Il trasporto pubblico locale dal protezionismo al mercato.

Evidenze empiriche sulle aziende del settore

Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 190,      1a edizione  2011   (Codice editore 365.841)

Il trasporto pubblico locale dal protezionismo al mercato. Evidenze empiriche sulle aziende del settore
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856829907
Clicca qui per provare l'e-book

In breve

A dieci anni dalla riforma che ne ha ridefinito il contesto normativo, il volume analizza il comparto del trasporto pubblico locale in Italia: domanda e offerta dei servizi di Tpl, motivazioni alla base della richiesta dei servizi e variabili che caratterizzano le imprese del settore. L’analisi consente la segnalazione dei meccanismi operativi che frenano la portata innovatrice della riforma.

Presentazione del volume

Il volume analizza il comparto del trasporto pubblico locale (Tpl) in Italia a dieci anni dalla riforma che ne ha ridefinito il contesto normativo. Lo studio è condotto attraverso una lettura della situazione del settore in termini di andamenti della domanda e dell'offerta dei servizi di Tpl, delle motivazioni che sono alla base della richiesta dei servizi e di alcune variabili che caratterizzano le imprese del settore: specifiche di struttura, elementi di governance, misure di performance.
I collegamenti tra la dinamica dei fenomeni macroeconomici e le realtà operative delle singole imprese consentono di osservare come i processi di liberalizzazione, privatizzazione e regolamentazione abbiano introdotto un momento di forte discontinuità rispetto a un assetto che si era consolidato intorno alla centralità dell'operatore pubblico ed era parso insensibile ai vincoli di natura finanziaria ed economica che condizionano l'operare di qualsiasi unità aziendale.
Il superamento della situazione di crisi in cui era progressivamente slittato il settore del Tpl in Italia è stato reso possibile dal cambiamento - per certi versi radicale - dell'intera architettura del sistema con chiara distinzione tra funzioni programmatorie e di finanziamento (riservate all'Ente pubblico), funzioni di controllo (da assegnarsi ad Agenzie connotate da una forte terzietà), funzioni gestorie (da lasciare alle imprese private).
L'analisi empirica condotta su 117 unità operative consente la segnalazione dei meccanismi operativi che tutt'ora frenano la portata innovatrice della riforma.

Luciano D'Amico è professore ordinario di Economia aziendale presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università degli studi di Teramo.
Riccardo Palumbo è professore straordinario di Economia aziendale presso la Facoltà di Scienze Manageriali dell'Università degli studi "G. d'Annunzio" di Chieti-Pescara.

Indice



Introduzione
Il trasporto pubblico locale
(La domanda di mobilità; L'offerta dei servizi di Tpl: aziende e politiche di gestione; La dimensione economico-finanziaria del Tpl prima della riforma; Il Piano di ristrutturazione delle Ferrovie in Gestione commissariale governativa)
Liberalizzazione, privatizzazione e regolamentazione del Tpl nella normativa comunitaria e nazionale
(Prime considerazioni: la normativa comunitaria; La normativa comunitaria: dal Regolamento 1191/1969 al Regolamento 1370/2007; La normativa nazionale prima del decreto Burlando; La riforma del settore: dal decreto Burlando al decreto Bersani bis; La normativa regionale di recepimento della riforma; Le procedure di gara espletate)
Evidenze empiriche sulla governance e le performance delle imprese di Tpl in Italia
(Premesse metodologiche; Settore di attività e localizzazione; Struttura; Elementi di governance; Performance)
Conclusioni
Bibliografia