'addizione di Ferrara; La ricostruzione di Lisbona; La Parigi di Haussmann)
Quale ordine
(Ieri e oggi; Una "pretesa" d'ordine; L'ordine immaginato)
Suggestioni
Florilegio 1 (Ippodamo da Mileto; Vitruvio; I. Cerdà; C. Sitte; E. Hénard; E. Howard; P. Geddes; A. Soria y Mata; T. Garnier; F. Lloyd Wrigth; G. Benoit-Lévy; W. Gropius; Le Corbusier, G. Pagano; G. Samonà; L. Piccinato; P. Bottoni; G.C. Argan; G. Astengo; K.A. Lynch e L. Rowuin; G. De Carlo; L. Benevolo; G. Campos Venuti; V. Gregotti; E. Salzano; A. Rossi; B. Gabrielli; B. Secchi; P. Ceccarelli; P.L. Cervellati; L. Mazza; A. Magnaghi)
Parte II. Il disordine
Premesse
(Cosa è disordine?; La città puzzle; La complessità)
La necessità e la possibilità
Mutamenti con effetti spaziali
(Le attività economiche, produttive e di servizio; Il capitale fisso sociale)
Diversità spaziali, fluidità d'uso: il puzzle urbano
(Centro e periferie; La diseguaglianza spaziale (l'organizzazione sociale dello spazio) e l'uso della città; Lo "spazio" della paura (o della sicurezza))
Il disordine
Florilegio 2 (Omero; É. Zola; R. Park, E.W. Burgess e R.D. McKenzie; W. Benjamin; S. Dagerman; J.G. Ballard; D. Harvey; M. Ilardi; A. Amin e N. Thrift; P. Pittaluga)
Parte III. L'azione
Ordine/disordine: la dialettica dei fratelli siamesi
Le "pratiche sociali"
La pianificazione
(Senso comune e indifferenza collettiva; La richiesta di una pianificazione flessibile; Lo scoglio degli effetti non previsti (perversi); La comunicazione urbanistica; La partecipazione e mobilizzazione sociale)
Temi emergenti nella pianificazione
L'ordine urbano necessario: il diritto alla città
Indicazioni bibliografiche delle opere citate.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi