L'illuminismo e i suoi critici

Contributi
Nadia Ancarani, Michele Battini, Fulvio De Giorgi, Domenico Fisichella, Annalisa Furia, Giulio Giorello, Gustavo Gozzi, Luca Guzzardi, Nadia Urbinati
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2011   (Codice editore 495.218)

L'illuminismo e i suoi critici
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856834598
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856843071
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Se è vero che l’Illuminismo ha determinato profondamente “ciò che oggi noi siamo, pensiamo e facciamo”, per molti suoi critici conservatori questa genealogia costituisce un peso. Il testo presenta alcune posizioni critiche al pensiero illuminista, in particolar modo quelle teocratiche o etnocentriche. Come si sono sviluppate queste critiche? E come risponde e ha risposto l’Illuminismo?

Utili Link

Domenica (il Sole 24 Ore) L'illuminismo e i nostri valori (di Stefano Folli)… Vedi...

Presentazione del volume


Scriveva Michel Foucault che l'Illuminismo ha determinato profondamente "ciò che oggi noi siamo, pensiamo e facciamo".
Per molti suoi critici conservatori, questa genealogia può diventare un peso, soprattutto quando imprigiona il nostro giudizio morale e politico dentro i canoni di una razionalità astratta o quando ci porta a leggere la politica come un progetto di liberazione o di emancipazione fondata su principi universali, come l'eguaglianza dei diritti. A queste critiche, che restano nella maggioranza dei casi all'interno di un orizzonte liberale, se ne devono aggiungere altre che, invece, giungono a conclusioni più radicalmente ostili all'Illuminismo e, anche, al Liberalismo. È questo il caso di posizioni teocratiche o etnocentriche: le prime preoccupate di rivendicare un fondamento sovrannaturale dell'autorità morale e di fronteggiare la presunta "deriva relativistica" in atto; le seconde volte a escludere ogni forma di universalismo e a prediligere un'etica del gruppo o della casta a quella dell'umanità.
Come si sono sviluppate queste critiche all'Illuminismo? Come risponde e ha risposto l'Illuminismo? E quanto la critica all'Illuminismo è un riflesso della critica alla democrazia costituzionale?
Su tali temi la Fondazione Casa di Oriani ha chiamato a confrontarsi insigni studiosi, con lo scopo di dare conto del dibattito attuale e di mettere a confronto, senza pretesa di esaustività, diversificate posizioni culturali.

Dante Bolognesi è direttore della Fondazione Casa di Oriani. Si occupa di storia economica e sociale in età moderna e contemporanea. È membro delle direzioni delle riviste "Memoria e Ricerca" e "Romagna arte e storia".
Sauro Mattarelli è presidente della Fondazione Casa di Oriani. Tra i suoi lavori più recenti segnaliamo: la Postfazione al volume di R. Sarti, Giuseppe Mazzini. La politica come religione civile (Roma-Bari 2000); Dialogo sui Doveri. Il pensiero di Giuseppe Mazzini (Venezia 2005); la cura del volumi Frontiere del repubblicanesimo, Doveri e, con Th. Casadei, Schiavitù apparsi nella serie "Il senso della Repubblica" (Milano 2007-2009).

Indice



Dante Bolognesi, Sauro Mattarelli, Prefazione
Parte I. Illuminismo e anti-illuminismo: note per una riflessione
Nadia Urbinati, Le critiche dell'Illuminismo e il problema dell'eguaglianza
Domenico Fisichella, La critica del liberalismo e della sovranità democratica
Giulio Giorello, Luca Guzzardi, Italiani, ancora uno sforzo...
Michele Battini, Il controilluminismo e l'attacco all'emancipazione ebraica
Nadia Ancarani, "Anche ad essere si impara": educazione come ricerca di autonomia dell'esistenza
Parte II. Illuminismo, anti-illuminismo, democrazia, repubblica
Fulvio De Giorgi, Correnti e momenti dell'anti-illuminismo nell'800 e '900
Gustavo Gozzi, Kant: la concezione della democrazia sul fondamento dei diritti
Annalisa Furia, "Droits de l'homme" e "droits du citoyen": alle origini di un paradosso
Indice dei nomi.